sigarette elettroniche

Juul, ex-startup della Silicon Valley con la reputazione di vendere aggressivamente le sue sigarette elettroniche al sapore di dessert ai ragazzi, sta facendo ricerche sulla salute.

Sabato l’azienda, che ora è parzialmente controllata dal colosso del tabacco e dal produttore Marlboro Altria, ha presentato un riassunto di un poster clinico che confrontava le persone che utilizzavano esclusivamente le sigarette elettroniche contro le persone che fumavano sigarette tradizionali. Juul ha presentato il poster in occasione di un incontro annuale per la Società di Ricerca su Nicotina e Tabacco e lo ha pubblicato online.

 

L’esperimento di Juul

Questa è la prima ricerca clinica che Juul ha condiviso pubblicamente. Lo studio completo sponsorizzato da Juul non è stato ancora reso pubblico, ma Juul sta preparando un manoscritto per la peer-review.

Per la ricerca presentata sabato, gli scienziati della Juul e un ricercatore esterno hanno esaminato cosa è successo ai livelli di una serie specifica di indizi biologici quando un gruppo di fumatori ha smesso per cinque giorni e ha usato dispositivi Juul o nulla. Conosciuti come biomarcatori, questi indizi sono noti per essere fortemente influenzati dall’uso del tabacco e sono stati collegati al cancro.

sigarette elettroniche

I risultati hanno suggerito risultati positivi per i fumatori che hanno smesso e completamente passati alle sigarette elettroniche Juul. In questi partecipanti, i livelli dei biomarcatori legati al tabacco sono diminuiti quasi esattamente come nelle persone che hanno lasciato completamente.

 

Uno studio con delle limitazioni importanti

Una limitazione dello studio, tuttavia, è che ha escluso gli utenti di sigarette elettroniche che fumano anche sigarette tradizionali – un gruppo che alcuni ricercatori affermano rappresenta la maggioranza delle persone che usano lesigarette elettroniche.

sigarette elettroniche

Inoltre, le sigarette elettroniche non contengono tabacco, che è noto per influenzare i biomarcatori valutati da Juul. Tuttavia, i regolatori federali della Food and Drug Administration degli Stati Uniti hanno identificato in precedenza questi biomarcatori come elementi che potevanopotenzialmente causare rischi per la salute” e raccomandato che le aziende che sviluppano le sigarette elettroniche valutassero come i loro prodotti hanno un impatto su di loro.

I dispositivi di Juul non sono collegati ai biomarcatori legati alle sigarette tradizionali

Lo studio di Juul potrebbe essere interpretato come una buona notizia per gli adulti che stanno cercando di passare completamente dalle sigarette tradizionali alle sigarette elettroniche.

Questo è anche il modo in cui Juul ha presentato il lavoro. Un comunicato stampa che riassume l’articolo di Juul ha suggerito che lo studio “riafferma il potenziale di prodotti di svapo come una valida alternativa alle sigarette combustibili“.

sigarette elettroniche

Tuttavia, le sigarette elettroniche non contengono tabacco, il quale è noto per avere un forte effetto sui biomarcatori analizzati da Juul. Alcuni esperti hanno dichiarato a Business Insider che, a causa di ciò, i risultati non erano sorprendenti né estremamente significativi.

Detto questo, nei documenti della FDA che delineano come le compagnie di sigarette elettroniche dovrebbero presentare i loro dispositivi all’agenzia, l’agenzia ha raccomandato di analizzare i biomarcatori che Juul ha studiato, definendoli “potenzialmente e di fatto dannosi“.

Lo studio sponsorizzato da Juul suggerisce che questi biomarcatori non sono influenzati negativamente dal loro prodotto.

 

Come si è arrivati a questa conclusione?

Per arrivare a queste scoperte, i ricercatori hanno diviso 90 partecipanti in gruppi. Poi, per più di cinque giorni, i ricercatori hanno fatto in modo che alcuni gruppi si astenessero completamente dalla nicotina. Alcuni hanno continuato a fumare normalmente. Altri ancora sono stati indirizzati a utilizzare solo sigarette elettroniche Juul.

sigarette elettroniche

Sia nel gruppo di astinenza che nel gruppo di Juul, tutti i biomarcatori misurati sono diminuiti drasticamente. In media, i livelli sono diminuiti dell’85,3% nel gruppo di chi svapa e di chi ha smesso e dell’85% nel gruppo Juul. Ciò suggerisce che l’uso delle sigarette elettroniche Juul in isolamento non è legato ad alcuni degli effetti potenzialmente cancerogeni del fumo di sigarette regolari, hanno concluso gli autori.

