vita su marte

Le prospettive di vita su Marte sono state amplificate dalla scoperta della prima prova geologica di un sistema di antichi laghi interconnessi che un tempo giacevano profondi sotto la superficie del Pianeta Rosso.

Il principale autore Francesco Salese dell’Università di Utrecht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato: “Marte era un mondo acquoso, ma quando il clima del pianeta cambiò questa acqua si ritirò sotto la superficie per formare pozze sotterranee. […] abbiamo trovato la prima prova geologica di un sistema di acque sotterranee su tutto il pianeta di Marte.”

 

La ricerca

Salese e colleghi hanno esplorato 24 crateri profondi e chiusi nell’emisfero nord di Marte, con pavimenti che si trovano a circa 4000 metri sotto il livello del mare di Marte, in base all’elevazione e alla pressione atmosferica).

Hanno trovato caratteristiche sui pavimenti di questi crateri che si sarebbero potuti formare solo in presenza di acqua. Molti crateri contengono molteplici caratteristiche, tutte a profondità comprese tra 4000 e 4500 metri – a indicare che questi crateri una volta contenevano pozze e flussi d’acqua che nel tempo sono cambiati e si sono ritirati.

vita su marte

Le caratteristiche includono i canali incisi nelle pareti del cratere, le valli scavate dall’acqua sotterranea, i delta che si sono formati quando i livelli dell’acqua salivano e scendevano, i terrazzi crivellati all’interno di pareti di crateri formate da acqua stagnante e depositi di sedimenti a forma di ventaglio associati allo scorrimento acqua.

Il livello dell’acqua si allinea con le coste proposte di un presunto oceano marziano che si pensa sia esistito su Marte tra tre e quattro miliardi di anni fa.

 

L’acqua e la vita su Marte, una storia molto complessa

Il coautore Gian Gabriele Ori, direttore della Scuola internazionale di ricerca delle scienze planetarie dell’Università D’Annunzio, ha aggiunto: “Pensiamo che questo oceano possa essersi collegato a un sistema di laghi sotterranei che si è diffuso in tutto il pianeta”.

“Questi laghi sarebbero esistiti circa 3,5 miliardi di anni fa, quindi potrebbero essere stati contemporanei di un oceano marziano”.

vita su marte

La storia dell’acqua è complessa per capire se la vita su Marte sia mai esistita o meno – e, in tal caso, dove, quando e come.

Il team ha anche individuato segni di minerali all’interno di cinque dei crateri che sono collegati all’emergere della vita sulla Terra: varie argille, carbonati e silicati.

La constatazione aggiunge peso all’idea che questi bacini possano aver avuto gli ingredienti per ospitare la vita su Marte.

 

L’esplorazione è cruciale per una risposta certa

L’esplorazione di tali siti può quindi rivelare le condizioni adatte per la vita passata, e sono quindi molto importanti per le missioni astrobiologiche come ExoMars – che è un progetto congiunto ESA / Roscosmos.

Mentre ExoMars Trace Gas Orbiter sta già studiando Marte dall’alto, la prossima missione verrà lanciata il prossimo anno.

vita su marte

Comprende un rover – di recente intitolato a Rosalind Franklin – e una piattaforma di scienze della superficie, e si occuperà di esplorare i siti marziani ritenuti fondamentali nella caccia ai segni di vita su Marte.

Dmitri Titov, scienziato del progetto Mars Express dell’ESA, ha dichiarato: “Risultati come questo sono estremamente importanti.

“Ci aiutano a identificare le regioni di Marte che sono le più promettenti per trovare segni di vita passata.

 

La questione della vita su Marte, sempre meno una fantasia, soprattutto per gli scienziati

Gli scienziati sono stati sempre più ottimisti riguardo alla possibilità di trovare la vita su Marte negli ultimi anni.

Parlando dopo che il Mars Curiosity Rover della NASA ha identificato prove di molecole organiche su Marte, il professor Vladimir Airapetian, un astrofisico senior presso la Heliophysics Science Division del Goddard Space Center, che non è stato coinvolto nelle ultime ricerche, ha dichiarato: “Questo studio di ricerca ha fornito un paio di pezzi ‘Lego’ all’intero quadro della passata abitabilità di Marte.

vita su marte

“[…]Questa scoperta potrebbe suggerire che dovremmo scavare più a fondo nella superficie marziana per studiare dove si possono trovare molecole più complesse associate alla vita”.