geoingegneria
La geoingegneria mira a risolvere grossi problemi quali la desertificazione dei territori.

Dal piantare foreste continentali per indurre precipitazioni, i ricercatori hanno iniziato a proporre, testare e in alcuni casi implementare progetti di geoingegneria su larga scala per trasformare radicalmente il pianeta. Questi sono progettati per risolvere problemi come la desertificazione, la siccità o l’eccesso di anidride carbonica nell’atmosfera, il tutto con l’obiettivo finale di combattere il cambiamento climatico.

Un recente rapporto del Global Change Research Program degli Stati Uniti e di altre 13 agenzie federali dettaglia l’impatto dei cambiamenti climatici incontrollati. Ciò ha creato una rinnovata spinta verso soluzioni radicali, ma alcune di queste hanno affrontato una significativa opposizione, così come la geoingegneria nel suo complesso.

Gli oppositori sostengono che gli umani non comprendono a sufficienza la complessità dei cicli globali e naturali e armeggiare con essi potrebbe causare più problemi di quanti se ne possano risolvere.

 

Grandi mura verdi

Un tipo di progetto già in corso in più di un luogo è la costruzione di muri verdi attraverso vaste aree del pianeta. Questi sono fatti di vegetazione indigena e piantati ai margini dei deserti per fermare la desertificazione dell’area circostante. Cioè, la terra ai margini dei deserti è già soggetta alla siccità e sovraccaricata dalle comunità che vivono lì, creando un circolo vizioso e lasciando gli abitanti a lottare per sopravvivere. I muri verdi e gli sforzi di supporto hanno lo scopo di ringiovanire la terra, rendendo più vivibili ampie aree del pianeta.

 

 

Le due pareti più grandi sono il programma Three-North Shelter Forest Program in Cina, lungo 4.500 chilometri, che mira a fermare la diffusione del deserto del Gobi e il Grande Muro verde dell’Africa, lungo 8.000 km per ridurre il Sahara.

geoingegneria
La grande muraglia verde in Senegal

Il successo dei muri dipende dal monitoraggio dei cambiamenti a lungo termine nei modelli di vegetazione e, per fare ciò, i ricercatori dipendono da decenni di immagini satellitari e algoritmi noti come interpretazione visiva aumentata per analizzare le immagini. Collect Earth, uno sforzo congiunto tra Google e l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, ha creato un’interfaccia open source che consente ai ricercatori di accedere a tutti questi dati.

 

Bloccare il Sole

L’anno scorso gli scienziati di Harvard hanno condotto un test che prevedeva l’invio di tracce di aerosol atmosferico – non abbastanza per avere effetti significativi – nella stratosfera terrestre, alta circa 20 km. Gli aerosol contengono composti come solfato, che possono riflettere la luce solare in arrivo e ridurre le temperature globali.

Un articolo pubblicato nel 2017 sulla rivista Atmospheric Chemistry and Physics ha affermato che l’iniezione di aerosol nell’atmosfera essenzialmente imita il pennacchio di cenere da un’eruzione vulcanica. Inoltre, come un pennacchio di cenere, una volta iniettato nella stratosfera inferiore, l’aerosol si diffonderà rapidamente, interessando così vaste aree del pianeta.

geoingegneria

I ricercatori stanno anche cercando di lanciare un parasole gigante nello spazio per gestire la quantità di radiazione solare che colpisce la Terra. Questa idea esiste da decenni, ma solo di recente ha preso slancio.

Ad esempio, un documento del 2018 del Journal of Aerospace Technology and Management descrive il lancio di ciò che gli autori chiamano HSS o Huge Space Shield. Il piano è di mettere un sottile foglio di fibra di carbonio in un punto di Lagrange, che è un punto relativamente stabile nel complesso sistema di attrazione gravitazionale tra la Terra, la luna e il sole. Il foglio bloccherebbe solo una piccola parte della radiazione solare, ma potrebbe essere sufficiente per abbassare le temperature globali al di sotto del limite di 1,5 gradi Celsius stabilito dal gruppo internazionale sui cambiamenti climatici.

