ricci-animali-domestici-salmonella

Mentre la maggior parte delle persone si accontenta di un animale domestico come il cane o il gatto, in quantità variabili, alcuni hanno altre preferenze. Una delle mode negli ultimi anni sembra quella di tenersi come compagno di coccole i comuni ricci, ma negli ultimi giorni è scattato un allarme non esattamente rassicurante nei loro confronti. Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, meglio noto come CDC, ha fatto sapere che questi animaletti sono portatori di diversi germi come quello della salmonella.

Ecco uno stralcio dell’allarme lanciato dall’organizzazione: “Il CDC e i funzionari della sanità pubblica in diversi stati stanno indagando su un’epidemia di infezioni da Salmonella legata al contatto con i ricci da compagnia.” Questi funzionari fanno riferimento al governo degli Stati Uniti, ma il rischio è presente anche in altri paesi.

 

Diversi casi accertati in tutti gli Stati Uniti

Il comunicato rilasciato il venerdì appena passato, il 25 gennaio 2019, presentava un resoconto non esattamente roseo. Undici casi riportati in otto stati diversi di persone infettate da un particolare ceppo della Salmonella ovvero il typhimurium. Il collegamento con il piccolo mammifero è stato semplice visto che dieci di questi undici ha dichiarato di avere avuto un contatto diretto con un riccio.

Il fatto più preoccupante è che si tratta di un contagio di persone che abitano in stati diversi. Il CDC è partito subito con le ricerche di rito e la speranza è che semplicemente gli animali in questione arrivino da un fornitore in comune. Se non così non fosse il rischio di un contagio più ampio risulta essere concreto.