obesità

Umanità minacciata da tre pandemie globali, tutte legate al cibo. A dirlo un nuovo rapporto della Commissione Lancet sull’obesità. La quale per l’occasione ha reclutato 26 esperti provenienti da 14 paesi.

Questo l’allarme lanciato dal rapporto: “Le aziende legate al settore del Big Food stanno guidando epidemie globali collegate a obesità, denutrizione e cambiamenti climatici“.

I ricercatori hanno scoperto che le società “Big Food” sono guidate esclusivamente dal profitto e dalla crescita economica e stanno promuovendo un “syndemic”. Con persone colpite dall’obesità, malnutrizione e fattorie che guidano le emissioni di gas a effetto serra.

 

Le 3 epidemie di oggi: obesità, denutrizione e inquinamento

Fino ad ora, la denutrizione e l’obesità sono stati visti come poli opposti di troppe poche, o troppe, calorie. La crescente influenza del “grande cibo” deve essere frenata a livello globale se i problemi dell’obesità, della malnutrizione e dei cambiamenti climatici devono essere affrontati nel tempo. Asserisce il nuovo rapporto globale.

In più, sono entrambi guidati dagli stessi sistemi alimentari malsani e iniqui, sostenuti dalla stessa economia politica che è focalizzato sulla crescita economica e ignora i risultati negativi sulla salute e sull’equità.

“Il cambiamento climatico ha la stessa storia di profitti e potere ignorando il danno ambientale causato dagli attuali sistemi alimentari, trasporti, progettazione urbana e uso del suolo”.

Ha poi proseguito:

“Unire le tre pandemie insieme come The Global Syndemic ci consente di prendere in considerazione driver comuni e soluzioni condivise, con l’obiettivo di rompere decenni di inerzia politica”.

Quindi, il cibo delle grandi catene alimentari sta provocando tre conseguenze molto negative per la specie umana.