salamandra

Nuove ricerche svelano l’esistenza di tre nuove specie di salamandra. Gli esemplari sono stati trovati in Texas centrale, e venirne a contatto è stato più difficile che farsi una camminata al parco, per così dire. Queste salamandre vivono nelle profondità sotto terra, in una rete di canali allagati che attraversano la roccia calcarea porosa dello stato di Lone Star.

E lì, potrebbero essere ancora più a rischio d’estinzione di quanto si pensava in precedenza.

Le salamandre si muovono in una sottosezione degli stigiani corsi d’acqua nascosti, del sistema acquifero di Edwards-Trinity, che si estende per decine di migliaia di miglia quadrate attraverso il Texas centro-occidentale, molto al di sotto della superficie.

salamandra
Honey Creek, luogo in cui sono state scoperte queste salamandre

La storia di queste salamandre ha radici antichissime

Nonostante sia povera di sostanze nutritive, la falda acquifera è tra gli ecosistemi delle acque sotterranee più biodiverse del pianeta. Alcuni dei suoi abitanti sono i discendenti di specie oceaniche abbandonate da quando l’area era sotto un mare poco profondo circa 100 milioni di anni fa, secondo Tom Devitt, autore principale dello studio e scienziato ambientale con il City of Austin’s Watershed Protection Department.

 
 
salamandra
 
Per comprendere meglio la storia evolutiva di queste salamandre, come se la stanno passando al momento e quante varietà ne esistono, Devitt e i suoi colleghi hanno studiato la genetica delle salamandre. Hanno prelevato oltre trecento campioni genetici delle quattordici specie conosciute di salamandre di acque sotterranee in quasi cento siti lungo la falda acquifera. Confrontando migliaia di geni tra individui, il team ha potuto determinare dove vivessero le specie di preciso.
 
I loro risultati, pubblicati oggi negli Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze, indicano che le divisioni genetiche tra le popolazioni di salamandre rispecchiano la serie geografica dei canali, isolati e sotterranei, della falda acquifera. Dove le acque si biforcano, così fanno le specie di salamandre, dimostrando che le caratteristiche fisiche e idrogeologiche dell’acquifero sono state determinanti nel generare una miriade di ramoscelli sull’albero genealogico di questi esemplari.
 
 

Le tre specie appena scoperte sono già a rischio d’estinzione

Confrontando la genetica delle salamandre attraverso la falda e disegnando i confini tra le specie, il team ha scoperto l’esistenza di tre specie totalmente non descritte, geneticamente distinte da qualsiasi cugino vicino noto. Uno di questi è una salamandra color paglia, che si trova solo in una piccola area del fiume Pedernales vicino ad Austin, che i ricercatori considerano così rara e limitata nell’habitat che è già in pericolo di estinzione.

I ricercatori hanno anche scoperto che la salamandra di Georgetown precedentemente descritta, già considerata in pericolo, è limitata a un territorio ancora più piccolo di quanto si pensasse inizialmente.

Ora che la nuova specie è stata identificata, dice Devitt, il passo successivo è denominarli formalmente e descriverli, qualcosa che il team sta facendo al momento. Rivelare l’esistenza di queste specie è cruciale per la loro sopravvivenza a lungo termine, specialmente alla luce dell’urbanizzazione che minaccia la qualità delle falde acquifere.

Tutto ciò che rende le falde acquifere carsiche così grandi risorse idriche – ricarica rapida, alta porosità e permeabilità – li rende particolarmente vulnerabili alla contaminazione“, ha detto Devitt. “Una rottura o fuoriuscita di gasdotti potrebbe essere disastrosa per le specie endemiche d’acqua.”

salamandra
A causa dell urbanizzazione, panorami come questo in Texas stanno sparendo

L’impatto dell’uomo su queste creature

C’è anche l’impatto degli umani a metterci il suo, in quanto questi prelevano più acqua dalla falda acquifera di quanta ne viene reintegrata, causando la caduta della falda freatica. Devitt ha osservato che alcune aree della falda trinitaria hanno visto il loro livello di acqua scendere di oltre 1.000 piedi (poco più di 300 metri) dagli anni ’50.

Quell’acqua è sparita, non sta tornando,” continua. “Per gli organismi che vivono nelle falde acquifere come le salamandre, è la perdita dell’habitat che non si riesce a vedere”.

Nonostante siano di dimensioni ridotte, le salamandre sono i migliori predatori nell’ecosistema delle falde acquifere, il che significa che gli umani permettono a questi pallidi assassini di andare perduti per sempre a loro rischio e pericolo. Sono probabilmente fondamentali per il mantenimento della salute e della qualità dell’acqua di questi sensibili sistemi acquiferi, e la loro perdita potrebbe compromettere la fonte idrica chiave della regione in modi che ancora non comprendiamo.

Non sappiamo abbastanza su come funzioni questa comunità per sapere esattamente cosa succederebbe se si estinguessero“, ha detto a Earther il biologo evoluzionista e autore senior dello studio David Hillis. “Ma è come prendere parti da una complessa automobile: alcune parti si possono togliere e la macchina funziona ancora, ma se non comprendi pienamente come funziona la macchina, è una cattiva idea rimuovere parti a caso e sperare che non succederà nulla.”