neanderthal

I Neanderthal fabbricavano armi che potevano uccidere a distanza, secondo un nuovo studio archeologico. Gli esperti ritengono che gli uomini più anziani fossero più cognitivamente avanzati di quanto si pensasse in precedenza.

I risultati, pubblicati il 25 gennaio nella rivista Scientific Reports, forniscono maggiori informazioni sullo sviluppo di innovazioni tecniche nel nostro passato – che includevano armi progettate per uccidere.

Il Neanderthal era una specie di umano arcaico che visse in Euroasia tra i 450.000 e i 45.000 anni fa. L’umano moderno non solo condivide un antenato comune con i Neanderthal, poiché il 2% dei genomi degli attuali umani dell’Euroasia ha il DNA di Neanderthal.

È noto che i Neanderthal dipendevano dagli animali come un’importante fonte di cibo, ma il modo in cui si procacciavano la carne non è ancora completamente compreso. Si pensava che i Neanderthal fossero cacciatori, ma nuove prove suggeriscono che, almeno 120.000 anni fa, erano cacciatori sufficientemente sofisticati che spesso collaboravano con i pescatori subacquei.

Il primo artefatto che i Neandertal hanno usato per la caccia fu una punta di lancia di circa 400.000 anni ritrovata a Clacton-on-Sea in Inghilterra nel 1911. Poiché la lancia di Clacton è solo un frammento, è stato difficile determinare come è stata usata: se per cacciare, per spaventare altri predatori o scavare.

Alla fine degli anni ’90, molte altre punte di lancia e circa 16.000 ossa di animali vennero scoperte in una miniera di lignite a Schöningen, in Germania. Le analisi hanno rivelato che le “lance di Schöningen” avevano almeno 300.000 anni , collocandole nell’era di Neanderthal e facendole anche le più antiche armi conservate nella documentazione archeologica preistorica in Europa. La maggior parte delle lance erano fatte di gambi di abete e variavano in lunghezza da 1,82 a 2,25 metri e di diametro da 29 a 47 millimetri.

Tuttavia, non si sa come sono stati utilizzati. Il peso delle lance – tra 760 e 800 grammi – ha portato a suggerire che, se lanciate, non sarebbero andate molto lontano – forse dieci o più metri. Inoltre, non sarebbero state abbastanza veloci da essere letali.

 

Il nuovo studio

Ma i ricercatori Annemieke Milks e Matt Pope, dell’Istituto di Archeologia presso l’University College di Londra, hanno voluto andare a fondo. Dopotutto, le freccette moderne vanno dai 600 agli 800 grammi di peso. Come le frecce moderne, le lance di Schöningen hanno un diametro maggiore – e quindi un centro di gravità – sul terzo anteriore dell’albero.

Per questo, hanno chiamato Owen O’Donnell, un ex studente dello stesso istituto ed esperto nel fare repliche delle tecnologie del Paleolitico. Con il legno degli alberi norvegesi coltivati ​​nel Regno Unito, O’Donnell ha realizzato due repliche delle lance Schöningen, una di 760 grammi e l’altra di 800 grammi. Questo processo includeva l’uso di strumenti di pietra per finalizzare le superfici delle lance al fine di riprodurre accuratamente gli originali.

I ricercatori hanno chiesto a un gruppo di abili lanciatori di dardi di usare le repliche bersaglio, dato che avevano la capacità di sparare lance ad alta velocità, come i cacciatori di Neanderthal avrebbero dovuto fare.

Gli atleti hanno colpito bersagli fino a 20 metri di distanza con un impatto che avrebbe ucciso prede come i cervi. Venti metri potrebbero non sembrare molto, ma in termini di caccia alle prede, sarebbe stato sufficiente nelle giuste condizioni.

Lo studio mostra che i Neanderthal erano abbastanza innovativi da sviluppare armi che avrebbero ampliato il loro repertorio di caccia. Annemieke Latti, che ha guidato la ricerca, spiega: “Questo studio è importante perché aggiunge al corpo di prove che i Neanderthal erano tecnologicamente sperimentali e avevano la capacità di cacciare animali di grandi dimensioni attraverso una varietà di strategie di caccia non solo rischiosi per i loro incontri ravvicinati“.

Inoltre, dimostra che la flessibilità comportamentale del Neanderthal rispecchia la nostra specie. “Questa è un’ulteriore prova che riduce la distanza tra i Neanderthal e gli esseri umani moderni“, ha detto. “Questo contribuisce alle visioni di Neanderthal come i nostri cugini intelligenti“.

L’emergere di armi – progettate per uccidere la tecnologia – è una soglia critica, ma scarsamente fondata nel dell’evoluzione umana“, ha detto Matt Pope, co-autore dello studio. “Sviluppiamo strumenti e ampliamo le nostre capacità attraverso l’innovazione tecnica. Comprendere quando sviluppiamo capacità di uccidere a distanza è quindi un momento oscuro ma importante nella nostra storia“.