denti

 

I denti raccontano agli archeologi tutto sulle civiltà antiche – dalla loro dieta al loro stile di vita fino alla loro causa di morte.

Ma una nuova ricerca suggerisce che potrebbero anche rivelare dettagli sul futuro di un individuo.

In particolare, gli scienziati hanno scoperto che i denti potevano mostrare i rischi di disturbi mentali come depressione, ansia, disturbo bipolare e schizofrenia.

Il dott. Erin Dunn, psichiatra del Massachusetts General Hospital, ha esaminato i denti da latte persi dai bambini di sei anni e ha scoperto che quelli con smalto più sottile avevano più probabilità di avere problemi di attenzione.

denti

 

Lo studio

La scoperta, anche se forse logica per gli archeologi, non ha precedenti nella psichiatria, e offre un modo completamente nuovo di schermare i disordini che sono sempre più comuni.

“È qualcosa che non avevamo mai visto o pensato prima”, ha detto il dott. Dunn a DailyMail.com.

Per lo studio, presentato oggi all’American Association for the Advancement of Science a Washington, il dott. Dunn ha collaborato con archeologi, antropologi e professionisti della salute pubblica.

Hanno chiesto ai genitori di 37 bambini di età pari o superiore a sei anni in California di donare i loro denti quando sono caduti.

Dopo aver analizzato ciascun dente con immagini ad alta risoluzione, hanno confrontato le loro valutazioni comportamentali delle analisi dei bambini.

denti

I risultati delle analisi

Hanno scoperto che le differenze nelle dimensioni e qualità dei loro denti erano migliori predittori di salute mentale rispetto ai fattori che gli psichiatri normalmente cercavano, come il quartiere in cui vivono o la loro sistemazione familiare.

Per il Dr Dunn, lo studio ha mostrato il beneficio e la necessità per gli scienziati di lavorare in più campi.

“Penso che in generale gli scienziati possano essere dissotterrati. Le persone tendono a lavorare solo con persone che hanno uno sfondo simile al loro. Gli psichiatri lavorano con gli psichiatri, gli psicologi lavorano con gli psicologi. Anche se c’è stato uno sforzo per le persone a muoversi attraverso le discipline, non molti lo fanno.

“Questo [studio] è un artefatto per la necessità di una scienza più interdisciplinare e di come gli sforzi possono fornire opportunità per guardare cose che sono completamente inaspettate che altri campi fanno sempre”.