robot

Una delle grandi storie di robotica del 2018, almeno nella stampa mainstream, fu l’arrivo sul mercato di multipli robot sessuali. La maggior parte di questi ha una forma femminile, fantasie antropomorfiche come Samantha di Synthea Amatus e Armonia di RealBotix, che hanno fatto sollevare le sopracciglia e suscitato l’interesse internazionale, spronata in gran parte da chiassosi fondatori e fiorenti rivalità.

I bordelli robot, nel frattempo, sono spuntati a Toronto e Parigi, e un altro è stato escluso dal fare affari a Houston. Un altro ha aperto addirittura a Torino, il quale è stato chiuso a seguito di controlli, e riaperto in seguito in un albergo.

robot
Samantha, robot sessuale di Synthea Amatus

I pontificatori hanno messo in discussione se questa sia una buona cosa o un segno di una società in declino, e gran parte delle critiche si sono concentrate su come questi robot rappresentano le donne, sia nell’aspetto che come oggetti passivi del desiderio . Puntuali come un orologio svizzero, i robot “maschili” con peni bionici sono ora sulla loro strada.

Questo era inevitabile, ovviamente. L’industria della tecnologia sessuale ha un valore di 30 miliardi di dollari e il sesso è stato a lungo un motore di innovazione tecnologica, dalla stravagante sedia per il sesso di King Edward VII e giocattoli sessuali connessi in rete con gravi difetti di sicurezza a nuove forme di porno VR partecipativo.

Ma arriverà il giorno in cui i robot non saranno più votati unicamente a soddisfare i piaceri sessuali. Spesso si usano parole come “amore” e “ossessionato” per descrivere la connessione con i gadget, ma dal punto di vista umano è possibile amare una macchina nello stesso modo in cui possiamo amare un’altra persona?

 

Prime basi per cui un affetto robot-umano è possibile

Un corpus di letteratura sull’argomento sta emergendo dai campi della scienza comportamentale e dell’interazione uomo-robot. Un libro di David Levy chiamato Love and Sex with Robots esplora in modo approfondito e convincente l’argomento.

Nel 2015, Elizabeth Phillips, ora assistente professore presso il Dipartimento di Scienze Comportamentali e Leadership e presso il Warambighter Efficacia Research Center (WERC) presso la US Air Force Academy, ha tenuto un discorso sull’intimità dei robot all’Orlando Nerd Nite e al Festival di Smithsonian Future is Here a Washington, DC, che riprende in parte il libro di Levy e rimane la più intelligente esplorazione concisa del soggetto.

robot

Il professor Phillips sostiene che ci sarà un inevitabile salto nell’amore e nel sesso con i robot, ma per capire perché, dobbiamo capire come gli umani formano i rapporti con le persone e come si innamorano. Questo è il regno della teoria dell’attaccamento, inizialmente concepito per descrivere la relazione tra i bambini e almeno un badante primario. La teoria sostiene che esiste un vantaggio evolutivo per i neonati umani da legare ad un badante nelle prime fasi della vita per comodità e sicurezza. In particolare, l’attaccamento non deve essere per forza reciproco, anche se può esserlo.

 

Dieci ragioni per innamorarsi

La teoria si estende alle relazioni degli adulti, che nasce dall’osservazione che i bambini che non si attaccano presto a un badante hanno difficoltà a formare relazioni interpersonali più avanti nella vita.

Ma questo non spiega completamente i meccanismi dell’amore, il come e il perché le persone si innamorano davvero di un’altra persona. Quel soggetto è il regno di un vasto corpo di ricerche sulla psicologia sociale, e il consenso generale è che ci sono 10 motivi principali per cui le persone si innamorano. Dr. Philips sottolinea che si parla di 10 +1 motivi, dando per scontata la vicinanza fisica.

I dieci motivi includono cose come somiglianza, esclusività, esigenze di riempimento e eccitazione. La domanda che Phillips propone è: i robot possono riempire le 10 + 1 ragioni per gli umani?

