apple netflix

La scorsa notte, Apple ha riportato i guadagni del primo trimestre fiscale. E ancora una volta, ha previsto di evidenziare la sua attività di servizi in crescita e altamente redditizia.

Sotto la nuova struttura di reporting finanziario della società, Apple fornisce dettagli molto più evidenti su come i prodotti hardware redditizi vengono confrontati con i servizi. Allo stesso tempo, il management ha fornito molte altre informazioni, sia qualitative che quantitative, sul business dei servizi.

Consentendo agli investitori di apprezzare meglio le dinamiche del segmento che Apple ha sottolineato in modo aggressivo negli ultimi due anni.

Ciò include un chiarimento sulla sua relazione con Netflix.

 

Come stanno le cose tra Neflix e Apple

Netflix ha fatto notizia il mese scorso quando ha abbandonato il supporto per la fatturazione di iTunes. Tagliando Apple fuori dal giro per i clienti nuovi e di ritorno, che ora dovranno registrarsi per Netflix al di fuori della piattaforma del produttore Mac.

Questo è stato considerato un colpo significativo per Apple, che potrebbe compromettere la sua crescita negli abbonamenti a pagamento. Un’altra metrica che la società ha reclamizzato.

Ciò che è stato meno chiaro è l’impatto diretto. Apple prende un taglio dal 15% al ​​30% di abbonamenti di terze parti che vende attraverso le sue piattaforme. L’App Store includeva una categoria “Grossing superiore, ma apparentemente la società si rese conto che stava dando via troppe informazioni. E rimuoveva quella sezione nel 2017 con iOS 11. Ciò significa che dobbiamo usare stime di terze parti.

Netflix è risultato essere il più alto grossing app non di gioco nel mondo (di nuovo) l’anno scorso, secondo Sensor Tower. La società di analisi delle app ha anche stimato di recente che Netflix ha incassato $ 853 milioni nel 2018 dall’App Store di tutto il mondo. Che si tradurrebbe in circa $ 128 milioni a $ 256 milioni per il taglio di Apple, a seconda dell’età di tali abbonamenti.

Il taglio di Apple è di circa $ 130 milioni all’anno ora, ha 360 milioni di abbonamenti a pagamento che fatturano attraverso le sue piattaforme e prevede di raggiungere 500 milioni di abbonamenti a pagamento nel 2020. Il CFO Luca Maestri ha osservato che l’ampiezza delle offerte è vasta e diversificata, riducendo il rischio associato a singoli terzi servizio di festa.

 

Le ragioni dietro questa scelta

Maestri ha fornito questo indizio (enfasi aggiunta): la nostra attività in abbonamento è diventata molto ampia e diversificata, coprendo diverse categorie, dall’intrattenimento alla salute, dall’idoneità allo stile di vita. Infatti, più di 30.000 app di abbonamento di terze parti sono disponibili oggi su App Store e il più grande di esse rappresenta solo lo 0,3% delle entrate totali dei nostri servizi.

Dovrebbe essere chiaro che Maestri si sta riferendo a Netflix. Lo scorso trimestre, Apple ha generato 10,9 miliardi di dollari di ricavi da servizi, il che significa che il taglio di Netflix è stato di circa 32,6 milioni di dollari per il trimestre.

Se annualizzato, ma prima di prendere in considerazione gli abbonamenti che hanno raggiunto il punteggio di un anno nel 2018, sarebbero circa $ 130 milioni all’anno, esattamente all’interno dell’intervallo derivato da stime di terze parti e quasi esattamente nella parte inferiore. Se Apple sta raccogliendo Il 15% della maggior parte di questi abbonamenti indica che la maggior parte degli abbonamenti Netflix con fatturazione tramite Apple ha più di un anno.

In altre parole, Netflix non ha aggiunto molti membri tramite sottoscrizioni in-app iOS, rafforzando la sua decisione di interrompere gli abbonamenti in-app per privilegiare la redditività rispetto alla crescita. Inoltre, $ 130 milioni significa molto di più per Netflix di quanto non faccia ad Apple, approssimativamente uguale al reddito netto totale di Netflix nel quarto trimestre ($ 133,9 milioni).

Il taglio di Apple degli abbonamenti Netflix è essenzialmente un errore di arrotondamento nel settore dei servizi, e ancora meno materiale rispetto alle entrate complessive. Se Netflix voleva diventare davvero aggressivo nel riprendere parte di quel taglio, potrebbe – e dovrebbe – provare a convincere i membri a far cadere la fatturazione di iTunes in favore della fatturazione diretta. Proprio come Spotify ha fatto alcuni anni fa.