chernobyl

La fauna selvatica è fiorente a Chernobyl, mentre gli scienziati scoprono una lontra che si aggira nella zona di esclusione che circonda la centrale nucleare esplosa nel 1986. Qui di seguito il video caricato da DailyMail.

Uno studio di un mese ha utilizzato telecamere nascoste per trovare 15 specie di mammiferi e uccelli nella regione in quarantena.

I ricercatori hanno utilizzato carcasse di pesce per esporre la fauna selvatica al litorale di fiumi e canali nella zona contaminata.

Questo studio fornisce ulteriori prove che la fauna selvatica è fiorente nella zona di esclusione di Chernobyl (CEZ).

chernobyl

Il professore associato James Beaseley presso l’Università della Georgia, ha dichiarato: “Questi animali sono stati fotografati mentre frugavano le carcasse di pesce posizionate lungo il litorale di fiumi e canali nel CEZ.

“Abbiamo visto prove di una varietà di fauna selvatica nel CEZ attraverso la nostra precedente ricerca, ma questa è la prima volta che abbiamo visto le aquile dalla coda bianca, il visone americano e la lontra di fiume sulle nostre macchine fotografiche”.

 

Non il primo avvistamento

Nel 2015, uno studio ha fornito i primi avvistamenti di animali selvatici nella zona ecologica di 2.500 chilometri quadrati, abbandonata dall’uomo nel 1986. I lupi grigi erano solo uno degli animali individuati in quel momento.

chernobyl
Mappa altamente dettagliata della “zona di alienazione” attorno la centrale nucleare di Chernobyl

Questo studio più recente mostra che la fauna semi-acquatica, come lontre e visoni, può vivere nella zona.

I ricercatori hanno depositato carcasse di pesce sul bordo di acque aperte sul fiume Pripyat e nei canali vicini, rispecchiando l’attività naturale che si verifica quando le correnti trasportano animali morti sulla spiaggia.

I risultati mostrano che il 98% delle carcasse di pesce sono state consumate entro una settimana.

Il professor Beasley ha dichiarato: “Si tratta di un alto tasso di predazione […]. [Ciò] Verifica che il movimento delle risorse nutrizionali tra ecosistemi acquatici e terrestri avvenga più frequentemente di quanto spesso riconosciuto.

Il team ha confrontato l’attività di predazione al fiume con l’attività di predazione presso i canali e ha scoperto che era più efficiente nel fiume perché il litorale limitato rendeva più facile la ricerca del pesce.

 

Un po’ di storia

chernobyl
Una delle foto più iconiche di Chernobyl

Il CEZ esiste a causa dell’esplosione del 1986 della centrale nucleare sovietica di Pripyat, che ha trapelato materiale radioattivo nell’ambiente.

Un incendio in uno dei reattori nucleari ha causato un’esplosione e l’area circostante è stata evacuata.

Più di 100.000 persone (116.000) hanno dovuto lasciare l’area definitivamente, con villaggi e città abbandonati in rovina.

I livelli di radiazione sono ancora troppo alti per il ritorno degli umani, ma la fauna selvatica è tornata nella zona e ora prospera.