Cina

La Cina ha piani ambiziosi per costruire una serie di centrali solari spaziali, ha riferito il Sydney Morning Herald, citando il quotidiano cinese Science & Technology Daily.

Le fantastiche centrali solari, che dovrebbero essere costruite e lanciate tra il 2021 e il 2025 (con le più grandi stazioni di dimensioni 1MW programmate per oltre il 2030) saranno in grado di fornire energia alla Terra a sei volte l’intensità delle centrali solari sulla Terra, dice al giornale Pang Zhihao, ricercatore presso la China Academy of Space Technology.

Nel tempo, queste stazioni potrebbero diventare “una fonte inesauribile di energia pulita per gli esseri umani”, ha detto Pang, con la potenza trasmessa tramite microonde o dalla fotonica avanzata e la trasmissione non influenzata dal ciclo giorno / notte del nostro pianeta e dalle condizioni meteorologiche terrestri.

Cina
Raccogliere energia ed inviarla sulla Terra. Facile, no?

La fonte di energia pulita e rinnovabile aiuterebbe a saziare le crescenti richieste di energia della Cina sulla Terra, e fornirà al suo programma spaziale un’ampia fonte di energia per l’esplorazione dello spazio profondo, hanno detto i ricercatori.

 

I primi problemi, teorici e pratici

Tuttavia, hanno ammesso che l’impatto a lungo termine di tale trasmissione sull’atmosfera e sull’ecologia della Terra sarà ulteriormente studiato.

Il vicepresidente del China Academy of Space Technology Li Ming vuole che la Cina diventi il ​​primo paese al mondo a costruire una centrale solare nello spazio con un valore pratico per l’uso sulla Terra.

Cina
Il lander della missione Chang’e 4, un recente successo del Programma Spaziale Cinese

Oltre alle preoccupazioni ecologiche, i ricercatori stanno anche studiando i mezzi per sollevare fisicamente una tale centrale elettrica, che potrebbe pesare fino a 1.000 tonnellate metriche, in orbita, con proposte che includono l’eventuale assemblaggio della stazione nello spazio usando robot e tecnologia di stampa 3D.

 

La Cina non è la sola a guardare verso il cielo

Solo tre veicoli spaziali – gli statunitensi Saturn V Rocket e Space Shuttle, così come il razzo sovietico Energia, avevano la comprovata capacità di lanciare carichi utili di oltre 100 tonnellate in orbita. SpaceX di Elon Musk, lo Space Launch System della NASA ed i programmi missilistici della Cina del 9 Marzo hanno l’obiettivo di ripristinare questa capacità. Negli ultimi anni, il russo Roscosmos ha anche rimuginato sulla creazione di un nuovo progetto di razzi super-pesanti per il lancio di grandi carichi utili in orbita, anche per i voli della missione Moon in Russia.

Oltre alla Cina, scienziati e ingegneri provenienti da Russia, Stati Uniti, Europa, Giappone e India stanno lavorando sul concetto di raccolta di energia solare direttamente dallo spazio.

Cina
La Stazione Spaziale Internazionale in orbita attorno alla Terra

L’idea di raccogliere l’energia solare da qui e di trasmetterla sulla Terra risale agli anni ’70. L’idea è stata inizialmente proposta dagli ingegneri della NASA, che hanno calcolato che le centrali elettriche che generano circa 2 MW di energia utilizzabile costerebbero una somma proibitiva fino a 1 trillione di dollari.

Tuttavia, negli ultimi anni, il calo dei costi dei pannelli solari e il calo dei prezzi per tonnellata di carico consegnato in orbita hanno rinnovato l’interesse. Il centro russo missilistico e spaziale TsNIIMash ha iniziato la ricerca su una centrale elettrica spaziale con una capacità di generazione compresa tra 1-10 MW nel 2013.