megalodonte
interpretazione artistica delle sue gargantuesche dimensioni

Una nuova ricerca suggerisce che il megalodonte, un enorme squalo preistorico che ha ispirato numerosi documentari, libri e film di successo (e altri decisamente più discutibili), potrebbe essersi estinto oltre un milione di anni prima di quanto si pensasse.

La ricerca precedente stimava che la specie fosse morta 2,6 milioni di anni fa, e studi più recenti collegarono la sua scomparsa e quella di altre specie marine a una supernova causata dalla morte di una stellanota per essersi verificata all’incirca in quel periodo.

megalodonte
Giusto per entrare in prospettiva

Si pensava che le radiazioni causate dai raggi cosmici che colpivano il pianeta avrebbero potuto causare un enorme picco nei tassi di cancro tra gli animali più grandi.

La vera causa della sua estinzione

Ma un riesame dei reperti fossili ha rivelato che l’Otodus megalodon, che potrebbe crescere fino a 18 metri di lunghezza, quasi tre volte più grande del più grande squalo bianco registrato, potrebbe essersi estinto 3,6 milioni di anni fa, e gli scienziati ora dicono che la sua estinzione potrebbe essere collegata all’aumento della popolazione del suo cugino più piccolo.

Un team di ricercatori guidati dal paleontologo dei vertebrati Robert Boessenecker con il College of Charleston, nella Carolina del Sud, ha rilevato in molti luoghi che ci sono stati problemi di dati con i singoli fossili nello studio della stima della data di estinzione.

megalodonte
Una rapida occhiata alle dimensioni di questa creatura

Stranezze fossili

Hanno scoperto che esistevano fossili fino alla fine dell’epoca pliocenica, 3,6 milioni di anni fa. Tutti i fossili successivi hanno avuto uno scarso riscontro nei dati e probabilmente provengono da altri siti fossili o hanno dimostrato di essere stati erosi da vecchi giacimenti, ha concluso una ricerca pubblicata sul Journal of Life and Environmental Sciences.

Fino a 3,6 milioni di anni fa, il megalodonte aveva una continua documentazione fossile sulla costa occidentale dell’America.

“Abbiamo usato lo stesso set di dati in tutto il mondo dei precedenti ricercatori, ma abbiamo accuratamente controllato ogni evento fossile e abbiamo scoperto che la maggior parte delle datazioni aveva diversi problemi: fossili con datazioni troppo giovani o imprecise, fossili erroneamente identificati o vecchie date che sono state affinate dai miglioramenti in geologia – e ora sappiamo che gli esemplari sono molto più giovani “, ha detto il dott. Boessenecker.

megalodonte
Un dente del megalodonte fossilizzato

“Dopo aver apportato ampie modifiche a questo campione mondiale e aver riesaminato statisticamente i dati, abbiamo scoperto che l’estinzione del megalodonte deve essere avvenuta almeno un milione di anni prima di quanto stabilito in precedenza.”

I risultati sono “un sostanziale aggiustamento”, ha detto il gruppo di ricerca, poiché significa che il megalodonte probabilmente si estinse molto prima che un gran numero di foche, trichechi, mucche di mare, focene, delfini e balene si estinguessero intorno a 1 – 2,5 milioni di anni fa.

 

Competizione con il rivale più piccolo

I ricercatori invece suggeriscono che la competizione con il nuovo grande squalo bianco moderno è una ragione più probabile per l’estinzione del megalodonte.

I grandi bianchi si presentano per la prima volta nella documentazione sui fossili con denti seghettati circa 6 milioni di anni fa e solo nell’Oceano Pacifico.

Ma da 4 milioni di anni fa, erano comuni negli oceani in tutto il mondo.

megalodonte
Un magnifico esemplare del cugino più piccolo del megalodonte, il grande squalo bianco

“Proponiamo che questa breve sovrapposizione (3,6 – 4 milioni di anni fa) fosse un tempo sufficiente affinché i grandi squali bianchi si diffondessero in tutto il mondo e vincessero la competizione col megalodonte in tutto il suo raggio, portandolo all’estinzione, piuttosto che [la loro morte fosse dovuta a] radiazioni dallo spazio profondo “, ha detto il dott. Boessenecker.

Ha aggiunto: “L’estinzione del megalodonte in precedenza si pensava fosse legata a questa estinzione di massa marina, ma in realtà, ora sappiamo che i due non sono immediatamente correlati”.

 

I dubbi sulle precedenti teorie

Il team di ricerca dubita anche che l’estinzione di massa proposta sia avvenuta come precedentemente teorizzato, poiché i fossili di mammiferi marini tra 1 e 2 milioni di anni sono straordinariamente rari, e rimane un dislivello di due milioni di anni .

“È possibile che ci sia stato un periodo di ricambio faunistico [con] molte specie in via di estinzione e molte nuove specie che appaiono e si sostituiscono a loro, piuttosto che una immediata e catastrofica estinzione causata da un cataclisma astronomico come una supernova”, ha detto il dott. Boessenecker.