alterego

Parlare ai propri gadget è roba passata, nel futuro non si dovrà fare altro che trasmettere ciò che si vuole col pensiero. Il prototipo di un dispositivo chiamato AlterEgo, creato dallo studente del MIT Media Lab Arnav Kapur, sta già rendendo possibile tutto questo.

Con il dispositivo di Kapur, una ghiera di plastica stampata in 3-D che assomiglia a una banana bianca magra attaccata a un lato della sua testa, può sfogliare i canali TV, cambiare i colori delle lampadine, giocare a scacchi, risolvere problemi aritmetici complicati, e, come ha recentemente mostrato ad una crew, ordinare una pizza, il tutto senza dire una parola o alzare un dito. Può essere usato per consentire alle persone di comunicare in modo silenzioso e discreto tra loro.

alterego

“Mi sento un cyborg, ma nel miglior senso possibile”, dice della sua esperienza con il dispositivo, che ha costruito come progetto di ricerca.

 

Come funziona AlterEgo?

AlterEgo non legge le menti, anche se potrebbe sembrare così. Piuttosto, riprende i segnali elettrici di quaranta bit prodotti dai piccoli movimenti dei nostri muscoli facciali e del collo quando leggiamo o parliamo tra noi.

Gli elettrodi di AlterEgo catturano questi segnali e li inviano tramite Bluetooth a un computer, dove possono essere decodificati da algoritmi e quindi attivati ​​(“Accendi la luce”, ad esempio).

Il sistema include cuffie a conduzione ossea per darti feedback e farti sapere (con una voce computerizzata) cosa altri utenti di AlterEgo stanno cercando di dirti, senza bloccarti le orecchie.

È come essere personalmente connessi a Internet, e senza di esso, Kapur dice: “Mi sento normale tutto ad un tratto”.

 

In un mondo in cui il rapido miglioramento dell’intelligenza artificiale sta diventando una fonte di ansia (le classiche preoccupazioni dei robot troppo presenti nell’industria del lavoro, per dirne una), Kapur vede AlterEgo come una sorta di antidoto. Ha trascorso l’ultimo anno a lavorare sul dispositivo per mostrare come l’intelligenza artificiale può aiutare a migliorarci anziché sostituirci.

Lo immagina come un nuovo tipo di computer, che può essere utilizzato in un modo meno impegnativo per la tua attenzione rispetto a toccare e scorrere su uno smartphone e più intimo (e silenzioso) rispetto ai comandi da abbaiare ad Alexa. Sebbene sia ancora solo un prototipo ai suoi inizi, le potenziali implementazioni sono infinite, e variano dal chiamare un Uber a rendere più semplice la comunicazione tra persone con problemi di linguaggio e disturbi della voce.

alterego

 

Imparare dagli errori del passato

I ricercatori hanno anche fatto testare AlterEgo come un modo per comunicare in modo silenzioso e poco appariscente; secondo un recente studio, hanno rilevato che il 92% delle volte, in media, è stato in grado di capire con precisione ciò che gli utenti dicevano.

Tanzeem Choudhury, professore associato alla Cornell University che gestisce il People-Aware Computing Lab della scuola, pensa che AlterEgo potrebbe essere particolarmente utile in situazioni in cui potrebbe essere imbarazzante o emotivamente impertinente parlare di certe cose.

La sfida, dice, sta facendo funzionare bene il dispositivo senza che l’hardware e l’interazione risultino “strane”. Indica Google Glass, l’archetipo dei wearable falliti, come un esempio di come le interazioni tra le persone possono andare storte quando almeno uno di loro ha un gadget in testa.

alterego

E Kapur, che vorrebbe migliorarlo su questo aspetto e trasformarlo in un prodotto reale, sta iniziando a pensare a tutti i problemi che devono essere risolti prima.

 

Si parte da zero

Ad esempio, la sua funzione di comunicazione da persona a persona è limitata a parole e frasi molto semplici come “Sì”, “No”, “Ciao” e “Conosci questo?” ,e mentre può tradurre silenziosamente parole pronunciate dall’inglese in lingue tra cui spagnolo e giapponese, è ancora in grado di tradurre solo 15 frasi.

Questo perché il suo approccio al discorso silenzioso è nuovo, quindi non ci sono grandi insiemi di dati a cui i ricercatori possono aggrapparsi per addestrare l’algoritmo di AlterEgo (al contrario, diciamo, di una tipica app di riconoscimento vocale). Quindi i ricercatori stanno costruendo il proprio set di dati facendo in modo che le persone lo usino.

Kapur dice che stanno anche organizzando uno studio negli ospedali e nei centri di riabilitazione in cui le persone con problemi di linguaggio useranno AlterEgo, anche se non divulgherà ciò che esattamente stanno facendo o sperano di scoprire. Oltre a ciò, i ricercatori stanno espandendo il vocabolario che il sistema può comprendere, lavorando sulle applicazioni e considerando come possono migliorare il fattore di forma di AlterEgo.

Dopotutto, dice, “è bello avere tutti quei superpoteri”.