shutdown

Il più lungo shutdown del governo nella storia americana è finito. Ma il danno che ha inflitto al programma spaziale della nazione – alias alla NASA – potrebbe essere avvertito per gli anni a venire.

Lo shutdown parziale di 35 giorni è finito lo scorso venerdì (gennaio 25) con una soluzione temporanea firmata dal presidente Donald Trump con una risoluzione permanente che finanzia il governo fino al 15 febbraio. Non c’è alcuna garanzia che tutto andrà liscio oltre questa scadenza che si avvicina rapidamente.

Il presidente Trump ha detto che continuerà a spingere per la costruzione di muri aggiuntivi lungo il confine con il Messico. Il che sarebbe il problema che ha innescato la chiusura in primo luogo. Ma anche negli scenari più ottimisti, la NASA e il più ampio programma spaziale americano, potrebbero provare un notevole problema. A detta degli esperti.

Ad esempio, lo shutdown ha temporaneamente interrotto il lavoro di sviluppo in molte missioni della NASA, così come i progetti esterni che dipendono dai fondi della NASA e / o di altre agenzie governative.

Ciò potrebbe avere gravi conseguenze finanziarie nel lungo periodo. Vediamo i principali secondo gli esperti.

 

Nasa, quali conseguenze per lo shutdown

Progetti che sono stati messi in attesa per un mese o due , di solito finiscono per costare molto di più“, spiega Megan Donohue, presidente del American Astronomical Society, a Space.com. E alcune missioni operative subiranno anche notevoli ritardi, poiché le squadre coinvolte riprenderanno tutto e torneranno a correre.

L’onda d’urto causata dallo shutdown del governo si propagherà per diversi mesi o anche dopo la fine dello stesso” ha detto sempre a Space.com Sembach, direttore dello Space Telescope Science Institute di Baltimora. Il quale gestisce le operazioni scientifiche per il telescopio spaziale Hubble.

Ancora più preoccupante è la prospettiva di una fuga di cervelli “È assolutamente vero che quando abbiamo uno shutdown, perdiamo persone, e in effetti è accaduto“, ha detto l’amministratore della NASA Jim Bridenstine martedì 29 gennaio durante una diretta web con agenzia i dipendenti della NASA.

Lo shutdown potrebbe aver complicato gli sforzi della NASA per mantenere e reclutare dipendenti“, ha aggiunto Bob Gibbs, capo alla Human capital della NASA. Il quale pure ha partecipato alla conferenza del 29 gennaio.

“Non sapremo davvero il vero impatto di ciò sulla forza lavoro. Siamo in un mercato ipercompetitivo per il talento, la nostra gente è ricercata.”