robot

L’ascesa di robot “auto-consapevoli” ha fatto un passo avanti importante dopo l’invenzione di una macchina in grado di pensare da zero, hanno detto gli scienziati.

Gli ingegneri della Columbia University sostengono di aver infranto uno dei maggiori ostacoli nel campo della robotica dopo che un braccio meccanico, che non era stato programmato con istruzioni, ha iniziato a svolgere compiti pratici dopo poche ore.

Il team ha detto che questa è la prima volta che un robot ha mostrato la capacità di “immaginare se stesso”, elaborando in tal modo quale sia il suo scopo e come eseguirlo.

 

Una svolta nel mondo della robotica

Fino ad ora, alcuni esperti avevano sottolineato l’incapacità di raggiungere questo risultato come prova del fatto che le macchine non sarebbero mai in grado di sviluppare la propria intelligenza nel modo complesso che gli esseri umani fanno.

Il braccio robotico è stato programmato senza alcuna conoscenza di fisica, geometria o dinamica motoria.

Trascorse circa 35 ore a spostarsi a caso, tuttavia in quel periodo stava avvenendo un intenso apprendimento informatico.

Alla fine, il robot è stato in grado di comprendere le proprie dimensioni e capacità.

Ha quindi iniziato con successo gli esercizi, raccogliendo oggetti e posizionandoli altrove.

robot
Robot reali che ti faranno pensare che il futuro è già qui.

Praticamente un neonato

Il professor Hod Lipson, che guida il laboratorio di Creative Machines, dove è stata effettuata la ricerca, ha dichiarato: “Questo è forse ciò che fa un bambino appena nato nella sua culla, poiché impara quello che è”, dice. “Mentre la capacità del nostro robot di immaginare se stessa è ancora rozza rispetto agli umani, crediamo che questa capacità sia sulla strada per attirare l’autoconsapevolezza”.

Il robot “auto-modellante” è stato usato anche per altri compiti, come scrivere un testo usando un pennarello.

Nel frattempo, per testare se il robot potesse rilevare il danno provocato a se stesso, i ricercatori hanno stampato in 3D una parte deformata per simulare il danno e il robot è stato in grado di rilevare il cambiamento e di rinnovare il proprio modello.

 

Alcuni aspetti negativi

Il nuovo “auto-modellismo” ha permesso al robot di riprendere i suoi compiti di quali prendi-e-posa con poche perdite di prestazioni.

“L’auto-consapevolezza porterà a sistemi più resilienti e adattativi, ma implica anche una perdita di controllo”, avvertono gli autori.

“È una tecnologia potente, ma dovrebbe essere gestita con cura.

Isaac Asimov chi?