feci contro malattie

Si sa, tutti defecano per necessità. Ma, a quanto pare, le feci di alcune persone sono oggettivamente migliori di altre. Al punto da poter essere utilizzate nel trattamento della malattia infiammatoria intestinale (IBD) e del diabete di tipo 2.

Un’ampia analisi della ricerca sui trapianti fecali ha ora portato questi donatori eccezionali fuori dall’ombra e sotto i riflettori. Dopo il processo, i ricercatori dell’Università di Auckland sono stati in grado di appuntare la medaglia di remissione su un singolo donatore. Le cui feci erano piene di tutti i batteri migliori e più necessari.

 

Donatori di feci contro le malattie intestinali

Il modello di successo in questi studi dimostra l’esistenza di “super-donatori“, le cui feci sono in grado di influenzare l’intestino ospite e portare a miglioramenti clinici “

spiega l’autore senior Justin O’Sullivan. Il quale studia come il microbioma può informare il trattamento di disturbi complessi presso l’Università di Auckland.

Vediamo che i trapianti da super-donatori raggiungono percentuali di remissione clinica di forse il doppio della media residua.

L’idea di super-avari è stata a lungo sospettata, ma questa è o uno dei primi studi globali a sostegno della loro esistenza. Una ricerca approfondita ha dimostrato che passare la cacca da un individuo all’altro è un trattamento affidabile per infezioni gravi e ricorrenti dell’intestino (Clostridium difficile), indipendentemente da chi sia il donatore.

Quando si tratta di trattare l’IBD e il diabete di tipo 2, i trapianti fecali sembrano funzionare meno di un quarto del tempo. Un certo numero di studi suggerisce che le diverse risposte dipendono fortemente dal donatore di feci e dalla qualità della loro donazione.

Un documento del 2015, ad esempio, ha rilevato che di tutti e nove i pazienti che sono entrati in remissione dopo un trapianto di cacca, sette di questi pazienti hanno ricevuto le feci dallo stesso donatore.

Sfortunatamente, quando si tratta di altri disturbi cronici, come il diabete, la ricerca sull’efficacia dei trapianti fecali manca e le inferenze sono traballanti, anche se ci sono stati alcuni risultati speranzosi.

 

Trapianto di feci anche per combattere Alzheimer, asma e sclerosi multipla

I risultati suggeriscono che se riusciamo a trovare un modo per scegliere questi super-donatori, potremmo essere in grado di migliorare il tasso di successo dei trapianti fecali per IBD e altre condizioni croniche. Con ogni probabilità, tuttavia, la verità è probabilmente più complicata.

Proprio come molte altre donazioni mediche, il successo dei trapianti fecali è probabilmente influenzato da una serie di fattori. Tra cui la compatibilità genetica, le reazioni immunitarie e la presenza di determinati batteri e virus. Inoltre, questi fattori possono variare a seconda del tipo di disturbo da trattare. In altre parole, le feci non si adattano a tutti, non importa da quale super donatore possa provenire.

“La nostra speranza è che se riusciremo a scoprire come ciò accada, allora potremo migliorare il successo del trapianto fecale e persino provarlo per nuovi condizioni associate al microbioma come l’Alzheimer, la sclerosi multipla e l’asma”

afferma O’Sullivan. Questo studio è stato pubblicato su Frontiers in Cellular and Infection Microbiology.