pregiudizi visivi

Orgoglio e pregiudizio“. Anche da parte dei nostri occhi. I quali hanno, di fatto, dei pregiudizi visivi. Non tutti sanno sanno che fattori al di fuori del nostro controllo possono influenzare il modo in cui percepiamo gli attributi di base di questi oggetti. Potremmo obiettare che qualcosa è bello o brutto, ad esempio, ma saremmo sorpresi di apprendere che lo stesso oggetto è percepito come una sfera da una persona ma come un cubo da un’altra.

Già. Ma come funziona tutto ciò? Ce lo dice un esperimento.

 

Pregiudizi visivi come funzionano

Quando guardiamo qualcosa, il cervello usa segnali visivi – segnali sensoriali che trasmettono informazioni – per aiutare a capire cosa sia quella cosa. Ciò significa che la nostra percezione del mondo non è un semplice riflesso delle informazioni sensoriali, è un’interpretazione di esso. Oltre al colore e al movimento, la percezione della profondità è molto importante per aiutarci a percepire visivamente le cose.

La profondità ci aiuta a capire la forma degli oggetti e la loro posizione rispetto a noi stessi. Dobbiamo capirlo per spostarci nel nostro ambiente e interagire con gli oggetti.

Per percepire la profondità, gli esseri umani e gli animali si affidano a una serie di processi cerebrali e visivi spunti. Uno di questi segnali è l’ombreggiamento delle informazioni: possiamo percepire la profondità semplicemente interpretando i modelli di luce e buio sulla superficie degli oggetti. Il tutto senza bisogno di fare riferimento a qualsiasi altra informazione.

Per poter percepire la profondità dagli schemi di ombreggiatura, dobbiamo sapere assumere la posizione della sorgente luminosa che illumina l’oggetto. Per impostazione predefinita, se la sorgente luminosa non è evidente, supponiamo che la luce provenga da sopra l’oggetto.

Il cerchio a sinistra è solitamente percepito come convesso, mentre il cerchio a destra è solitamente percepito come concavo. Molto probabilmente la sfera a sinistra apparirà convessa (sporgente verso l’esterno). Questo perché è più leggero nella parte superiore, che riflette i modelli di luce e buio che verrebbero prodotti su un oggetto convesso se fosse presente una sorgente luminosa in testa.

La sfera sulla destra di solito appare concava (rientrata verso l’interno) perché è più scura in alto. Di nuovo, se ci fosse una sorgente luminosa in testa, un oggetto concavo sarebbe più scuro in alto perché le porzioni rivolte verso l’alto dell’oggetto catturano la luce, e le parti rivolte verso il basso sono oscurate.

L’ipotesi di luce da sopra non è molto sorprendente, dal momento che ci siamo evoluti in un mondo con una sorgente luminosa in testa: il sole.

Una scoperta meno intuitiva che gli scienziati hanno fatto, tuttavia, è che si presume che la luce provenga dal lato superiore sinistro dello spazio. Lo sappiamo perché, in laboratorio, le persone sono generalmente più veloci nel rilevare sfere convesse da un gruppo di sfere concave se la sfera convessa è illuminata dall’angolo superiore sinistro. Dunque, classificano più prontamente questi oggetti a sinistra come convessi.

Misurando l’attività elettrica nel cervello, i ricercatori hanno così anche scoperto che gli oggetti a sinistra sono più rapidamente riconosciuti di quelli illuminati da altri orientamenti.

 

Giudizi estetici influenzati da pregiudizi visivi

Cosa significa tutto ciò? Prendiamo per buono che tutti percepiscano il mondo come noi, anche se le loro impressioni potrebbero essere diverse dalle nostre. È difficile immaginare che alcune persone possano percepire la profondità tridimensionale in modo diverso da noi stessi.

Ma se la nostra percezione di qualcosa di così fondamentale come se un oggetto è convesso o concavo non è affidabile allo stesso modo tra persone e popolazioni, come possiamo iniziare a giudicare l’esperienza soggettiva?

I pregiudizi nella percezione visiva potrebbero spiegare alcune differenze nei giudizi estetici. Ma se possiamo spiegare perché persone diverse hanno una percezione opposta della stessa cosa, potrebbe, in definitiva, migliorare la nostra comprensione della cognizione umana su una scala più ampia.