disturbi del sonno

In America, i disturbi del sonno non sono un problema che affligge solo un segmento ristretto della popolazione. Uno studio del CDC nel 2016 ha rilevato che più di un terzo di tutti gli americani dichiara di ricevere meno della quantità raccomandata di sonno ogni notte, un enorme aumento dall’11% della popolazione nel 1942.

Tutti abbiamo sperimentato gli effetti collaterali negativi di una notte di sonno povero, ma non è solo l’effetto zombie del giorno dopo di cui devi preoccuparti.

 

L’esperimento

In uno studio sulla rivista Science, otto volontari hanno avuto un buon riposo notturno, quindi sono rimasti svegli per 36 ore dopo. Dopo una sola notte completamente insonne, i partecipanti hanno mostrato un aumento del 50% in una proteina chiamata Tau.

È normale vedere Tau nel cervello, ma le persone con l’Alzheimer tendono ad averne di più, poiché la proteina si aggroviglia e si diffonde in tutto il cervello. In questo studio del sonno, i nuovi grovigli di Tau spuntano in parti del cervello associate alla memoria, proprio come fanno nelle persone con il morbo di Alzheimer.

disturbi del sonno

Anche un sonno notturno generalmente negativo potrebbe farvi perdere la memoria. Uno studio precedente su Brain: A Journal of Neurology non costringeva i partecipanti a stare in piedi tutta la notte, ma i ricercatori hanno interrotto il loro sonno in un laboratorio quel tanto che bastava per tenerli fuori dal sonno profondo senza svegliarli del tutto.

Per il mese successivo, i volontari hanno indossato un monitor del sonno a casa prima di tornare per un altro pigiama party al laboratorio.

 

Ebbene

Risultato di questo studio: una singola notte di sonno povero è stato collegato ad un aumento del 10% di beta amiloide, un’altra proteina associata all’Alzheimer. Questo studio non ha visto spostamenti di Tau dopo una notte in laboratorio, ma i grovigli sono aumentati nei volontari che non dormivano bene a casa.

Se pensi di aver già avuto abbastanza riposo, non esserne così sicuro, potresti dormire male senza nemmeno saperlo. Secondo l’Alzheimer’s Association, il 20% delle donne e il 30% degli uomini soffre di apnea notturna, il disturbo del sonno respiratorio più comune.

Questa interruzione del sonno è diversa dall’occasionale risveglio di soprassalto; gli individui affetti da disturbi respiratori del sonno sono noti per svegliarsi dalle 60 volte a notte, ma i risvegli sono troppo brevi per essere notati (condizioni che i leader dello studio Brain hanno tentato di riprodurre nel laboratorio del sonno).

disturbi del sonno

Una serie di studi del Wheaton College dell’Illinois hanno offerto ulteriori prove del fatto che i problemi respiratori notturni sono un fattore di rischio per la demenza. Gli studi hanno scoperto che l’apnea del sonno e altri disturbi di respirazione nel sonno erano associati a livelli più elevati e ad un più rapido accumulo di beta amiloide e tau.

Il legame ipotizzato si è rivelato vero su tutta la linea, indipendentemente dal fatto che i soggetti non abbiano avuto problemi di memoria, lieve deterioramento cognitivo o Alzheimer in piena regola.

 

Ricapitolando

Oltre ad andare a letto ad un’ora ragionevole ogni notte, fai attenzione ai segnali che non stai ricevendo del “sonno ristoratore”. Questi sarebbero segni di apnea notturna come russare, mal di gola mattutino o mancanza di energia. Parlate immediatamente con il vostro medico se pensate di poter avere disturbi respiratori del sonno, sistemare anche uno solo di questi disturbi potrebbe fare la differenza nel lungo periodo.