lsd

Un gruppo di volontari che hanno fatto un viaggio nel nome della scienza hanno aiutato i ricercatori a scoprire come l’LSD mette in disordine l’attività cerebrale per indurre uno stato alterato di coscienza.

Le scansioni cerebrali degli individui sballati hanno rivelato che la sostanza chimica consente alle parti della corteccia di allagarsi di segnali che normalmente vengono filtrati per impedire il sovraccarico di informazioni.

 

Come funziona nello specifico

La droga permette a un maggior numero di informazioni di fluire dal talamo, una sorta di gatekeeper neurale, verso una regione chiamata corteccia cingolata posteriore, e argina il flusso di informazioni a un’altra parte nota come corteccia temporale.

Questa interruzione nella comunicazione può sostenere alcuni degli stravaganti effetti riportati dagli utenti dell’LSD, dai sentimenti di beatitudine e dall’essere tutt’uno con l’universo alle allucinazioni e ciò che gli scienziati nel campo chiamano “dissoluzione dell’ego”, dove il senso di sé si disintegra.

Per lo studio, i ricercatori hanno invitato 25 partecipanti sani al laboratorio da sottoporre a scansione sotto l’influenza dell’LSD e, in un’altra occasione, dopo aver assunto un placebo. Sono stati mostrati in giro per lo scanner in anticipo per assicurarsi che si sentissero a proprio agio entrando quando il farmaco ha preso piede. Se la macchina avesse assunto improvvisamente un comportamento minaccioso, le scansioni non sarebbero potute uscire così bene.

lsd

Finalità del test

Gli scienziati volevano testare un’ipotesi presentata per la prima volta più di dieci anni fa. Indica che l’LSD fa sì che il talamo smetta di filtrare le informazioni che trasmette ad altre parti del cervello. È la rottura di questo filtro che dà origine agli effetti strani che il farmaco induce, o così si pensa.

“Il mondo che ci circonda non è il mondo che percepiamo perché il talamo filtra ciò che considera un’informazione irrilevante”, ha affermato Katrin Preller, ricercatrice del progetto presso l’Ospedale universitario per la psichiatria di Zurigo. “Non percepiamo necessariamente tutto ciò che esiste perché sarebbe un sovraccarico di informazioni”.

Le scansioni del cervello dei volontari hanno suggerito che potrebbe esserci qualche verità nell’ipotesi. Quando sotto effetto di LSD, il talamo lascia passare più informazioni ad alcune parti del cervello e alle informazioni soppresse legate agli altri. “Quello che abbiamo scoperto è che il modello è per la maggior parte vero, ma il modo in cui le informazioni vengono distribuite alla corteccia sotto LSD è molto più specifico di quanto predetto”, ha detto Preller.

 

C’è ancora da studiare

Non è chiaro come il disordine con il flusso di informazioni nel cervello dia origine a particolari sensazioni legate all’LSD, ma ci sono alcuni suggerimenti tratti dal lavoro precedente. La corteccia cingolata posteriore, per esempio, è pensata per giocare un ruolo nel modellare il proprio senso di sé, quindi sovraccaricarlo potrebbe guidare sentimenti di auto-disgregazione.

 

Contro la depressione

L’LSD, o dietilamide dell’acido lisergico, fu sintetizzato per la prima volta nel 1938 e ebbe un profondo impatto sulla psicologia e sulla ricerca psichiatrica negli anni ’50 e ’60. Mentre la sua adozione come droga ricreativa ha portato alla sua messa al bando, molti scienziati ora sospettano che potrebbe essere una nuova potente arma nella battaglia contro la depressione e altri disturbi mentali.

lsd

“Ci stiamo avvicinando alla comprensione della complessità di ciò che accade con l’LSD nel cervello e questo è particolarmente importante se vogliamo sviluppare nuovi farmaci”, ha detto Preller. Le ultime ricerche sono pubblicate negli Atti della National Academy of Sciences.

Il lavoro segue un importante studio nel 2016 che ha scoperto che sotto l’influenza dell’LSD, il cervello reclutava molte più regioni per l’elaborazione visiva del normale, arricchendo le immagini che le persone vedevano anche quando i loro occhi erano chiusi. La ricerca è stata la prima a mostrare come appare il cervello sotto effetto di LSD su uno scanner moderno.