nasa

La NASA tiene d’occhio la Terra, il suo sistema solare e tanto altro, ogni singolo giorno dell’anno. Quando la NASA volge uno sguardo verso le immagini e i dati che hanno raccolto durante l’anno, ne vale sempre la pena. Ecco quindi le 10 immagini selezionate dalla NASA, con la Terra come soggetto, tutte del 2018. Le immagini selezionate includono viste dall’alto di uragani, inondazioni, incendi, lava e altro.nasa

Questo è l’ordine originale in cui sono state presentate sul sito dell’agenzia spaziale.

“Nel 2018, i nostri satelliti hanno catturato immagini bellissime da tutto il sistema solare e oltre. […] Questo elenco non è affatto esaustivo, ma cattura alcune immagini satellitari della Terra di quest’anno che sono sia visivamente avvincenti, sia scientificamente informativi”, afferma l’agenzia spaziale statunitense.

“Ogni giorno, le missioni satellitari terrestri della NASA raccolgono dati usati per monitorare i cambiamenti ambientali e prepararsi per i disastri naturali, immagini come queste forniscono informazioni preziose agli scienziati, ai soccorritori e ai membri della comunità”.

 

Uragano Florence

Prima che l’uragano Florence si scagliasse contro la costa sud-orientale degli Stati Uniti, la NASA ha passato la maggior parte delle due settimane a seguire la tempesta attraverso l’Oceano Atlantico.

 

nasa

L’agenzia spaziale afferma che questa immagine di Florence è stata realizzata utilizzando il suo satellite Terra il 12 settembre. All’epoca, il centro della tempesta era a circa 435 miglia da Wilmington, nel North Carolina, con venti da 125 mph.

“Il nostro programma per i disastri utilizzava sensori per monitorare l’umidità del suolo, la saturazione del suolo e le precipitazioni”, scrive la NASA.

“Queste variabili hanno aiutato a creare mappe proxy dell’ inondazione che sono state condivise con l’Agenzia federale di gestione delle emergenze e la Guardia nazionale per stimare quante e quali comunità sarebbero più colpite dalla tempesta, al fine di aiutare a preparare gli sforzi di recupero in anticipo.”

 

Lago Eyre Basin, Australia

Questa immagine del bacino del lago Eyre in Australia è stata realizzata utilizzando l’Operational Land Imager a bordo del Landsat 8 il 25 aprile. Nel post, la NASA spiega che è possibile vedere la vegetazione mentre prende il controllo degli spazi in cui l’acqua si è ritirata.

nasa

Nell’immagine a falsi colori, l’acqua è blu chiaro e la vegetazione sempre crescente è verde chiaro.

“Il falso colore è usato per enfatizzare i luoghi dove carici, ance ed erba sono germogliati lungo la pianura alluvionale”, spiega l’agenzia spaziale.

“I cicli vitali di queste piante si sono abituati alle rare e imprevedibili raffiche di pioggia.”

 

Mare dei Ciukci

La NASA ha detto riguardo a questa immagine del Mare dei Ciukci dell’Alaska che questo è un “dipinto di Monet che prende vita”.

Questa bellissima immagine è stata realizzata utilizzando l’Operational Land Imager a bordo di Landsat 8 il 18 giugno. Una cosa importante da notare con questa immagine è che è stata catturata dopo che il ghiaccio artico si è sciolto mentre l’acqua ricca di nutrienti si mescolava con quella meno nutriente delle acque dell’Alaska

nasa

“Questa immagine rappresenta un pezzo di ecosistema molto più grande e incredibilmente complesso: sebbene non si associ normalmente la disgregazione del ghiaccio marino con le fioriture del fitoplancton, il processo è una parte complessa del ciclo di vita del fitoplancton”, afferma la NASA.

“Le dimensioni delle fioriture variano enormemente di anno in anno, e gli esperti non sono sicuri del perché: immagini come questa possono aiutare gli scienziati a monitorare lo sviluppo di queste fioriture e collegarle ad altri cambiamenti ambientali”.

 

Kilauea, Hawaii

L’Operational Land Imager ci porta un’altra splendida foto, ma questa volta di “lava fresca” a infrarossi.

nasa

“Durante l’ultima settimana di aprile, il lago di lava del cratere di Overema’uma’u Overlook è traboccato, e scorreva anche sottoterra dopo il crollo del cratere”, riferisce l’agenzia spaziale. “Il movimento del magma ha innescato una serie di terremoti attraverso la East Rift Zone. Nuove fessure si sono aperte nel quartiere residenziale di Leilani Estates.

“Una fessura produceva fontane di lava che si libravano per centinaia di metri nell’aria, si univano in un fiume che scorreva verso il mare, evaporando il più grande lago delle Hawaii in poche ore e distruggendo centinaia di case in Vacationland e Kapoho”.

La NASA dice che quando l’eruzione terminò, 14 miglia quadrate  (circa 36 chilometri quadrati) di terra erano state sepolte dalla lava. Si dice che immagini come questa aiutano a tracciare il movimento sotterraneo del magma.

