nuovo dinosauro

Un nuovo dinosauro che indossa un “cuore” sulla sua coda fornisce nuovi indizi su come gli ecosistemi si sono evoluti nel continente africano durante il periodo Cretaceo secondo i ricercatori dell’Università dell’Ohio.

Il team OHIO ha identificato e nominato la nuova specie di dinosauro in un articolo pubblicato questa settimana su PLOS ONE. Il nuovo dinosauro, il terzo ora descritto dalla Tanzania sudoccidentale dal team finanziato dal NSF, è ancora un altro membro dei grandi sauropodi titanosauri dal collo lungo. Lo scheletro parziale è stato recuperato dalle rocce dell’era del Cretaceo (~ 100 milioni di anni fa) esposte su una superficie rocciosa nel ramo occidentale del grande sistema di spaccatura dell’Africa orientale.

nuovo dinosauro

La scoperta

Il nuovo dinosauro si chiama Mnyamawamtuka moyowamkia, un nome derivato dallo swahili per “animale dello Mtuka (con) una coda a forma di cuore” in riferimento al nome del letto del fiume (Mtuka) in cui è stato scoperto e grazie alla forma unica delle ossa della sua coda.

La scoperta iniziale di Mnyamawamtuka avvenne nel 2004, quando parte dello scheletro fu scoperta in alto su una parete rocciosa che dominava il letto del fiume Mtuka stagionalmente, con scavi annuali che proseguiranno fino al 2008.

“Sebbene i titanosauri diventarono uno dei gruppi di dinosauri di maggior successo prima dell’infame estinzione di massa che culmina nell’Era dei Dinosauri, la loro prima storia evolutiva rimane oscura, e Mnyamawamtuka aiuta a raccontare quegli inizi, specialmente per il lato africano della loro storia “, ha detto l’autore principale, il dott. Eric Gorscak, laureato alla Ohio University, attuale ricercatore associato presso il Field Museum of Natural History (Chicago) e nuovo assistente alla Midwestern University di Downers Grove, appena fuori Chicago. “La ricchezza di informazioni dallo scheletro indica che era lontanamente imparentato con altri noti titanosauri africani, ad eccezione di alcune interessanti somiglianze con un altro dinosauro, il Malawisaurus, appena oltre il confine tra Tanzania e Malawi”, ha osservato il dott. Gorscak.

Un quadro evolutivo più complesso di quello che si pensava

I titanosauri sono ritrovati spesso nelle rocce dell’era del Cretaceo in Sud America, ma altri sforzi del team includono nuove specie scoperte in Tanzania, in Egitto e in altre parti del continente africano che rivelano un quadro più complesso dell’evoluzione dei dinosauri sul pianeta.

“La scoperta di dinosauri come Mnyamawamtuka e altri che abbiamo scoperto di recente è come fare un ‘connetti i puntini’ quadridimensionale”, ha detto il dottor Patrick O’Connor, professore di anatomia all’Università dell’Ohio e consigliere di Gorscak durante il suo Ph.D.

“Ogni nuova scoperta aggiunge un po ‘più di dettagli al quadro di come si presentassero gli ecosistemi nell’Africa continentale durante il Cretaceo, permettendoci di assemblare una visione più olistica del cambiamento biotico nel passato”.

Il processo di scavo ha attraversato diversi anni, e ha incluso squadre sul campo sospese da corde e escavatori meccanici su larga scala per recuperare uno degli esemplari più completi da questa parte dell’albero genealogico dei dinosauri sauropodi.

“Senza la dedizione di diverse squadre sul campo, tra cui alcuni membri hanno indossato attrezzature da arrampicata per i primi scavi, lo scheletro si sarebbe eroso nel fiume durante le stagioni umide piuttosto intense in questa parte dell’Africa orientale del Rift System”, ha aggiunto O’Connor .

“Quest’ultima scoperta è un altro eccellente esempio di come i ricercatori dell’Ohio University lavorino in tutto il mondo nel nome della ricerca scientifica”, ha detto il presidente dell’Università dell’Ohio, Duane Nellis.

nuovo dinosauro

Una serie di successi da parte del team

Mnyamawamtuka e gli altri titanosauri della Tanzania non sono gli unici animali scoperti dal gruppo di ricerca. Resti di bizzarri parenti dei primi coccodrilli, la più antica prova di “allevamento di insetti” e indizi allettanti sulla prima evoluzione delle scimmie sono stati scoperti negli ultimi anni.

Tali scoperte nel Rift dell’Africa orientale forniscono uno sguardo cruciale sugli antichi ecosistemi dell’Africa e forniscono l’impulso per il lavoro futuro altrove nel continente.

“Questo nuovo dinosauro ci fornisce importanti informazioni sulla fauna africana durante un periodo di cambiamenti evolutivi”, ha dichiarato Judy Skog, direttore del programma della Divisione Scienze della Terra della National Science Foundation, che ha finanziato la ricerca. “La scoperta offre spunti di riflessione sulla paleogeografia durante il Cretaceo, oltre a informazioni tempestive su un animale con ossa di coda a forma di cuore durante questa settimana di San Valentino.”