amazon vaccini

Alla luce del crescente aumento di casi di morbillo in Italia quanto in altri Paesi (compresi gli Usa), il ruolo di potenti aziende tecnologiche come YouTube e Facebook nel diffondere la disinformazione sui vaccini è sotto attento esame.

Ma c’è un’altra enorme piattaforma che offre contenuti anti-vaccinazione a chi cerca informazioni. A scoprirlo è stata la CNN, a cui un portavoce di Amazon ha risposto di tutto punto mostrandogli le linee guida sui contenuti dell’azienda. Le quali affermano:

“Come libraio, forniamo ai nostri clienti l’accesso a una varietà di punti di vista. inclusi libri che alcuni clienti potrebbero trovare discutibili. Detto questo, ci riserviamo il diritto di non vendere determinati contenuti. come la pornografia o altri contenuti inappropriati.”

Una recente ricerca con la parola chiave “vaccino” su Amazon (AMZN) ha prodotto una pagina di ricerca dominata da contenuti anti-vaccinazione. Dei 18 libri e film elencati nella pagina di ricerca, 15 contenevano contenuti anti-vaccinazione.

Il primo annuncio era un post sponsorizzato. Cioè, un annuncio per il quale Amazon era stato pagato per il libro “Vaccines on Trial: Verità e conseguenze degli scatti obbligatori” di Pierre St. Clair. Che Amazon offriva gratuitamente anche agli abbonati di Kindle Unlimited.

Tra i risultati della ricerca c’erano libri e film che rendevano evidente la loro posizione anti-vaccinazione nei loro titoli. Come i film “We Do not Vaccinate!” e “Shoot ‘Em Up: The Truth About Vaccines”.

Ma forse più inquietante dal punto di vista della salute pubblica e della disinformazione, c’erano anche libri che le persone cercano semplicemente per avere informazioni in buona fede. I genitori, per esempio, possono scambiare qualcosa per offrire informazioni neutre accettate dalla comunità di salute pubblica. Come “La revisione di Miller degli studi sui vaccini critici: 400 importanti documenti scientifici riassunti per genitori e ricercatori” e “Il piano favorevole ai vaccini: l’approccio sicuro ed efficace del dott. Paul all’immunità e alla salute – dalla gravidanza attraverso il bambino Teen Years“. Entrambi caratterizzati dal tag “Best Seller” di Amazon.

Amazon offre anche ai suoi membri Prime una serie di film anti-vaccinazione per la visualizzazione gratuita su Prime Video. Come “VAXXED: From Cover-Up to Catastrophe“, che è stato abbandonato dal Tribeca Film Festival nel 2016 a seguito di una protesta pubblica. Il suo direttore, Andrew Wakefield, ha svolto un ruolo centrale nella diffusione della propaganda anti-vaccino.

Wakefield faceva parte di un team di ricercatori che pubblicò uno studio del 1998 che divenne la base per il movimento anti-vaccinazione. Lo studio è stato successivamente ritirato e Wakefield è stato privato della sua licenza medica. 

Questo fenomeno su Amazon sta indignando e mobilitando i pediatri. Vedremo se Amazon prenderà dei provvedimenti. Rimuovendo questi testi e film anti-vax.