giorni della merla

I cosiddetti Giorni della “merla” sono, secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio. Quindi ricadono il 29, 30 e 31. Anche se alcune leggende parlano degli ultimi due giorni di gennaio e il primo febbraio. Ad ogni modo, essi corrispondono con quelli che dovrebbero essere i tre giorni più freddi dell’anno.

Se questi giorni non sono molto freddi, potrebbe significare che la primavera arriverà più tardi. Questa tradizione è simile ad altre basate sulle fasi lunari o l’uscita dell’orso dalla sua tana, come metodi per predire il tempo alcuni giorni dopo il giorno della Merla, o la Candelora.

 

Giorni della Merla: le origini

La leggenda dei giorni della Merla si perde nella notte dei tempi e ha infinite variazioni da luogo a luogo. Ma una cosa è comune a tutte le leggende: le date. Gli ultimi tre giorni di gennaio, i più freddi in inverno, sono solo una specie di cartina di tornasole. La quale si basa su un unico indicatore per fare previsioni sul tempo.

Questo freddo gelido non è più una grande preoccupazione ai giorni nostri, grazie al riscaldamento centralizzato che abbiamo in casa. Ma per i nostri antenati, che dovevano sopravvivere attraverso gelidi inverni con pochissimo calore in casa, questi erano giorni speciali. Molto più temuti e difficili da affrontare.

La tradizione ancestrale (supportata anche da prove statistiche dei cicli climatici in Italia) identifica questi giorni come il periodo più freddo. Dopo di che, con l’allungamento dei giorni e le lunghe ore di sole, la primavera si avvicina giorno dopo giorno. E le temperature si alzano gradualmente.

Il merlo (Turdus merula), è un uccello che non migra e in Italia tende a rimanere sul posto durante l’inverno. I merli hanno un forte dimorfismo sessuale nel loro piumaggio, che è scuro (compreso il becco) nelle femmine, mentre è nero lucido (con becco giallo e arancione) nei maschi.

In italiano la “merla” è il merlo femmina. Anticipando i primi segni di primavera, il canto del merlo può essere ingannevole: non sempre infatti indica che le temperature più calde sono effettivamente in arrivo.

Le statistiche meteorologiche disponibili per gli ultimi decenni contrastano con il detto popolare. Per cui non ci sono elementi scientifici a supporto della credenza.

 

Perchè i merli sono neri

Secondo molte leggende, nell’antichità tutti i merli erano bianchi. Per trovare riparo dal freddo estremo, un merlo era con i suoi pulcini in cerca di un rifugio. Vide un filo di fumo fuori da un camino e salì con i suoi piccoli. Sono emersi il 1 ° febbraio, tutti neri a causa della fuliggine. Da allora, come segno di gratitudine per la calura ricevuta che li ha aiutati a sopravvivere, i merli bianchi hanno accettato di essere neri.