colore della pelle

Nella nostra società, il colore della pelle è ancora una delle varianti più discriminanti per la specie umana.

Molti oratori dalla mentalità ristretta (e persino uno scienziato di primo piano) farebbero credere alle persone che il colore della loro pelle suggerisca che sono in qualche modo superiori.

Nonché che la loro sfumatura epidermica è avvenuta attraverso un atto di divina provvidenza. Invece nuove prove provenienti da un team internazionale di scienziati guidato da ricercatori dell’University College di Londra (UCL), direbbero ben altro.

Oltre 150 anni fa, Darwin teorizzò che le variazioni del colore della pelle sorsero nell’uomo attraverso un meccanismo di selezione naturale ed erano legate alla posizione geografica e all’esposizione al sole.

Si scopre che l’ipotesi di Darwin non era lontana dal vero, in quanto il precedente lavoro scientifico ha scoperto una serie di geni associati alla pigmentazione della pelle e all’esposizione ai raggi UV.

Ora, i genetisti dell’UCL, studiando diverse popolazioni latinoamericane, hanno identificato nuove varianti genetiche associate al colore della pelle.

I risultati dello studio – pubblicato oggi su Nature Communications attraverso un articolo intitolato “A GWAS in Latin Americans highlights the convergent evolution of lighter skin pigmentation in Eurasia” – hanno dimostrato che la variazione della pelle chiara tra le popolazioni eurasiatiche si è evoluta indipendentemente dai diversi background genetici.

 

Colore della pelle: nuova ricerca introduce altri fattori

Il team di ricerca ha individuato cinque nuove regioni associate che coinvolgono colore della pelle, degli occhi e dei capelli. I geni che influenzano il colore della pelle negli europei sono stati ampiamente studiati. Ma qui i ricercatori hanno identificato una variazione importante nel gene MFSD12 visto unicamente negli asiatici orientali e nei nativi americani.

“La pigmentazione della melanina determina i nostri capelli, la pelle e il colore degli occhi. Questo gene MFSD12 influenza il modo in cui la melanina viene prodotta e immagazzinata nella pelle, influenzando così il nostro colore della pelle “

spiega il co-autore dello studio Desmond Tobin, PhD. Professore di dermatologia presso l’University College di Dublino.

“Una pelle più scura produce più melanina, che può aiutare a prevenire la luce UV di danneggiare il nostro DNA e quindi offre protezione contro il cancro della pelle”.

È ben noto che i nativi americani sono geneticamente legati agli asiatici orientali, l’insediamento iniziale delle Americhe si verifica circa 15 -20.000 anni fa, attraverso la migrazione dalla Siberia orientale nel Nord America. Di conseguenza, le variazioni genetiche nei nativi americani sono spesso condivise con gli asiatici orientali.

“Il nostro lavoro dimostra che il colore della pelle più chiaro si è evoluto indipendentemente in Europa e Asia orientale”,

osserva il ricercatore Kaustubh Adhikari, PhD, un genetista statista dell’UCL. Il quale poi aggiunge:

“Mostriamo anche che questo gene era sottoposto a una forte selezione naturale nell’Asia orientale, forse come adattamento ai cambiamenti dei livelli di luce solare e delle radiazioni ultraviolette.”

Sorprendentemente, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che MFSD12 era sotto selezione naturale negli asiatici orientali dopo la divisione dagli europei circa 40.000 anni fa e fu poi trasferito in America da antiche migrazioni di nativi americani.

 

Utilizzato un campione più ampio per studiare colore della pelle

È la prima volta che questo gene è stato collegato al colore della pelle nei nativi americani e negli asiatici orientali. L’UCL Genetics Institute, che ha guidato il progetto CANDELA tra i partecipanti di cinque paesi: Brasile, Colombia, Cile, Messico e Perù.

Gli scienziati hanno chiesto maggiore diversità nella ricerca genetica per garantire che tutti traggano vantaggio dagli esiti medici della ricerca. Solo recentemente gli scienziati hanno pubblicato il primo studio importante sui geni legati alla diversità del tono della pelle in Africa.

I latinoamericani sono altrettanto sottorappresentati nella ricerca genetica, in particolare nella ricerca sulla pigmentazione. Oltre alla variazione del tono della pelle, gli scienziati hanno anche notato un’ampia variazione nel colore degli occhi tra i latinoamericani.

“Proprio come il colore della pelle, le prime ricerche sul colore degli occhi erano incentrate sull’Europa e focalizzate principalmente sulla distinzione tra blu e marrone. Ma mostriamo che il colore degli occhi è un ampio continuum, e studiando la variazione più sottile all’interno del marrone al nero, abbiamo trovato due nuovi geni ad esso collegati “

conclude il coautore dello studio Anood Sohail, un dottorando all‘Università di Cambridge.

I risultati dello studio aiutano a spiegare la variazione di colore della pelle, dei capelli e degli occhi dei latinoamericani, fanno luce sull’evoluzione umana e informano la comprensione dei fattori di rischio genetici per condizioni come il cancro della pelle.