dipinti

Persino Georgia O’Keeffe ha notato i piccoli brufoletti a punta di spillo che ribollivano sulla superficie dei suoi dipinti. Per decenni gli studiosi hanno pensato che questi fossero piccoli granelli di sabbia del deserto del New Mexico, dove la pittrice viveva e lavorava, insinuati all’interno delle opere.

Un team multidisciplinare della Northwestern University e del Georgia O’Keeffe Museum di Santa Fe, nel New Mexico, ha ora diagnosticato la strana malattia della vernice. Le protrusioni di dimensioni microscopiche sono saponi metallici, derivanti da una reazione chimica tra gli ioni metallici e gli acidi grassi usati come legante nelle vernici.

 

Monitorare le opere d’arte per individuare il colpevole

Ispirato dalla ricerca, il team ha sviluppato un nuovo strumento portatile che può facilmente e senza sforzo mappare e monitorare le opere d’arte. Lo strumento consente ai ricercatori di osservare attentamente le sporgenze al fine di comprendere meglio quali condizioni le fanno crescere, ridurre o eruttare.

“Gli acidi grassi liberi all’interno dei mezzi leganti della vernice stanno reagendo con i pigmenti di piombo e zinco”, ha dichiarato Marc Walton, professore di ricerca in scienze dei materiali e ingegneria presso la McCormick School of Engineering of Northwestern, che ha co-diretto lo studio.“Questi saponi metallici hanno iniziato ad aggregarsi, spingono la superficie dei dipinti e formano qualcosa che assomiglia all’acne.”

“Se possiamo facilmente misurare, caratterizzare e documentare queste protuberanze di sapone più e più volte con poco costo per il museo, allora possiamo osservarle mentre si sviluppano”, ha detto Oliver Cossairt, professore associato di informatica in McCormick, che ha guidato la sviluppo tecnologico. “Ciò potrebbe aiutare i conservatori a diagnosticare la salute e a prescrivere le possibilità di trattamento per le opere d’arte danneggiate”.

Walton, co-direttore del Center for Scientific Studies in the Arts, una collaborazione tra Northwestern e l’Art Institute di Chicago, ha discusso i risultati della ricerca e la tecnologia in un briefing con la stampa il 16 febbraio all’American Association for the Advancement of Science ( AAAS) incontro annuale a Washington, DC

Il giorno successivo Cossairt presenterà la ricerca in una sessione scientifica. Il suo discorso, “Diagnosticare una patologia della pittura con l’informatica: il caso di Georgia O’Keeffe”, è parte della sessione “Medicina, informatica e arte: apprendimento attraverso la tecnologia“.

La sessione scientifica dell’AAAS è organizzata da Francesca Casadio, direttore esecutivo di Conservation and Science presso l’Art Institute e condirettore del Center for Scientific Studies in the Arts.

 

Una pericolosa malattia

Quasi tutti i dipinti di Georgia O’Keeffe hanno un certo grado di danno dalla formazione di saponi metallici. Mentre alcuni dei casi di “acne” sono nelle prime fasi di sviluppo e possono essere visualizzati solo con l’imaging ultravioletto, altri sono più avanzati e possono essere visti ad occhio nudo. I conservatori hanno ripristinato alcuni dei dipinti in cui il danno è più pronunciato, ma le sporgenze continuano a tornare.

“Il tasso di deterioramento è una delle domande più importanti dello studio”, ha detto Dale Kronkright, capo della conservazione presso il Georgia O’Keeffe Museum. “Sembra esserci una correlazione tra il numero di volte che i dipinti hanno viaggiato per le mostre pubbliche e le dimensioni e la maturità dell’interruzione della superficie. Più volte i dipinti hanno viaggiato, più è probabile che le sporgenze siano più grandi e più numerose.”

dipinti
Il Georgia OKeeffe Museum a Santa Fe, New Mexico

Walton e il suo team al Center for Scientific Studies in the Arts stanno studiando quanto velocemente il processo possa progredire inducendo il deterioramento del sapone metallico nei dipinti surrogati. Hanno anche decenni di informazioni dettagliate dal Georgia O’Keeffe Museum, che documenta i diversi ambienti che i vari dipinti hanno vissuto durante i viaggi e in mostra.

“Dopo aver compreso quali sono le condizioni ambientali in cui si trovano, che tipo di umidità relativa, che tipo di temperature, se sono stati esposti alla luce solare diretta, possiamo prescrivere un ambiente particolare con condizioni particolari che consentano alle opere d’arte di sopravvivere per un periodo di tempo molto lungo “, ha detto Walton.

Questi risultati possono anche essere applicati più ampiamente oltre i capolavori di O’Keeffe. I brufoletti di sapone stanno danneggiando i dipinti di più epoche storiche.

“Se siamo in grado di risolvere questo problema, possiamo preservare il nostro patrimonio culturale per le generazioni a venire”, ha detto Walton.

 

Dalla fantascienza alla scienza reale

Una soluzione per salvare i dipinti, come già accennato prima, è già stata trovata. Si tratta di una specie di “tricorder“, aggeggio usato in Star Trek dai protagonisti per scannerizzare aree inesplorate o analizzare oggetti inanimati e diagnosticare le cause di morte.

Invece di analizzare lo stato di salute di un essere umano, la variante reale è usata per analizzare quello dei dipinti. Usa un display LCD come quello dei tablet, e scannerizza la superficie dei dipinti, trasformandoli in immagini 3D.

Attraverso altri strati di lavorazioni ed analisi, riesce ad individuare quando le protuberanze dei dipinti siano “brufoli” e quando si tratta invece di un colpo di pennello dell’artista.

Il dispositivo, di dimensioni ben maggiori rispetto a quello in Star Trek, è molto costoso ed ingombrante, per cui sono pochi i musei che possono permettersene uno.

Stiamo provando a renderlo molto più semplice, economico e disponibile in tempi brevi per aumentare le sue possibilità di utilizzo” commenta Cossairt.