Opportunity-nasa

La NASA ha annunciato mercoledì 13 febbraio di aver concluso la missione del rover Opportunity che ha indagato sulla superficie di Marte per 15 anni e, tra le sue scoperte più importanti, ha scoperto i primi segni di acqua sul pianeta.

Secondo gli scienziati dell’American Space Agency, il dispositivo non è sopravvissuto a un’enorme tempesta di polvere la scorsa estate, quando la comunicazione è stata completamente persa. “Pertanto, sono qui con un profondo senso di gratitudine per aver dichiarato che la missione di Opportunity è terminata“, ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore scientifico associato della NASA, durante una conferenza pubblica.

 

Addio, Opportunity!

Termina una missione la cui lunga durata è stata completamente inaspettata, perché il robot era stato inizialmente progettato per resistere sulla superficie di Marte per tre mesi, come ricorda l’amministratore della NASA, Jim Bridenstine. “L’obiettivo era quello di essere in grado di spostarsi per diversi chilometri lungo la superficie di Marte e sopravvivere a 90 giorni. Invece, siamo qui dopo più di 14 anni“, ha detto Bridenstine, in carica da aprile 2018 dopo essere stato nominato dal presidente, Donald Trump. “Sono stati due decenni di lavoro impressionante“, ha riferito Bridenstine, che ironicamente ha anche detto che dopo essere entrato in carica solo “un anno fa” è responsabile dell’annuncio, ma “come politico troverà un modo per incolpare qualcuno“.

Opportunity ha fornito agli scienziati una visione ravvicinata di Marte che non era mai stata osservata prima: rocce disposte in strati che resistevano all’erosione dell’acqua che apparentemente scorreva su Marte diversi miliardi di anni fa: un prerequisito per le condizioni che consentono la possibilità di vita.

Poiché questo dispositivo e il suo gemello Spirit, nel 2010, ha continuato a funzionare molto più a lungo del previsto, la NASA ha garantito una presenza robotica continua su Marte per oltre 15 anni.

Ma ieri sera, il centro di controllo dell’agenzia ha emesso l’ultima chiamata a Opportunity e non ha ricevuto alcuna risposta, il che è stato considerato come il segnale finale per porre fine alla vasta e imprevista missione spaziale.