L’Agenzia Spaziale Cinese ha scelto il nome del luogo in cui è atterrata la Chang’e-4. Il suo nome ufficiale è “Statio Tianhe”, un misto di cinese mandarino e latino che da come significato “La Base della Via Lattea“.

Il nome è stato dichiarato in una conferenza a Pechino ed oltre a quello del sito di atterraggio, sono stati nominati anche tre crateri ed un altura nelle vicinanze. I nomi sono stati concordati dalla China National Space Administration, l’Accademia Cinese delle Scienze e l’Unione Astronomica Internazionale.

I nomi scelti per il sito d’atterraggio e per i luoghi li attorno richiamano la tradizione popolare cinese, ed alludono ad un racconto popolare di due amanti che si incontrano sulla Luna. Il termine cinese Tianhe significa Via Lattea, la cui traduzione letterale è “cielo-fiume” in mandarino. Mentre “Statio” è la parte latina, che significa base, il nome del sito di atterraggio è dunque La base della Via Lattea. I tre crateri vicino al luogo di sbarco sono stati chiamati Zhinu (ragazza tessitrice), Hegu (tamburo del fiume) e Tianjin.

I nomi alludono all’antico racconto di folclore della “ragazza tessitrice” e del suo amante esiliato. I due amanti sono separati dalla Via Lattea e possono incontrarsi solo una volta all’anno su un ponte formato da gazze, noto come Queqiao, il nome dato al satellite della Cina sul lato oscuro della Luna. Questi sono anche i nomi, nella tradizionale astronomia cinese, di alcune stelle in importanti costellazioni.