 

Le basi nella psicologia

C’è una preponderanza di ragioni per credere che la risposta sia clamorosamente sì. Innanzitutto, ci sono alcuni momenti della vita in cui l’attaccamento alla gente si sposta all’attaccamento agli oggetti. Questi cosiddetti allegati di sicurezza saranno familiari ai genitori, il giocattolo preferito, la copertina preferita e altri. Ma gli allegati di sicurezza vanno oltre la sindrome di Linus e si estendono fino all’età adulta. I computer in particolare sono eccellenti a servire come figure di attaccamento. Sono portatili, accessibili, aiutano l’esplorazione del mondo e offrono conforto sotto forma di connessioni. Queste coincidono con le ragioni per cui le persone si innamorano di altre persone.

robot

Non sei sicuro? Considera il tuo smartphone. Ora considera un giorno senza il tuo smartphone dopo che è stato perso. Molte persone si sentirebbero nude, vulnerabili, stranamente isolate. In una parola, sole.

Adesso considera i robot. Phillips sottolinea che i robot stanno già svolgendo ruoli confortanti. La categoria della robotica domestica non si è ancora estesa ben oltre gli aspirapolvere robot, ma in ambienti come ospedali e strutture di assistenza per anziani c’è una significativa sperimentazione intorno ai robot di accompagnamento che possono illuminare i giorni e sollevare gli spiriti mentre si eseguono i bisogni di assistenza di base.

 

L’ultimo ostacolo è la zona perturbante

C’è anche la crescente “realtà” dei robot da considerare. Phillips sottolinea che potremmo uscire dalla zona perturbante mentre i progettisti realizzano robot sempre più realistici che sono meno inquietanti dei simulacri umani di un paio di anni fa. Ciò significa che i robot stanno diventando sempre più convincenti mentre passano per umani.

Accoppia questo con il fatto che le persone stanno già dimostrando una preferenza per le relazioni artificiali. Phillips cita una mania giapponese tra la sottocultura Otaku di giocare ai date games, in cui i giocatori stabiliscono relazioni con i personaggi dei computer.

robot

Sembra strano, ma dato ciò che sappiamo della teoria dell’attaccamento non è poi così diverso dalla mania Tamagotchi che è più familiare qui in Italia (c’è anche un cosiddetto effetto Tomagotchi per descrivere l’attaccamento umano a una macchina).

L’accettabilità sociale è uno dei 10 + 1 motivi per cui le persone si innamorano, e anche lì, l’affetto verso i robot è in vista. Negli Stati Uniti, il sondaggio suggerisce un cambiamento delle opinioni sulla sessualità e una maggiore permissività delle relazioni sessuali che non rientrano in una ristretta norma eterosessuale. Quando si parla di relazioni con i robot, le reazioni sono spesso riflessive e negative, ma ci sono buone ragioni per sospettare che ciò cambierà.

 

Intelligenza emotiva

Il pezzo mancante di tutto questo è l’intelligenza emotiva, alcuni notano che in una relazione normale c’è un’altra coscienza che accetta e ricambia i sentimenti. La grande domanda è se mai accetteremo che i robot, che sono artificiali, possano offrire quel conforto.

Phillips sottolinea che quando i ricercatori chiedono alle persone che visitano i bordelli il motivo per cui ci vanno e ciò che ne ricevono, una ragione spesso citata è il senso di una connessione reciproca da un’altra persona. Non è che la gente che va ai bordelli crede, intellettualmente, che la prostituta che stanno visitando sia infatuata di loro; è che non ha importanza a patto che la fantasia sia mantenuta in modo plausibile. Abbiamo pulsanti emotivi e, anche in uno scenario di transazione trasparente, sono facilmente disponibili.

robot

I computer, ovviamente, stanno diventando molto più emotivamente intelligenti e hanno adottato tutti i tipi di strategie per spingere i nostri pulsanti emotivi. Gli assistenti domestici sono in grado di rispondere con stranezze di personalità simulata e persino di far ridere con battute o intuizioni inaspettate. Macchine più sofisticate come Sophia hanno suscitato scalpore nel dare esecuzioni dal vivo realistiche che sembrano esibire improvvisazione e personalità.

Presi insieme, tutto ciò porta a una conclusione chiara: potremmo essere molto più vicini a vedere il realizzarsi di un affetto uomo-robot di quanto non ci rendiamo conto.