Altri vogliono bloccare il sole stimolando la formazione delle nuvole, un processo noto come semina delle nuvole. Perché la pioggia cada, l’umidità nell’aria ha bisogno di condensarsi, il che significa che ha bisogno che la temperatura scenda e qualcosa si condensi intorno – un concetto interessante chiamato nucleazione. Naturalmente, le gocce d’acqua si muovono attorno a particelle di polvere, polline, sale marino e persino batteri, ma gli scienziati hanno confermato che composti come lo ioduro d’argento o il ghiaccio secco possono funzionare altrettanto bene. Il piano è quello di iniettare l’atmosfera sopra aree soggette a siccità con queste sostanze, aumentando così la copertura nuvolosa e le piogge.

 

Rimuovere CO2 dall’atmosfera

Direct Air Capture (DAC) comporta un cocktail di sostanze chimiche che si legano alla CO2 ma sono inerti rispetto agli altri gas. Quando l’aria passa attraverso le macchine DAC, anche conosciute come alberi artificiali, la CO2 aderisce alle sostanze chimiche e viene rilasciata nuovamente quando viene eccitata dall’energia, consentendo di essere catturata, immagazzinata, riciclata o riutilizzata. Una società svizzera chiamata Climeworks ha realizzato l’unico impianto commerciale progettato per catturare e rivendere CO2. Il loro obiettivo è quello di catturare l’1% delle emissioni globali di CO2 entro il 2025.

geoingegneria

La rimozione di CO2 dall’atmosfera può essere effettuata seminando anche gli oceani, che sono uno dei principali pozzi di assorbimento del carbonio, responsabili della rimozione di circa il 30% di CO2. I due migliori modi per farlo sono con ferro e lime. La fertilizzazione del ferro ha lo scopo di stimolare la crescita del fitoplancton, che aspira CO2 dall’atmosfera e aiuta a depositarlo sul fondo marino.

In un documento coreano pubblicato nel 2018, gli autori hanno esaminato gli ultimi 25 anni di esperimenti di semina di ferro, con la conclusione che potrebbe essere una soluzione praticabile, sebbene riconoscano che sono necessari molti più test. L’aggiunta di calce causerebbe una reazione con la CO2 già disciolta nell’oceano e la convertirà in ioni di bicarbonato, riducendo così l’acidità degli oceani e rendendoli ricettivi ad assorbire più CO2.

 

La cura è peggio della malattia?

Mentre queste idee sembrano promettenti, c’è una serie di effetti potenzialmente dannosi. Nel 2008, 191 paesi hanno approvato un divieto delle Nazioni Unite sulla fertilizzazione degli oceani per timori di effetti collaterali sconosciuti, come alterare la catena alimentare o creare regioni a bassa concentrazione di ossigeno. Il legislatore statale del Rhode Island ha approvato il Geoengineering Act del 2017, secondo cui “la geoingegneria comprende molte tecnologie e metodi che implicano attività pericolose che possono danneggiare la salute e la sicurezza umana, l’ambiente e l’economia dello stato di Rhode Island”.

Nonostante l’opposizione, alcune aziende stanno facendo pressioni sui governi per la pemissione di passare attraverso i piani di geoingegneria, e gli scienziati continuano a escogitare e sperimentare nuove idee. Ma alcuni dei presunti benefici di questi piani sono stati messi in discussione. Un articolo pubblicato di recente su Nature sostiene che ridurre la quantità di radiazione solare che colpisce la superficie della terra farà ben poco per fermare gli effetti dannosi del cambiamento climatico sulle colture.

La domanda è, naturalmente, si sa davvero abbastanza per impegnarsi nella geoingegneria? Cosa succederebbe se la semina del cloud su larga scala, ad esempio, alterasse il jetstream e ritardi la stagione dei monsoni in tutto il sud-est asiatico? Cosa farebbe questo alle colture di riso? O se scaricare tonnellate di ferro nell’oceano distruggesse la popolazione ittica lungo la costa del Cile?

Nessuno sa con certezza quale impatto potrebbero avere questi progetti di geoingegneria, ma è anche possibile che siano le soluzioni che stavamo cercando.