vallo-adriano

I ragazzi sono sempre stati e saranno sempre dei ragazzi, e niente fa più ragazzino-cattivo dei disegni osceni su qualsiasi muro con cui vengono a contatto per brevi periodi di tempo quando stanno facendo qualcos’altro che trovano noioso: come andare in bagno o proteggere il loro Paese dagli invasori, ad esempio.

Se la maggior parte delle persone ha sentito o avvistato graffiti grossolani in bagni pubblici per uomini, uno stile particolare di disegno sembra essere quello favorito dai militari, il che spiega perché gli archeologi lavorano nella cava inglese che rappresentava una fonte per le pietre utilizzate nella costruzione del Vallo di Adriano. Un simbolo che sicuramente fu creato da soldati romani: un simbolo fallo. 

Queste iscrizioni a Gelt Forest sono probabilmente le più importanti sulla frontiera del Vallo di Adriano. Forniscono informazioni sull’organizzazione del vasto progetto di costruzione che è stato il Vallo di Adriano, così come alcuni tocchi molto umani e personali, come la caricatura del loro ufficiale comandante inscritta da un gruppo di soldati“. COn queste parole Mike Collins, ispettore dei monumenti antichi di Hadrian’s Wall in Historic England, descrive la scoperta e la bravata dei soldati.

 

Il “fallo di Adriano”

Collins e gli archeologi dell’università di Newcastle hanno lavorato alla cosiddetta “roccia scritta di Gelt”, un muro di cava che contiene rare iscrizioni di cava romane a Gelt Forest, vicino a Brampton in Cumbria. Mentre il muro e i suoi disegni e messaggi scolpiti sono ben noti, il sito è stato chiuso per molti anni a causa di pericoli causati dal deterioramento.

La scoperta di quattro nuove iscrizioni è stata fatta da coraggiosi archeologi che discendono lungo il muro con apparecchiature di scansione laser per registrare le iscrizioni per la conversione in modelli 3D che il pubblico può visualizzare in sicurezza.

Un’iscrizione recita “APRO ET MAXIMO CONSOLIDI OFICINA MERCATI” si riferisce al consolato di Aper e Massimo, che li ha datati al 207 d.C. quando il Vallo di Adriano subì un importante rinnovamento. Un’altra è una scultura grezza (ma non scortese) dell’ufficiale militare responsabile del progetto.

Poi c’è il fallo.

Questo Fallo è un simbolo romano che significa ‘buona fortuna’“. Gli archeologi non sono stati delusi nel trovarlo, poiché tutte le sculture che sopravvivono in così buona forma sono estremamente rare. Il Military Times sottolinea che “le incisioni del pene” sono “l’orgoglio di vecchia data dell’esercito degli Stati Uniti“. 

È davvero un simbolo di buona fortuna? Non per il custode, specialmente se è scritto con inchiostro indelebile o inciso su una pietra storica.