megafauna

È difficile sostenere che il mondo non sia reso più interessante da enormi animali quali balene canterine delle dimensioni di uno scuolabus, uccelli con piedi di dinosauro che possono saltare oltre la tua testa (Casuarius casuarius johnsonii), o viscide salamandre cannibali che crescono quanto un coccodrillo.  Animali giganti come questi sono conosciuti come megafauna.

Oltre ad essere terrificanti in tutti i sensi, queste specie enormi sono fondamentali per mantenere in equilibrio i rispettivi ecosistemi e, secondo un nuovo studio, circa il 60% di esse sono condannate senza speranza.

megafauna
Un esemplare di casuario australiano.

 

In una nuova ricerca pubblicata il 6 Febbraio sulla rivista Conservation Letters, gli scienziati hanno esaminato le popolazioni di quasi 300 specie di megafauna in tutto il mondo e hanno visto emergere alcune tendenze preoccupanti. Secondo gli autori, almeno 200 specie (70%) degli animali più grandi del mondo vedono diminuire la loro popolazione e oltre 150 rischiano l’estinzione.

La principale minaccia nella maggior parte di questi casi sembra essere il consumo umano di carne.

“La raccolta diretta per il consumo umano di carne o parti del corpo è il più grande pericolo per quasi tutte le specie di grandi dimensioni con dati sulle minacce disponibili”, ha detto l’autore dello studio William Ripple, professore di ecologia presso l’Oregon State University College of Forestry in una dichiarazione. “I nostri risultati suggeriscono che siamo in procinto di mangiare la megafauna fino alla sua estinzione”.

 

I più grandi animali terrestri

Megafauna” è un termine biologico ampio che può essere applicato a qualsiasi numero di animali di grossa taglia, ugualmente adatto a descrivere un grosso merluzzo australiano come un T. rex morto da tempo. Per restringere il campo nel loro nuovo studio, Ripple ei suoi colleghi hanno definito la megafauna come un vertebrato non estinto sopra una certa soglia di peso. Per i mammiferi, i pesci con pinne raggiate e cartilaginee (come gli squali e le balene), ogni specie di peso superiore a 100 chilogrammi è considerato megafauna. Per anfibi, uccelli e rettili, specie che pesano più di 40 kg rientrano in questa categoria.

Ciò ha lasciato ai ricercatori una lista di 292 animali supersize. L’elenco include un cast di volti familiari come elefanti, rinoceronti, tartarughe giganti e balene, così come alcuni ospiti a sorpresa come la salamandra gigante cinese – un anfibio dalle dimensioni critiche in via di alligatore che può pesare fino 65,5 kg.

megafauna
La sopracitata salamandra gigante cinese.

Successivamente, utilizzando la Lista Rossa IUCN – una banca dati internazionale che valuta i rischi di estinzione rappresentata da oltre 60.000 specie – i ricercatori hanno determinato il livello di minaccia affrontato da ciascuno dei loro 292 esemplari di megafauna. Hanno scoperto che il 70% del loro campione di megafauna mostrava una diminuzione della popolazione e il 59% era minacciato di estinzione totale.

Secondo i ricercatori, ciò rende la megafauna molto più vulnerabile di tutte le specie di vertebrati nel loro complesso, di cui il 21% è minacciato di estinzione e il 46% ha una popolazione in declino. Questo pregiudizio contro le creature più grandi della Terra è “altamente insolito e ineguagliato” negli ultimi 65 milioni di anni di evoluzione post-dinosauro, hanno scritto gli autori – e gli umani sono probabilmente da incolpare.

 

Problema umano, soluzione umana

Dato che gli umani sono migliorati nell’uccidere a distanza negli ultimi cento anni, i megafauna hanno iniziato a morire a un ritmo sempre più rapido, hanno scritto gli autori. Dal 1760, nove specie di megafauna si sono estinte in natura, tutto grazie alla caccia eccessiva umana e all’abbandono dell’habitat.

Oggi, la maggior parte delle specie minacciate di megafauna si trova di fronte a un cocktail letale di pericoli indotti dall’uomo, tra cui l’inquinamento, i cambiamenti climatici e lo sviluppo del territorio. Tuttavia, hanno scritto i ricercatori, l’unica grande minaccia rimane la raccolta – cioè, la caccia e l’uccisione per la loro carne o parti del corpo.

“Il consumo di carne era il motivo più comune per la raccolta di megafauna per tutte le classi, ad eccezione dei rettili, dei quali la raccolta di uova viene classificata in cima”, hanno scritto i ricercatori nel loro studio. “Altre importanti ragioni per la raccolta di megafauna includevano l’uso di medicinali, la cattura accidentale non intenzionale nella pesca e la cattura, il commercio vivo e vari altri usi di parti del corpo come pelli e pinne”.

megafauna
Del rinoceronte bianco settentrionale restano solo due esemplari, entrambi di sesso femminile.

Questa scoperta arriverà come notizie tristi ma non sorprendenti per chiunque sia interessato alla conservazione degli animali. È difficile evitare la notizia che gli squali vengono cacciati per le loro pinne, elefanti africani massacrati per l’avorio o trofei o rinoceronti in pericolo di estinzione – tra cui il rinoceronte bianco settentrionale, di cui rimangono solo due individui (entrambi di sesso femminile) – uccisi per le corna.

Secondo i ricercatori, stabilire barriere legali per limitare il commercio e la raccolta di prodotti megafauna è un passo essenziale verso il rallentamento di questa estinzione di massa in corso.

Fortunatamente, il mondo ha visto qualche successo con azioni come questa prima. Nel 1982, la Commissione internazionale per la caccia alle balene ha adottato una moratoria sulla caccia commerciale alla balena, alla quale oggi aderiscono circa 90 paesi. Da allora, “molti dei più grandi mammiferi marini sono in procinto di riprendersi dopo la cessazione globale”, hanno scritto gli autori. “Questa audace azione ha richiesto la cooperazione e l’applicazione globali e ha avuto successo nel fermare e invertire le minacce di estinzione per la maggior parte delle grandi balene”.