eclissi-di-luna

L’eclissi di superluna rossa protagonista di alcuni giorni fa è stata uno dei principali eventi astronomici del 2019, la prima e unica eclissi lunare totale dell’anno. Un’eclissi lunare si verifica quando la Terra si trova tra il Sole e la Luna, bloccando i raggi del sole a raggiungere il satellite.

Inoltre, è anche apparsa come luna rossa “di sangue” perché acquisisce una sfumatura rossastra dal momento che l’atmosfera terrestre filtra tutti i componenti della luce solare bianca e la luce rossa è l’unica che raggiunge il satellite.

Le eclissi totali di Luna si verificano approssimativamente ogni due anni e dovremo aspettare fino al novembre 2021 per poter osservare la prossima. Tuttavia, questo 2019 le stelle ci daranno altri spettacoli ugualmente emozionanti.

 

Gli appuntamenti astronomici del 2019

Il 2 luglio avrà luogo un’eclissi solare totale, che potrà essere vista solo in Cile e in Argentina e, in parte, nella maggior parte del Sud America, anche se sicuramente sarà possibile assistervi grazie i vari siti web astronomici.

Invece, il 16 luglio ci sarà un’eclissi parziale di Luna, poiché l’ombra della Terra non si interpone completamente tra il Sole e il satellite naturale. Questo fenomeno sarà visibile a tutti tranne che al Nord America e al Nordest asiatico.

Infine, il 26 dicembre ci sarà un’eclissi solare anulare che può essere parzialmente vista nell’Europa orientale, nella maggior parte dell’Asia, nel nord e nell’ovest dell’Australia, così come nell’Africa orientale. Un’eclissi solare anulare si verifica quando la Luna è più lontana dalla Terra e il Sole è un po’ più vicino. Ciò significa che il satellite non può “coprire” completamente il Sole, così che quando la Luna passa davanti alla stella, attorno al disco lunare si vede una sorta di anello luminoso.