Homo di Denisova

Si sa che alcuni genomi umani moderni contengono frammenti di DNA di un’antica popolazione di umani chiamata Homo di Denisova, i cui resti sono stati trovati in un unico sito, una grotta in quella che oggi è la Siberia.

Oggi due articoli pubblicati su Nature forniscono una più solida comprensione di quando vivevano questi umani arcaici poco conosciuti.

homo di denisova

Nell’ombra fino a poco tempo fa

I Denisovani erano sconosciuti fino al 2010, quando il loro genoma fu annunciato per la prima volta. Il DNA è stato ottenuto dall’osso di una ragazza trovato sepolto nella grotta di Denisova nei monti Altai della Siberia meridionale.

I nuovi studi forniscono la prima timeline robusta per i fossili di Denisova e il DNA recuperato dai sedimenti delle caverne, nonché gli ambienti vissuti dall’Homo di Denisova.

Alcuni fossili di Neanderthal sono stati recuperati dal sito, insieme con le loro tracce genetiche nei sedimenti della Grotta di Denisova, che fu scavata per la prima volta 40 anni fa.

Gli umani moderni (Homo sapiens) arrivarono più tardi, rendendo il sito unico al mondo, come casa di tre gruppi di umani in varie epoche.

 

Chi era l’Homo di Denisova?

Al momento si conosce molto di più sul DNA dei Denisova di quanto se ne sa sul loro aspetto fisico, poiché i fossili di ominide sono estremamente rari nel sito.

Oltre all’osso del dito, un totale di tre denti sono stati identificati geneticamente come Denisova.

Il DNA di un piccolo frammento di osso lungo della figlia di genitori sia Denisova che Neanderthal fornisce prove dirette che i due gruppi si sono incontrati ed incrociati almeno una volta.

homo di denisova

Si sa frustrantemente poco sulla distribuzione geografica e la demografia dei Denisova, fatta eccezione per il fatto che gli aborigeni australiani e gli abitanti della Nuova Guinea sono le uniche persone viventi oggi con una notevole quantità di DNA di Denisova nel loro genoma.

Ma mentre i fossili di ominide sono pochi e distanti tra la grotta di Denisova, i depositi contengono migliaia di manufatti costruiti con la pietra.

Gli strati superiori contengono anche manufatti realizzati con altri materiali, tra cui ornamenti in marmo, ossa, denti di animale, avorio mammut e guscio di struzzo. Ci sono anche resti di animali e piante che testimoniano le passate condizioni ambientali.

 

Appuntamento con l’Homo di Denisova

Nonostante l’importanza della grotta di Denisova per gli studi sull’evoluzione umana, la storia del sito e dei suoi abitanti è persistita come un puzzle, a causa della mancanza di un calendario affidabile per i depositi delle grotte e il loro contenuto.

Con la pubblicazione dei due nuovi articoli, alcuni dei pezzi critici di questo puzzle sono ora al loro posto.

I nuovi studi si basano sul lavoro dettagliato svolto dagli studiosi russi per diversi decenni in tutte e tre le camere della grotta di Denisova. Hanno documentato scrupolosamente la complessa stratificazione dei depositi, insieme ai resti culturali, animali e vegetali scavati.

Hanno usato la datazione ottica per determinare quando i sedimenti sono stati esposti alla luce del sole e depositati nella grotta.

La datazione ottica è stata applicata ai siti archeologici di tutto il mondo, con il minerale di quarzo e il feldspato di potassio più spesso usati.

Si sono misurati più di 280.000 singoli frammenti di questi minerali da più di 100 campioni utilizzando una combinazione di procedure consolidate e nuove.

Questo ha permesso di effettuare una serie di verifiche incrociate sperimentali, identificare parti del deposito che erano state disturbate, datare i più vecchi strati di sedimenti e costruire una cronologia robusta per il sito.

 

Un nuovo metodo

Ricercatori dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, e due dei Max Planck Institutes in Germania hanno sviluppato un nuovo modello statistico (bayesiano) per limitare le età dei fossili di ominide.

I nuovi studi dimostrano che gli ominidi hanno occupato il sito quasi ininterrottamente attraverso periodi relativamente caldi e freddi negli ultimi 300.000 anni, lasciando dietro di sé strumenti in pietra e altri artefatti nei depositi delle caverne.

Fossili e tracce di DNA di Denisova si trovano da almeno 200.000 a 50.000 anni fa e quelli di Neanderthal tra 200.000 e 100.000 anni fa.

La ragazza con discendenze miste rivela che i due gruppi di ominidi si sono incontrati ed incrociati circa 100.000 anni fa.

Sebbene i Denisovani persistessero nel sito fino a 50.000 anni fa, ciò non preclude la loro successiva sopravvivenza altrove.

Erano evidentemente un gruppo robusto, vivendo attraverso molteplici episodi del freddo clima siberiano prima di estinguersi definitivamente.

homo di denisova

Una storia incompleta

Ora si conosce molto di più sulla vita e sui tempi degli Homo di Denisova, ma ci sono ancora molte domande senza risposta.

Ad esempio, non si conosce la natura di eventuali incontri tra loro e gli esseri umani moderni, che erano già presenti in altre parti dell’Asia e in Australia di 50.000 anni fa.

Quindi, mentre la nostra comprensione della storia di Denisova ha fatto molta strada dal 2010, ci sono ancora molti pezzi mancanti di questo intrigante puzzle.