depressione

Uno studio internazionale condotto dall’Università di Edimburgo ha scoperto oltre 100 geni legati alla depressione. Gli esperti hanno studiato i dati di due milioni di persone in 20 paesi.

Hanno trovato variazioni genetiche influenzate dalle connessioni nervose nelle parti del cervello che controllano il processo decisionale e la personalità.

Più variazioni genetiche avevano i loro soggetti, più era probabile che fossero depressi.

I ricercatori ritengono che la loro scoperta potrebbe portare a trattamenti migliori.

La depressione interesserà una persona su sei ed è la principale causa di disabilità al mondo.

La depressione può rivelarsi in vari modi: basso umore, letargia, perdita di piacere, mancanza di appetito, diminuzione della libido, pensieri paranoici e altro ancora.

Alcuni soffrono per un paio di mesi una volta nella vita. In altri può rimanere una condizione grave e cronica che comporta l’ammissione in un ospedale psichiatrico e nei casi peggiori, il suicidio.

La dottoressa Rebecca Lawrence dice che tutti sono diversi.

Ha un disturbo dell’umore che produce periodi di depressione così gravi da ricevere una terapia elettroconvulsiva (ECT).

depressione
La dottoressa Rebecca Lawrence ha sofferto di una grave depressione

“Per me sarebbe una totale mancanza di energia, solo la mancanza di capacità di fare veramente qualsiasi cosa”, dice.

“Anche una mancanza di speranza, che le cose non valgono la pena. E anche un forte sentimento di paura di … qualsiasi cosa.”

Molti fattori possono innescare una depressione abbastanza grave da giustificare l’assistenza medica, compresi traumi, lutti, stress, stile di vita.

Il fatto che la depressione possa anche scorrere nelle famiglie ha fortemente suggerito che la genetica avrebbe svolto un ruolo in forse un terzo dei casi.

Ma il meccanismo preciso è rimasto oscuro fino ad ora.

Lo studio internazionale è stato condotto dal professor Andrew McIntosh del Centre for Clinical Brain Sciences dell’Università di Edimburgo.

 

Cambiamenti nel DNA

Ha analizzato i record di anonimi di salute e DNA.

I dati, che sono stati utilizzati con il consenso dei suoi donatori, sono detenuti da UK Biobank, la società di ricerca e genetica personale 23andMe e il Psychiatry Genomics Consortium.

depressione
Lo studio internazionale, condotto dal Prof. Andrew McIntosh dell’Università di Edimburgo, ha esaminato il DNA e le cartelle cliniche di oltre due milioni di persone

“Abbiamo cercato di vedere, in circa due milioni di persone, se potessimo prevedere, usando la genetica, le persone che hanno sviluppato depressione da quelli che non lo hanno fatto”, ha detto il professor McIntosh.

“Abbiamo scoperto che c’erano circa un centinaio di cambiamenti nel loro DNA, nella loro composizione genetica, che li ha resi più propensi a sviluppare la condizione.

“Sono state le persone a trasportare oltre 100 persone che avevano maggiori probabilità di sviluppare il disturbo in futuro”.

I geni coinvolti appaiono in modo predominante per influenzare le giunzioni tra le cellule nervose nel cervello e sono più coinvolti nella parte anteriore del cervello, nel complesso processo decisionale e nelle parti della personalità.

 

Fattori di personalità

I risultati potrebbero portare a terapie più mirate e forse avvertimenti precoci che alcune persone sono a rischio di sviluppare la depressione.

Lo studio, che è stato pubblicato su Nature Neuroscience e finanziato da Wellcome, ha anche rivelato altri intriganti indizi.

Ha identificato sezioni di DNA che erano comuni nelle persone con depressione e in coloro che adottano comportamenti come il fumo.

I risultati fanno luce anche su altri fattori di personalità, come un legame tra nevroticismo e depressione.

Il team di Edimburgo sta ora collaborando con la National Health of Mental Health BioResource e il King’s College di Londra.

Il nuovo studio si chiama Genetic Links to Anxiety and Depression (GLAD) e richiede 40.000 volontari da tutto il Regno Unito per registrarsi online e donare un po ‘di saliva.

Twitta così Rebecca Lawrence:

Il campione viene quindi analizzato e i ricercatori estraggono le informazioni sulla loro genetica e in che modo si riferiscono alla loro ansia e depressione.

La notizia delle ultime scoperte porta speranza a Rebecca Lawrence. L’ultima volta ha dovuto sottoporsi a ECT alla fine dell’anno scorso e rimane su una miscela di farmaci antidepressivi.

Il suo lavoro diurno come consulente psichiatrico le dà una visione più profonda della maggior parte.

Ha detto: “Mi preoccupo di parlarne troppo a volte, ti sembra che potresti parlare poco e parlare troppo. È una cosa nella tua vita insieme a molte altre cose. Ma non ti definisce.”