metodi contraccettivi

Per quanto riguarda i metodi contraccettivi, per decenni alle si è raccomandato di prendere una pausa di una settimana, che è stato originariamente concepito per accontentare il Papa.

Non importa che i problemi di salute e il dolore delle donne non siano stati riconosciuti, studiati o presi sul serio. Ma è stato praticamente progettato un intero metodo contraccettivo per placare la Chiesa cattolica.

Le nuove linee guida emesse dalla Faculty of Sexual and Reproductive Healthcare (FSRH) affermano che “non ci sono benefici per la salute nell’intervallo libero da ormoni di sette giorni“, ha detto il professor Guillebaud al The Telegraph. Aggiungendo che

“il ginecologo John Rock ha ideato [la rottura] perché sperava che il Papa accettasse la pillola e la rendesse accettabile per i cattolici”.

 

Metodi contraccettivi, pausa di 7 giorni praticamente inutile?

Il Papa, come noto, non è stato ancora conquistato da questo programma “naturale” . Ma le donne di tutto il mondo hanno continuato a prendere la pillola contraccettiva combinata in questi 21 giorni su / 7 giorni, indipendentemente dal fatto che un l’uomo religioso potrebbe averlo gradito.

Non è la prima volta che il professor Guillebaud ha parlato del consiglio precedentemente superato riguardo al sistema di assunzione dei metodi contraccettivi 21/7. Nel 2017 ha detto al congresso annuale del Royal College of General Practitioners che la routine di sette giorni “dovrebbe essere consegnata alla storia” come “basata arbitrariamente sul calendario e non sulla scienza“.

Il consulente ginecologo alla London Gynecology Narendra Pisal è d’accordo, dicendoci che ha consigliato a molte donne di saltare la pausa di routine nella sua pratica. In quanto, a parte il fascino del Papa, un tuffo di sette giorni in ormoni può provocare effetti dannosi:

“Prendendo i metodi contracettivi continuamente blocchi un periodo completamente e migliora anche molti sintomi correlati al periodo come forti emorragie, dolore e anemia. Assumerlo continuamente è anche noto per migliorare condizioni come l’endometriosi, l’adenomiosi e la menorragia.”

Poi ha aggiunto:

“Anche se prendere la pausa di sette giorni non necessariamente non rende gli effetti avversi peggiori o più comuni (come mal di testa o problemi di sonno) è noto a causare crampi durante i periodi e può anche causare alcuni sbalzi d’umore quando gli ormoni vengono ritirati durante una pausa.”

 

Le nuove linee guida del NICE

Le nuove linee guida approvate dal NICE affermano che le donne possono fare meno o nessuna pausa mensile senza ormoni per evitare tali sintomi. Il che, come migliora in modo sostanziale la qualità della vita di molte donne, potrebbe anche ridurre le possibilità di gravidanza.

“Le linee guida della FSRH supportano questo, affermando che “se si prende un intervallo senza ormoni, accorciarlo a quattro giorni potrebbe potenzialmente ridurre il rischio di gravidanza se si dimenticano le pillole”.

Ma perché prendere quattro giorni di riposo? Il Dott. Pisal sottolinea che, per alcune donne, una parte senza ormoni indotti potrebbe essere preferibile in quanto saltare la pausa può essere associata a sanguinamento, paura e ansia per quanto riguarda la mancanza di una gravidanza. Ed è teoricamente superiore il rischio di tromboembolismo a causa di una maggiore quantità di ormoni.