noci

Una manciata giornaliera di noci, anacardi o pistacchi riduce il rischio di un attacco di cuore o di ictus di un terzo. A dirlo una nuova ricerca. La malattia cardiovascolare, o CVD, è la principale causa di malattia e mortalità nelle persone con un comune disordine metabolico.

Uno studio ha provato che i pazienti che hanno mangiato una manciata dei suddetti alimenti per cinque giorni a settimana, avevano tra il 34 e il 17 percento in meno di probabilità di morire o sviluppare quella condizione. Per essere più precisi, bisognerebbe mangiare sette noci o 24 mandorle, ad esempio. Rispetto a quelli che mangiavano una singola porzione media al mese.

 

Noci e gli altri alimenti che riducono rischio infarto

Gli alimenti che fanno bene al cuore includono anche pinoli, noci pecan, macadami e nocciole. Il consumo regolare di noci riduceva anche il rischio di cardiopatie coronariche come l’indurimento delle arterie del 20% e la morte per qualsiasi causa del 31%.

L’autore principale della ricerca, il Dr Gang Liu, scienziato nutrizionista presso l’Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, Massachusetts, ha dichiarato:

“Le nostre scoperte forniscono nuove prove che supportano la raccomandazione di includere noci in modelli dietetici sani per la prevenzione delle complicanze delle malattie cardiovascolari. Nonché dei decessi prematuri tra gli individui con diabete.”

Inoltre, anche quando le persone avevano l’abitudine di mangiare frutta con guscio prima della diagnosi del diabete, aggiungendo altro alla loro dieta, si è rilevato benefico probabilmente a qualsiasi età o stadio.

Rispetto alle persone che non cambiavano le loro abitudini alimentari, avevano tra il 25 e il 27% meno probabilità di morire CVD o subire una morte prematura. Hanno anche ridotto il rischio di sviluppare CVD o malattia coronarica rispettivamente dell’11 e 15%.

Ogni dose aggiuntiva per settimana di noci totali era legata a un rischio di CVD del sei e tre per cento inferiore.