Ciuffi di pigmento blu trovati nei denti di una donna vissuta fino a mille anni fa presentano un quadro sorprendente della sua vita di monaca medievale in Europa.

La donna probabilmente dipinse testi religiosi riccamente illuminati usati da membri di istituzioni religiose e nobili, secondo i ricercatori che hanno esaminato i suoi resti dentali. La scoperta mette in discussione l’ipotesi secondo cui erano solo i monaci maschi a produrre manoscritti decorati in modo prestigioso ed accurato. 

 

Pigmenti blu ribaltano idea sul ruolo della donna nel Medioevo

“L’uso precoce di questo pigmento da parte di una religiosa mette in discussione le ipotesi diffuse su … la produzione di genere di testi miniati”

recita un nuovo studio sul trova nella rivista Science Advances.

Come parte della ricerca sulla salute nel Medioevo, i ricercatori guidati dall’Istituto Max Planck per la Scienza della Storia Umana e dall’Università di York del Regno Unito hanno esaminato il calcolo dentale (essenzialmente la placca che si indurisce per tutta la vita) nei resti trovati di una monaca vissuta nella Germania centrale.

Situato nel comune di Dalheim, si ritiene che il monastero ospitasse circa 14 religiose dal tempo in cui fu fondato fino a quando il fuoco non lo distrusse. I denti di una donna morta tra i 45 e i 60 anni si distinguevano per i numerosi frammenti blu incorporato nel loro calcolo.

I microscopi ad alta potenza e diversi strumenti spettrografici, che separano la luce per le sue lunghezze d’onda, hanno rivelato il pigmento che si ottiene dalla pietra di lapislazzuli.

Il lavoro delle donne su questi documenti è stato in gran parte sconosciuto. “È stata una sorpresa completa”, ha detto in una dichiarazione la coautrice di studio Anita Radini, un’archeologa dell’Università di York nel Regno Unito.

“Quando il calco si è dissolto, ha rilasciato centinaia di minuscole particelle blu.”

 

Il ruolo del pigmento blu nel Medioevo

Durante il Medioevo europeo, il pigmento blu oltremare ottenuto da polvere di lapislazzuli era una merce rara estratta solo in Afghanistan e limitata all’uso in libri di lusso di alto valore e importanza. Appariva spesso insieme ad altri materiali costosi, come l’oro e l’argento, per aggiungere colori vivaci alle opere d’arte – ad esempio ad abiti religiosi.

Ma come ha fatto la vernice blu a entrare nei denti della donna? I ricercatori hanno esaminato molti scenari, concludendo con il posizionamento del pigmento in bocca che stava dipingendo con esso e leccando la fine del pennello per mantenere lo strumento bagnato.

Come un segno di umiltà, molti scribi e pittori medievali non firmano il loro lavoro prima del 15° secolo, e quella pratica applicata in particolare alle donne, i ricercatori sottolineano nel loro articolo. La scarsa visibilità del lavoro delle donne nella produzione di manoscritti ha portato molti studiosi moderni ad assumere che le donne giocassero poco in esso.

“Qui abbiamo prove dirette di una donna che non solo pittura, ma lo fa con un pigmento molto raro e costoso

ha detto Christina Warinner, professoressa al Max Planck Institute e autrice del giornale.

“La storia di questa donna avrebbe potuto rimanere nascosta per sempre senza l’uso di queste tecniche. Che aprono così le porte a nuove incredibili scoperte del genere”.