blue monday

Oggi è il Blue Monday, il giorno più triste dell’anno. Sono passati 13 anni da quando è stato istituito il terzo lunedì del mese di gennaio come tale. I motivi? In questa giornata ricadrebbero speranze disattese, diete toste, diete interrotte, conti bancari a secco, tempo uggioso, giornate ancora corte, vacanze estive ancora lontane.

Sebbene un sondaggio di 2.000 persone mostri che il 5% delle persone è più felice durante questo periodo dell’anno.

Ma ci sono modi per affrontare il Blue Monday e invertire la tendenza di essere il giorno più triste dell’anno. Come la trovata di 200.000 cittadini dell’Irlanda del Nord.

 

Blue Monday, 200mila nordirlandesi lo combattono prenotando un viaggio

La ricerca di ATOL, il sistema di protezione finanziaria delle vacanze gestito dall’ente per l’aviazione civile del Regno Unito, ha rilevato che 200.000 nordirlandesi batteranno il blue monday prenotando una vacanza.

Mentre il prezzo della vacanza è ancora il fattore numero uno al momento della prenotazione delle vacanze – come noto, prima si prenota e meglio è – il 69% degli intervistati dall’ente per l’aviazione civile ammette di non cercare sempre una protezione finanziaria per le proprie vacanze. Rischiando una perdita economica se la compagnia aerea scelta cessi la propria attività.

Andy Cohen, responsabile di ATOL, ha dichiarato:

“Con l’oscurità che circonda il Blue Monday, non sorprende che molti turisti nord irlandesi si affrettano a prenotare viaggi estivi per sollevare il morale.

E poi aggiunge:

Se prenoti un pacchetto turistico oggi, guarda oltre il prezzo e assicurati la tua tranquillità controllando che la vacanza sia protetta finanziariamente. “

 

Vacanza contro Blue Monday, alcune precauzioni

Per tutti coloro che desiderano prenotare la propria vacanza nel Blue Monday, l’ente per l’aviazione civile del Regno Unito e ATOL hanno  fornito cinque suggerimenti su come proteggere al meglio i propri viaggi prenotati con largo anticipo:

  1. Verifica la protezione ATOL: cerca il logo sul sito web della tua azienda di viaggio, sulla brochure o sul negozio.
  2. Paga con carta di credito: se non stai prenotando un pacchetto turistico, paghi sempre il viaggio con una carta di credito. In questo modo sarai protetto per un massimo di £ 30.000 ai sensi dell’articolo 75 del UK Consumer Credit Act.
  3. Fai attenzione ai costi nascosti: utilizza una carta prepagata in valuta estera per evitare transazioni elevate e commissioni bancarie. Assicurati di controllare anche le tasse aeroportuali e di soggiorno, come la franchigia per il bagaglio e i trasferimenti dell’hotel, per evitare sorprese.
  4. Controllare la protezione finanziaria se si prenota con società di viaggio con sede all’estero: ci sono alcune compagnie di viaggio con sede all’estero che offrono vacanze ai turisti del Regno Unito, ma spesso non sono protette da ATOL. Fai la tua ricerca e verifica la protezione finanziaria che forniscono.
  5. Attiva un’assicurazione di viaggio non appena prenoti: dovresti prendere in considerazione una polizza non appena hai prenotato il tuo viaggio per assicurarti di essere coperto se qualcosa dovesse andare storto prima di decollare.