cranio

Un antico cranio umano molto discusso dalla Mongolia è stato datato e analizzato geneticamente, dimostrando che si tratta del primo umano moderno (Homo Sapiens) mai trovato nella regione, secondo una nuova ricerca dell’Università di Oxford. La datazione al radiocarbonio e l’analisi del DNA hanno rivelato che l’unico fossile di ominide del Pleistocene scoperto in Mongolia, inizialmente chiamato Mongolanthropus, è in realtà un umano moderno che visse approssimativamente 34-35 mila anni fa.

La calotta cranica, che si trova nella valle di Salkhit, nella Mongolia nord-orientale, è, ad oggi, l’unico fossile di ominide del Pleistocene rinvenuto nel paese.

cranio

 

Il reperto

Il cranio è per lo più completo e comprende le creste sopraccigliari e le ossa nasali. La presenza di caratteristiche arcaiche o antiche ha portato, in passato, al modello di essere collegato con specie di ominidi arcaici non caratterizzati, come Homo Erectus e Neanderthal. Ricerche precedenti suggerivano età per l’esemplare che andava dal Pleistocene medio inferiore al Pleistocene tardo terminale.

La squadra di Oxford ha datato l’esemplare a 34.950-33.900 anni fa. Questo è circa 8.000 anni più vecchio delle date iniziali del radiocarbonio ottenute sullo stesso campione.

 

Per realizzare questa scoperta, il team di Oxford ha utilizzato una nuova tecnica ottimizzata per la datazione al radiocarbonio di ossa fortemente contaminate. Questo metodo si basa sull’estrazione di uno solo degli amminoacidi dal collagene presente nell’osso. L’amminoacido idrossiprolina (HYP), che rappresenta il 13% del carbonio nel collagene dei mammiferi, è stato preso di mira dai ricercatori. La datazione di questo amminoacido consente un drastico miglioramento nella rimozione di contaminanti moderni dai campioni.

 

I risultati

La nuova e affidabile datazione al radiocarbonio ottenuta per il campione mostra che questo individuo risale allo stesso periodo del Paleolitico del Paleolitico superiore in Mongolia, che di solito è associato all’uomo moderno. L’età del reperto è posta successivamente alle prime tracce degli esseri umani anatomicamente moderni nella maggiore Eurasia, che secondo alcuni ricercatori potrebbe superare i 100.000 anni in Cina.

Questo nuovo risultato suggerisce anche che c’era ancora una significativa quantità di contaminazione non rimossa nel campione durante le misurazioni del radiocarbonio originale. Ulteriori analisi eseguite in collaborazione con scienziati dell’Università di Pisa (Italia) hanno confermato che il campione era fortemente contaminato dalla resina che era stata usata per disporre il campione dopo la sua scoperta.

cranio
Sito del ritrovamento nella Salkhit Valley, Mongolia

Le dichiarazioni

“La ricerca che abbiamo condotto dimostra ancora una volta i grandi benefici dello sviluppo di metodi chimici migliorati per datare materiale preistorico che è stato contaminato”, ha detto il dr. Thibaut Devièse, primo autore del nuovo articolo, che guida gli sviluppi del metodo nell’analisi specifica dei composti presso l’Università di Oxford. “Il pretrattamento di campioni robusti è fondamentale per costruire cronologie affidabili in archeologia”.

Le analisi del DNA sono state eseguite anche sulle ossa di ominide dal team del professor Svante Pääbo presso il Max-Planck Institute for Evolutionary Anthropology a Lipsia, in Germania. Diyendo Massiliani e colleghi hanno ricostruito il genoma mitocondriale completo del campione. Si colloca all’interno di un gruppo di mtDNA umani moderni (aplogruppo N) che è molto diffuso in Eurasia oggi, a conferma dell’opinione di alcuni ricercatori secondo cui il cranio è davvero di un essere umano moderno. Sono in corso ulteriori lavori sul DNA nucleare per gettare ulteriore luce sulla genetica del cranio.

“Questo enigmatico cranio ha lasciato perplessi i ricercatori per qualche tempo”, ha affermato il professor Tom Higham, che guida il gruppo di ricerca PalaeoChron presso l’Università di Oxford. “Una combinazione di scienza all’avanguardia, tra cui la datazione al radiocarbonio e la genetica, ha dimostrato che questo è il rimangono di un umano moderno, ei risultati si inseriscono perfettamente nella documentazione archeologica della Mongolia che collega i moderni al Paleolitico superiore del primo piano in questa parte del mondo. “