 

Domande rimaste senza risposte riguardo lo “svapo” e la salute

Per anni, gli esperti hanno detto che rispetto al fumo tradizionale, lo “svapo” offre una buona alternativa. Questa è una buona notizia per gli adulti che vogliono abbandonare completamente le sigarette tradizionali e utilizzare esclusivamente sigarette elettroniche.

Tuttavia, un crescente numero di ricerche indica anche che le sigarette elettroniche presentano rischi sanitari propri. Questo è particolarmente un problema per adolescenti e altri giovani che potrebbero non aver mai fumato sigarette tradizionali ma che ora usano prodotti come Juul.

“La preoccupazione è con adolescenti e giovani adulti che non hanno mai fumato le sigarette in primo luogo”, ha detto a Business Insider Bonnie Halpern-Felsher, professore di pediatria alla Stanford University che studia la nicotina.

sigarette elettroniche

L’analisi di Juul non ha esaminato l’impatto generale sulla salute dell’uso di sigarette elettroniche o analizzato altri biomarcatori che potrebbero essere influenzati negativamente dall’uso di sigarette elettroniche. Inoltre, non affrontava il problema dello svapo teenager o qualcosa di noto come il connubio sigarette elettroniche e sigarette tradizionali.

Per confrontare gli effetti complessivi delle sigarette e delle sigarette elettroniche, i ricercatori devono condurre studi più ampi e più lunghi che si svolgono nel corso di diversi anni e che comprendano migliaia di partecipanti. Tali dimensioni e lunghezza sono necessarie per fornire ai ricercatori il potere statistico di cui hanno bisogno per trarre conclusioni generali sugli impatti sulla salute di ciascun prodotto.

Lo studio di Juul non ha preso per niente questa direzione, e non è sufficiente per trarre questo tipo di conclusioni

 

Delle grosse mancanze da parte di Juul

Inoltre, Juul non ha valutato altri biomarcatori che la ricerca precedente ha identificato come potenzialmente dannosi per la salute. Invece, lo studio ha esaminato solo alcuni dei biomarcatori identificati dalla FDA.

Ad esempio, una recente analisi dei biomarcatori interessati dalle sigarette elettroniche diverse da Juul ha suggerito che gli utenti stavano inalando sostanze tossiche come piombo, nichel, cromo e manganese in livelli superiori a quelli considerati sicuri dall’EPA. L’inalazione di questi metalli è stata legata a problemi di salute a livello di polmoni, fegato, sistema immunitario, cuore e cervello, così come alcuni tipi di cancro, secondo l’OSHA (Department of Work and Safety Administration) del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti.

Un’altra grande preoccupazione che gli esperti hanno sollevato con la precedente ricerca sulle sigarette elettroniche è quando gli scienziati escludono gli utenti che passano dallo svapo alla sigaretta normale, il gruppo di persone che si dice costituisca la maggioranza degli utenti di sigarette elettroniche.

Lo studio lascia anche irrisolto il problema dello svapo tra adolescenti, che studi recenti suggeriscono in gran parte un risultato della popolarità alle stelle di Juul. Un singolo contenitore Juul, la cartuccia ricaricabile della sigaretta elettronica Juul, contiene la stessa quantità di nicotina di un pacchetto di sigarette tradizionali.

sigarette elettroniche

I giovani sono presi di mira da sapori, nuovi prodotti, fantastici design e pubblicità allettanti, e sono molto vulnerabili all’uso e alla dipendenza”, ha detto Halpern-Felsher.

Diversi studi hanno suggerito che gli adolescenti che usano le sigarette elettroniche alla fine passino alle sigarette normali, e questi potrebbero essere giovani che altrimenti non avrebbero fumato.

Juul ha altre ricerche in corso, comunque.

Secondo ClinicalTrials.gov, il database governativo per tale ricerca, Juul ha recentemente completato almeno altre cinque prove cliniche, inclusi i suoi dispositivi, che sono stati sul mercato dal 2017. La società è in procinto di condurne almeno altri tre, secondo il database.