 

Conseguenze dell’incendio di Woolsey

Dopo che l’incendio di Woolsey ha bruciato gravemente 152 miglia quadrate (più di 393 chilometri quadrati) dell’area ricreativa nazionale delle montagne di Santa Monica, la NASA ha catturato l’intera entità del danno dallo spazio.

nasa

Questa immagine del danno alla California del Sud è stata realizzata utilizzando il Radiometro ad Emissione Termica Advanced Spaceborned e il Riflessometro sul satellite Terra il 18 novembre.

Un’altra immagine a colori falsi, la NASA dice che la vegetazione bruciata è marrone e la vegetazione sopravvissuta è verde.

“Immagini come questa possono aiutare i vigili del fuoco nel piano di area per il recupero”, riferisce la NASA. “Un altro utile strumento è la convergenza della capacità di riabilitazione della NASA per il recupero dell’ecosistema. […] Gran parte dei dati di RECOVER provengono dal satellite Landsat 8 e dagli strumenti MODIS sui satelliti Terra e Aqua.”

 

Fiume Padma in Bangladesh

“Questa immagine catturata il 20 gennaio 2018 da OLI a Landsat 8 raffigura uno dei maggiori fiumi del Bangladesh, inizia dove i fiumi Gange e Jamuna si uniscono in India, per poi fondersi con il fiume Meghna e sfocia nel Golfo del Bengala “.

nasa

La NASA dice che continuerà a monitorare quest’area mentre un progetto di sviluppo del ponte è intrapreso nell’area di Char Janajat. Ci si aspetta che questo ponte connetta le parti orientale e occidentale del Bangladesh, ma “nessuno è abbastanza sicuro di come l’erosione del fiume possa influenzare la costruzione e viceversa”.

 

Ghiacciaio Yakutat in Alaska

La NASA definisce questa immagine del ghiacciaio di Alaskan Yakutat una “ossessionante bellezza” che mostra un’area che una volta era “tutta terra asciutta”. L’immagine è stata presa usando, sorpresa delle sorprese, l’Operational Land Imager a bordo di Lansat 8 il 21 settembre.

nasa

“L’effetto dei cambiamenti climatici è evidente, specialmente se confrontato con le immagini precedenti della regione”, spiega l’agenzia federale.

“L’argomento è riduttivo, ma notate la bellezza sottile dei colori del ghiaccio bianco e sbiadito e il netto contrasto tra le verdi colline e la neve bianca. Potete persino vedere blocchi di iceberg che galleggiano nel mezzo del lago. Le immagini come questa hanno un valore inestimabile per il monitoraggio dei cambiamenti ambientali in Alaska e in altri luoghi dell’Artico.”

 

Theewaterskloof, Sud Africa

Questa immagine presenta Città del Capo, il più grande bacino idrico del Sud Africa, scattato il 9 luglio dalla Operational Land Imager a bordo di Landsat 8.nasa

“Quando è stata scattata questa foto, i serbatoi principali della città erano al 55%”, dice la NASA. “Questo è stato un enorme aumento rispetto a dove si trovava solo sei mesi prima: solo il 13%. […] La mancanza di pioggia, unita alla rapida crescita della popolazione e alla mancanza di nuove infrastrutture ha creato una ricetta per il disastro: l’intera città si stava preparando per il giorno in cui l’acqua del rubinetto sarebbe stata interrotta”.

 

I gas della Terra

Questa “visualizzazione” è stata effettuata il 24 agosto utilizzando il modello di Goddard Earth Observing System Forward Processing, che “utilizza equazioni matematiche per modellare ciò che sta accadendo” nell’atmosfera terrestre.

nasa

Questo mostra aerosol atmosferico letteralmente tutto intorno al pianeta, che include fumo, polvere, sale e altre particelle solide e goccioline liquide che si muovono in tutta l’atmosfera. Il blu rappresenta turbinii di sale marino, il rosso mostra carbone nero e nuvole di polvere sono indicate dal viola.

“Questa immagine non solo rivela quanto la nostra atmosfera sia influenzata da ciò che accade sul terreno, ma ci mostra anche come siamo tutti influenzati gli uni dagli altri”, spiega l’agenzia spaziale.

“Se sono abbastanza alti, i venti di livello superiore possono diffondere aerosol in tutta l’atmosfera, anche fino a un altro continente.”

 

Camp Fire

L’immagine in alto mostra un’immagine satellitare intensa dell’Osservatorio della Terra della NASA che mostra il Camp Fire, responsabile di centinaia di morti, centinaia di migliaia di ettari distrutti e miliardi di dollari di danni in California.

nasa

L’agenzia spaziale dice che questa immagine è stata scattata il giorno in cui è iniziato Camp Fire, l’8 novembre. Include la luce visibile e la luce infrarossa a onde corte per evidenziare l’incendio, dichiara la NASA.

“L’incendio non era completamente contenuto fino a diciassette giorni dopo, il 25 novembre 2018”, dice la NASA nel suo post.

Questa immagine è una rappresentazione che fa riflettere la velocità con cui un fuoco può crescere senza controllo in un breve lasso di tempo: puoi quasi sentire l’odore dei grandi pennacchi di fumo e sentire il calore dei fuochi”.