vichinghi

Un nuovo studio potrebbe risolvere un vecchio dibattito su quanto i vichinghi fossero effettivamente duri.

Anche se serie TV e film dipingono i vichinghi come anime robuste, sfidando temperature sottozero in abiti di pelliccia ed elmi di ferro, nuove prove indicano che potrebbero essersi crogiolati in un’estate bella calda quando si sono stabiliti in Groenlandia.

vichinghi
Vikings, serie TV incentrata sul re vichingo semi-leggendarioRagnar Lothbrok e sulla sua stirpe di conquistatori.

La scoperta

Dopo aver ricostruito il record del clima della Groenlandia meridionale negli ultimi 3.000 anni, un gruppo della Northwestern University ha scoperto che era relativamente caldo quando i norvegesi vivevano lì tra il 985 e il 1450 C.E., rispetto ai secoli precedenti e seguenti.

“La gente ha ipotizzato che i vichinghi si siano stabiliti in Groenlandia durante un insolito, fortuito periodo caldo, ma non ci sono state ricostruzioni dettagliate della temperatura locale che lo confermassero pienamente, e alcuni lavori recenti hanno suggerito che era vero il contrario”, ha detto Yarrow Axford della Northwestern, l’autore senior dello studio.

Lo studio è stato pubblicato il 6 febbraio sulla rivista Geology. Axford è professore associato di scienze planetarie della Terra alla Weinberg College of Arts and Sciences of Northwestern. Lo studio fa parte del Northwestern Ph.D. del dott. G. Everett Lasher, basata nel laboratorio di Axford.

Come sono stati raggiunti questi risultati?

Per ricostruire il clima del passato, i ricercatori hanno studiato i nuclei dei sedimenti lacustri raccolti vicino agli insediamenti vichinghi al di fuori di Narsaq, nel sud della Groenlandia. Poiché il sedimento lacustre si forma con un accumulo incrementale di strati annuali di fango, questi nuclei contengono archivi del passato. Guardando attraverso gli strati, i ricercatori possono individuare gli indizi climatici di eoni fa.

Per questo studio, Lasher ha analizzato la chimica di un mix di mosche del lago, chiamate chironomidi, intrappolate all’interno degli strati di sedimento. Osservando gli isotopi dell’ossigeno all’interno degli esoscheletri conservati delle mosche, la squadra ha ricostruito un’immagine del passato. Questo metodo ha permesso al team di ricostruire i cambiamenti climatici nell’arco di centinaia di anni o meno, rendendolo il primo studio a quantificare i cambiamenti di temperatura del passato nel cosiddetto insediamento norreno orientale.

“Gli isotopi dell’ossigeno che misuriamo dai record dei chironomidi dopo gli isotopi dell’acqua del lago in cui sono cresciuti gli insetti e che l’acqua del lago proviene dalle precipitazioni che cadono sul lago”, ha detto Lasher, primo autore del documento. “Gli isotopi dell’ossigeno nelle precipitazioni sono parzialmente controllati dalla temperatura, quindi abbiamo esaminato il cambiamento degli isotopi di ossigeno nel tempo per dedurre come la temperatura potrebbe essere cambiata.”

vichinghi
Rotte vichinghe

Non il risultato che ci si aspettava

Poiché recenti studi hanno concluso che alcuni ghiacciai avanzavano verso la Groenlandia e il vicino Canada Artico durante il periodo in cui i Vichinghi vivevano nel sud della Groenlandia, Axford e Lasher si aspettavano che i loro dati indicassero un clima molto più freddo. Invece, hanno scoperto che un breve periodo caldo interrompeva una tendenza costante del clima di raffreddamento guidata da cambiamenti nell’orbita terrestre.

Verso la fine del periodo caldo, il clima era eccezionalmente instabile con temperature record sia alte che basse che precedettero l’abbandono vichingo della Groenlandia. Nel complesso, il clima era di circa 1,5°C più caldo rispetto ai secoli di raffreddamento circostanti. Questo periodo più caldo è stato simile alle temperature meridionali della Groenlandia oggi, che si aggirano intorno ai 10°C in estate.

Con un’altra sorpresa, Axford e Lasher scoprirono che l’oscillazione del Nord Atlantico (NAO) – una fluttuazione naturale della pressione atmosferica che è spesso responsabile delle anomalie climatiche nella regione – probabilmente non era in una fase prevalentemente positiva per molti secoli medievali come era stato ipotizzato. (Quando la NAO è nella sua fase positiva, porta aria fredda in gran parte della Groenlandia).

“Abbiamo scoperto che la NAO non poteva spiegare i cambiamenti climatici medievali nel nostro sito”, ha detto Lasher. “Ciò potrebbe mettere in dubbio il suo uso nello spiegare i cambiamenti climatici a lungo termine negli ultimi 3.000 anni altrove”.

vichinghi
Reperto archeologico vichingo

Quindi, cosa ha causato questo clima caldo?

Lasher e Axford non sono sicuri, ma ipotizzano che potrebbe essere stato causato dalle correnti oceaniche più calde nella regione. I nuovi dati saranno utili ai modellisti del clima e ai ricercatori climatici mentre cercano di capire e prevedere cosa potrebbe essere in serbo per la calotta glaciale della Groenlandia, dato il rapido scaldamento della Terra.

“A differenza del riscaldamento del secolo scorso, che è globale, il calore medievale è stato localizzato”, ha detto Axford. “Volevamo indagare su quello che stava accadendo nel sud della Groenlandia in quel momento perché è una parte climaticamente complessa del mondo in cui possono accadere cose controintuitive.”

Gli insediamenti vichinghi in Groenlandia sono crollati in quanto il clima locale è apparso eccezionalmente irregolare e, in definitiva, costantemente freddo. Ma Axford e Lasher lasceranno agli archeologi il compito di determinare se il clima abbia o meno avuto un ruolo nella loro partenza.

“Siamo entrati in questo studio con la teoria che non avremmo visto calore in questo periodo di tempo, in tal caso saremmo stati in grado di spiegare come mai i norvegesi siano persone così forti e robuste che si sono insediate in Groenlandia in una breve fase fredda”, ha detto Lasher. “Invece, abbiamo trovato prove di calore, poi, via via che i loro insediamenti si sono estinti, apparentemente c’era un’instabilità climatica, forse non erano così resistenti ai cambiamenti climatici come gli indigeni della Groenlandia, ma il clima è solo una delle tante cose che potrebbero aver giocato un ruolo.”