Home News

Analisi forense rivela “trucchi di geologia” di Leonardo da Vinci

Leonardo ha usato gli strati sedimentari per creare un effetto tridimensionale sul disegno insieme alle linee utilizzate per disegnare i campi coltivati ​​sul fondo

leonardo

Le analisi forensi del dipinto di Leonardo Da Vinci Paesaggio con fiume” hanno rivelato che il disegno è stato fatto in due fasi, suggerendo che non è la percezione reale del paesaggio ma il risultato della ricerca geologica dell’artista nel corso degli anni.

Il disegno è datato 5 agosto 1473 e molti storici hanno identificato il paesaggio come la cascata delle Marmore, una delle più alte cascate artificiali in Europa, situata a 7,5 chilometri da Terni, in Umbria.

Il dipinto è attualmente ospitato nella Galleria degli Uffizi a Firenze, ma è raramente esposto al pubblico. Dato che una grande esposizione del lavoro di Da Vinci si svolgerà nell’aprile di quest’anno, si è permesso di condurre indagini forensi per la prima volta in alcuni dei suoi dipinti.

 

Le analisi

Analisi al microscopio sotto luce infrarossa e raggi X hanno rivelato le proprietà chimiche della vernice utilizzata dall’artista. Apparentemente, nel disegno in questione, Da Vinci ha utilizzato due inchiostri molto diversi: uno basato su pigmenti di ferro e un altro su pigmenti di carbonio.

Ciò suggerisce che l’artista non ha abbozzato il disegno in una volta sola, ma ha aggiunto dettagli, come gli strati delle rocce, molto più tardi. È quindi improbabile che il disegno mostri un paesaggio reale. Sembra che Da Vinci l’abbia usato per abbozzare i suoi studi geologici fatti nel tempo.

Più di diecimila pagine di note dell’artista sono giunte fino a noi, la maggior parte datate tra il 1470 e il 1519. Alcune contengono osservazioni su affioramenti e rocce fatte durante i suoi viaggi in Toscana ed Emilia-Romagna. Come ingegnere, ha anche supervisionato la costruzione di grandi canali di irrigazione, tagliando i sedimenti dell’Appennino e della Pianura Padana.

Leonardo da Vinci fu uno dei primi naturalisti a comprendere l’origine delle rocce sedimentarie e a riconoscere i fossili come resti pietrificati di antichi animali viventi, come scrive nelle sue note personali: “Tra i letti rocciosi ci sono tracce dei vermi che strisciarono in loro quando non erano ancora asciutti“. Si potrebbe arrivare a questa conclusione solo dopo aver disegnato la cascata e aver deciso di aggiungere i dettagli precedentemente trascurati, gli strati di roccia, al lavoro iniziale.

L’artista ha studiato le rocce e i paesaggi, non solo per soddisfare la sua curiosità personale, ma anche per migliorare i suoi disegni. I livelli nello schizzo, sopra la cascata, sono geologicamente corretti. Strati di turbiditi, formati da valanghe sottomarine e poi spinti da forze tettoniche sopra il mare, sono avvistati negli affioramenti rocciosi dell’Appennino. Sono sottili nella parte inferiore e spessi nella parte superiore, derivanti da diversi tassi di sedimentazione sott’acqua.

cascata-davinci

Da Vinci non ha mai pubblicato le sue osservazioni geologiche e per un altro secolo le origini dei fossili e delle rocce sedimentarie rimarrebbero un mistero. Tuttavia, poiché ha usato l’esperienza geologica per migliorare i suoi dipinti, ha ispirato un’intera generazione di artisti del Rinascimento.

Fu il pittore tedesco Albrecht Dürer, che visitò l’Italia due volte per studiare l’arte del da Vinci, che rese popolare la nuova tecnica in Europa. Dopo di lui, molti altri artisti hanno iniziato a dipingere paesaggi realistici, studiando le rocce per ritrarle correttamente nelle loro opere d’arte.