cane dormire

Dormire. Alcuni lo fanno a testa in giù. Altri lo fanno per poche ore al giorno. Altri ancora lo fanno seppelliti sotto una coltre di fango.

Indipendentemente dal loro modo preferito, pipistrelli, elefanti, rane, api mellifere, umani e altri hanno qualcosa in comune: dormono tutti. Infatti, gli scienziati devono ancora trovare una creatura veramente insonne. Ma il sonno è davvero necessario per la sopravvivenza?

La maggior parte degli umani riconoscerà che il sonno è assolutamente necessario. La gente spesso fatica a funzionare anche dopo una sola notte insonne. Il sonno a lungo termine è stato collegato a una serie di effetti negativi sulla salute: dalle malattie cardiache e ictus all’aumento di peso e al diabete.

Queste connessioni, e il fatto che tutti gli animali sembri assopiti, suggeriscono che il sonno deve svolgere una funzione essenziale per gli animali.

Ma cos’è questa funzione? Il sonno consente al cervello di riparare i danni e elaborare le informazioni? È necessario per la regolazione dell’energia nel corpo? Scienziati e pensatori fin dal filosofo greco Aristotele hanno offerto spiegazioni sul perché dormiamo. Eppure, lo scopo esatto del sonno rimane una questione aperta.

 

I vari esperimenti che confermano necessità di dormire per animali

Nel 1890, Marie de Manacéïne, una delle prime donne psicologhe in Russia, fu turbata dal mistero del sonno. Scrisse:

“Tutti noi amiamo la vita, e tutti desideriamo vivere il più a lungo possibile. ma nonostante questo, sacrifichiamo un terzo, a volte anche metà della nostra vita nel sonno”.

Nella sua ricerca per capire cosa sia esattamente il sonno, ha condotto il primo esperimento di privazione del sonno negli animali. Utilizzando un approccio che ora sembra abbastanza crudele, il medico ha tenuto i cuccioli costantemente svegli, scoprendo che sono morti dopo alcuni giorni di privazione del sonno.

Nei decenni successivi, ulteriori esperimenti di privazione del sonno con altri animali, come roditori e scarafaggi, hanno trovato risultati altrettanto fatali. Tuttavia, la causa alla base della morte in questi casi, e il modo in cui si relaziona al sonno, è ancora sconosciuta.

Mentre l’insonnia totale sembra pericolosa, alcune creature possono cavarsela con periodi di sonno notevolmente brevi. Potrebbero essere la chiave per comprendere la funzione del sonno, hanno detto gli scienziati.

Uno studio pubblicato a febbraio sulla rivista Science Advances ha monitorato le abitudini del sonno delle mosche della frutta. “Abbiamo scoperto che alcune mosche non dormivano quasi mai“, ha scritto il coautore Giorgio Gilestro. Un professore di biologia sistemica all’Imperial College di Londra, in un articolo su Live Science. Gilestro ei suoi colleghi hanno osservato che il 6% delle mosche femmine dormiva per meno di 72 minuti ogni giorno, rispetto alla media di 300 minuti che dormivano le altre femmine.

In uno studio del 2016, il Professor Rattenborg e i suoi colleghi hanno equipaggiato grandi fregate (Fregata minor) nelle isole Galápagos con un piccolo dispositivo per misurare l’attività elettrica nel cervello.

I monitor hanno mostrato che gli uccelli a volte dormivano in un emisfero del loro cervello in un momento mentre stavano volando sopra l’oceano. A volte dormivano anche in entrambi gli emisferi mentre erano in volo.

Dormire durante il volo potrebbe essere comune tra le altre specie di uccelli – come i rondoni comuni (Apus apus), che possono volare per 10 mesi senza atterrare – sebbene gli scienziati non abbiano prove dirette per questo.

Ma forse più sorprendentemente, lo studio ha scoperto che i rondoni, mentre volavano, dormivano in media solo 42 minuti al giorno. Anche se in genere avevano più di 12 ore di stop a terra.

Insomma, in modi diversi, tutti gli animali, uomo compreso, hanno bisogno di dormire per sopravvivere. Occorre però anche capire perchè.