facebook

Facebook intraprenderà presto un’azione contro le campagne di disinformazione dei gruppi anti-vax, queste le dichiarazioni di un rappresentante di Facebook.

Esperti di salute pubblica hanno puntato il dito contro le piattaforme dei social media, affermando che le false affermazioni secondo cui i vaccini causano l’autismo e altre malattie hanno spaventato i genitori al punto di rifiutarsi di vaccinarsi, con il risultato dell’attuale epidemia di morbillo iniziata nello stato di Washington.

 

Censura fuori discussione, quindi come risolvere?

Il rappresentante del social, che ha chiesto di non essere nominato, ha affermato che il gigante dei social media sta lavorando con esperti della salute per decidere quali modifiche apportare e considerando una combinazione di approcci per gestire la disinformazione del vaccino. Questi approcci non eliminerebbero disinformazioni su Facebook, ma le farebbe “calare” di importanza.

facebook

Ad esempio, i gruppi che promuovono la disinformazione del vaccino non si presentano nell’elenco dei gruppi che Facebook raccomanda agli utenti. Inoltre, Facebook farebbe in modo che i post contenenti informazioni errate sul vaccino apparirebbero più in basso nella bacheca di un utente.

Esperti di salute pubblica e tecnologia hanno accolto favorevolmente i cambiamenti previsti. “Questa è una buona notizia”, ​​ha detto Caplan, capo della divisione di etica medica presso la facoltà di medicina dell’Università di New York. “Sono passaggi incrementali, ma stanno andando nella giusta direzione.”
Darrell West, direttore del Center for Technology Innovation presso il Brookings Institute, ha accettato. “Facebook è dalla parte della scienza”, ha detto. “Stanno agendo in accordo con il consenso scientifico”.

 

Altri modi per combattere la guerra alla disinformazione

Facebook sta anche valutando di apportare modifiche alla sua politica pubblicitaria, secondo il rappresentante. Una ricerca della CNN sul sito web di pubblicità archiviata di Facebook ha rilevato che diversi gruppi che promuovono informazioni false sui vaccini pubblicizzano sul sito.

Un altro cambiamento implicherebbe mettere i risultati con disinformazione anti-vax più in basso quando le persone cercano certi termini. Ciò potrebbe comportare importanti cambiamenti. Secondo recenti ricerche della CNN su Facebook, i gruppi anti-vaccino ora appaiono in cima alla lista dei risultati quando viene cercata la parola “vaccino“.

facebook

Facebook è stato sottoposto a notevoli pressioni per fare qualcosa sulle informazioni anti-vaccino sul suo sito; altre piattaforme di social media si sono indurite su tali contenuti anni fa.

 

Facebook non è il solo social media

Ad esempio, YouTube non consente la pubblicazione di annunci su video che promuovono contenuti anti-vaccino, il che significa che questi gruppi non possono guadagnare con la pubblicità.

Pinterest ha regole più restrittive sulle informazioni sui vaccini; gli utenti non sono in grado di collegarsi a determinati siti che hanno informazioni errate, tra le altre restrizioni.
Siamo un luogo da cui trarre ispirazione e non c’è nulla di stimolante nei contenuti dannosi“, ha dichiarato Ifeoma Ozoma, responsabile delle politiche e dell’impatto sociale di Pinterest.

facebook

Caplan ha detto che mentre accoglie i cambiamenti di Facebook, desidera che la piattaforma non si fermi qui. “Potrebbe essere necessario andare ancora oltre, in termini di rimozione completa di siti scurrili e errati“, ha affermato.
Un sostenitore dei diritti del primo emendamento, tuttavia, ha affermato che pensava che Facebook avesse raggiunto il giusto equilibrio. “Stanno evitando la censura, ma non lo raccomandano necessariamente ai loro lettori, e questo è probabilmente il modo migliore per farlo“, ha detto Lata Nott, direttore esecutivo del First Amendment Center presso il Freedom Forum Institute.