aragoste

Le aragoste dominano il menu dei ristoranti di pesce, ma sono anche delle vere meraviglie dell’oceano. Sono ricoperti da un esoscheletro robusto, che è standard per molti crostacei, ma un nuova ricerca degli scienziati del MIT ha dato uno sguardo a una delle parti meno appariscenti dell’aragosta: la pancia.

In un nuovo articolo pubblicato su Acta Biomaterialia, i ricercatori rivelano che il ventre molle dell’aragosta americana è talmente grande da proteggere gli organi interni della creatura dal fondo frastagliato dell’oceano che un simile materiale potrebbe essere utile per gli umani come protezione per tutto il corpo.

 

Il carapace delle aragoste: una fortezza naturale

La parte inferiore della coda dell’aragosta è dotata di una membrana di incredibile forza. A differenza dei pannelli più rigidi che coprono il lato superiore della creatura, il rivestimento sulla sua pancia è molto flessibile. Il team lo confronta addirittura con la gomma industriale in termini di forza. Tali materiali sono tipicamente utilizzati in cose come pneumatici per auto e tubi da giardino, dice il MIT.

aragoste

“La maggior parte delle moderne protezioni per il corpo sacrificano la protezione degli arti per ottenere mobilità, semplicemente perché nessuno dei materiali esistenti per le armature è abbastanza flessibile e tutti inibiscono il movimento delle braccia e delle gambe”, scrivono i ricercatori. “Qui, ci concentriamo sulla meccanica e sulla struttura mesoscopica della membrana morbida delle aragoste americane ed esploriamo come tale armatura flessibile naturale sia progettata per integrare flessibilità e resistenza.”

 

Un processo di perfezionamento di milioni di anni

Le aragoste hanno apparentemente perfezionato questa membrana per decine di milioni di anni, consentendo alle creature di usare la coda per fuggire rapidamente proteggendo i suoi organi vitali da rocce e spigoli vivi che potrebbe trascinarsi lungo il fondo del mare.

“Pensiamo che questo lavoro possa motivare la progettazione di armature flessibili”, ha detto il Ming Guo del MIT in una nota. “Se potessi fare armature con questi tipi di materiali, potresti muovere liberamente le tue articolazioni e ti farebbero sentire più a tuo agio.”