thwaites

L’enorme ghiacciaio Thwaites nell’Antardide occidentale si sta attualmente sciogliendo e gli scienziati vogliono capire il suo contributo futuro all’innalzamento del livello del mare.

Se tutta la massa congelata dei Thwaiti dovesse cedere, aggiungerebbe 80 cm all’altezza degli oceani del mondo.

“Quanto, quanto velocemente? Questo è il nostro mantra”, ha detto il dott. Robert Larter. “Queste sono le domande che ci poniamo su Thwaites”, ha detto lo scienziato della British Antarctic Survey alla BBC News prima di lasciare il Cile.

Il dottor Larter dirigerà le operazioni sul Palmer quando arriverà sul posto.

 

Qual è lo scopo della spedizione?

La crociera di 52 giorni di Palmer è solo una parte di un programma di ricerca congiunto USA-Regno Unito di cinque anni per indagare sul ghiacciaio.

I dati devono essere raccolti davanti e sopra il flusso di ghiaccio. Gli strumenti saranno anche inviati sotto la sua parte galleggiante frontale.

thwaites

Si spera che catturando ogni comportamento di Thwaites, i modellatori di computer possano quindi prevedere meglio come la sua massa risponderà a un mondo in riscaldamento.

 

Che tipo di esperimenti sono in programma?

Uno degli studi da condurre al di fuori del Palmer è un esercizio di tag di foche. I mammiferi marini verranno catturati sulle isole vicino al ghiacciaio e dotati di sensori.

thwaites

Quando le foche vengono rilasciate per immergersi nelle vicinanze di Thwaites, riporteranno le condizioni dell’acqua di mare.

“Alle foche Weddell e Elephant piace gironzolare vicino al fronte del ghiaccio o sotto le piattaforme di ghiaccio, luoghi in cui noi umani non possiamo andare”, ha spiegato il dott. Lars Boehme della St Andrews University.

“I sensori registrano dettagli sull’ambiente fisico immediato delle foche, che ci fornisce un quadro più chiaro delle attuali condizioni oceaniche in questi luoghi remoti e inaccessibili.”

 

Perché tutto questo interesse sul Thwaites?

Thwaites, che è paragonabile per dimensioni alla Gran Bretagna, è quello che viene definito un ghiacciaio marino. Le nevi cadono nell’entroterra e queste si compattano in ghiaccio che poi sfocia in mare.

Quando è in equilibrio, la quantità di neve sulla testa del ghiacciaio si abbina al ghiaccio perso sull’oceano nella sua parte anteriore attraverso il parto degli iceberg.

thwaites

Ma il Thwaites non possiede più questo equilibrio.

Ha accelerato e attualmente scorre a oltre 4 km all’anno. Si assottiglia anche ad una velocità di quasi 40 cm all’anno.

I dati satellitari suggeriscono che Thwaites rappresenta da solo circa il 4% dell’aumento del livello mondiale del mare – una quantità che è raddoppiata dalla metà degli anni ’90.

 

Cos’è l’instabilità della calotta marina?

Sembra che l’acqua calda proveniente dall’oceano profondo passi sotto la piattaforma di ghiaccio dei Thwaites e che eroda la messa a terra – il punto in cui il ghiaccio inizia a galleggiare.

Il problema del ghiacciaio è la sua geometria. Una gran parte di esso si trova sotto il livello del mare, con il letto di roccia che si inclina verso il continente.

thwaites

Questo produce ciò che gli scienziati definiscono “instabilità della calotta marina” – un’architettura intrinsecamente instabile, che, una volta danneggiata, può andare in un declino irreversibile.

Alcuni scienziati hanno sostenuto che Thwaites è già in questo stato. Il programma congiunto Stati Uniti-Regno Unito mira a testare tutte le ipotesi.

“Abbiamo misurazioni fantastiche negli ultimi 25 anni dai satelliti e dalle navi da ricerca che hanno visitato la regione, ma abbiamo bisogno di estendere questo record a scadenze centennarie”, ha spiegato la dott.ssa Kelly Hogan.

“Penso che molte persone pensino che ciò a cui stiamo assistendo siano cambiamenti antropogenici (guidati dall’uomo), ma non abbiamo ancora tutti i collegamenti nella catena per dirlo in modo definitivo.”

Il dott. Hogan prenderà i nuclei di sedimenti sul frontale di Thwaites.

thwaites

I contenuti fossili e la chimica di questi fanghi possono essere utilizzati per dedurre la posizione passata del ghiacciaio e le condizioni oceaniche che stava incontrando, forse già alcune migliaia di anni fa.

La collaboratrice statunitense Dr Rebecca Totten Minzoni, dell’Università dell’Alabama, ha dichiarato: “Scoprendo la storia del ghiacciaio Thwaites in condizioni climatiche e oceaniche passate, possiamo oggi valutare la stabilità del ghiacciaio. […] abbiamo bisogno di sapere quanto questa regione vulnerabile dell’Antartide contribuirà all’innalzamento del livello del mare nei prossimi decenni”.