cibo umano

Se un orso è sveglio, ha fame; qualsiasi pattumiera, discarica, fattoria o persino un’auto potrebbe fornire un pasto. Ma in un paesaggio sempre più urbanizzato, gli orsi e altri animali selvatici mangiano più “cibo umano“, che sta cambiando il loro comportamento e la loro biologia.

Uno studio sulla rivista Scientific Reports ha rilevato che gli orsi con una dieta ricca di cibo umano ibernavano fino a 50 giorni in meno in inverno.

Questo ha avuto “effetti nascosti“, al di là del bisogno fondamentale di un maggior riposo invernale.

Questi orsi più attivi hanno mostrato segni di invecchiamento delle loro cellule più rapidamente rispetto a quelli con abitudini alimentari più naturali. I ricercatori hanno scoperto cambiamenti nel loro DNA; vale a dire, una perdita di telomeri sulle estremità dei loro cromosomi.

 

Gli animali sono quello che mangiano

È uno dei sottili ma importanti cambiamenti biologici associati al fatto che il bestiame domestico, i rifiuti alimentari e persino i nostri animali domestici stanno diventando parti integranti delle diete di alcune specie.

Lo studio sugli orsi – condotto in Colorado – ne segue un altro da alcuni degli stessi ricercatori, rivelando come i puma del Nord America si siano spostati dalla loro preda naturale per cacciare opportunisticamente il bestiame e persino mangiare cani e gatti.

Oltre a metterli in conflitto con le persone, questo mette i predatori in un nuovo territorio biologico. Come hanno sottolineato gli scienziati nel loro articolo, quando si nutrono di animali domestici, i puma possono mangiare animali che ospitano “agenti patogeni condivisi“. Le malattie che possono infettare un gatto domestico potrebbero anche avere la capacità di infettare un puma, poiché gli animali sono strettamente imparentati.

cibo umano
La ricerca rivela che gli orsi che mangiano più cibo umano si ibernano di meno

È tutta una prova, secondo lo scienziato dell’università del Wisconsin-Madison, dott. Jonathan Pauli, di “una nuova realtà per alcuni ecosistemi”, in quanto sono riprogettati dagli umani e da ciò che si coltiva e si butta via.

Guardando paesaggi sempre più influenzati dalla presenza umana, vediamo i vincitori e i perdenti in termini di quali specie sono in grado di sfruttare tali risorse”, ha detto il dott. Pauli a BBC News.

Quando la dottoranda Rebecca Kirby – anch’essa dell’Università del Wisconsin-Madison – si imbarcò per la prima volta nello studio dell’orso nero, fu per capire quanto fosse importante il cibo umano per gli orsi. Analizzando campioni di sangue e peli dagli animali, ha scoperto che costituiva fino al 30% della loro dieta.

Ulteriori studi su campioni di peli e sangue dagli orsi hanno mostrato una peculiarità nelle loro cellule, portata proprio da questa dieta a base di cibo umano. Non solo gli orsi con più cibo umano nella loro dieta ibernavano meno, avevano anche telomeri più corti – essenzialmente le loro cellule stavano invecchiando più rapidamente.

“È un’ulteriore dimostrazione degli effetti che la disponibilità onnipresente di alimenti umani può avere sulla fauna selvatica”, ha affermato Kirby.

 

Dieta a base di spazzatura

Gran parte dei rifiuti alimentari finiscono nelle discariche, rendendo pile di commestibili accessibili a qualsiasi tipo di fauna selvatica ai margini dei paesaggi urbani.

Una remota regione russa ha recentemente dichiarato lo stato di emergenza, mentre dozzine di orsi polari si sono trasferiti lì in cerca di cibo. Una combinazione di ghiaccio marino in diminuzione e rifiuti alimentari accessibili si sono dimostrati irresistibili per gli orsi.

Uno studio recente ha rintracciato l’avvoltoio egiziano in via di estinzione nella penisola iberica e ha mostrato che gli uccelli preferivano nidificare in aree vicine alle discariche. I piccoli nutriti con alimenti raccolti da discariche sono anche “meglio nutriti” e sperimentano “meno penuria di cibo” rispetto a quelli che non lo fanno.

Ma mentre questi uccelli sono fondamentalmente opportunisti che mangiano quel che trovano, i nostri mucchi di rifiuti non sembrano avere tutti i nutrienti di cui gli uccelli si sono evoluti per avere bisogno. I piccoli nutriti con cibo raccolto in queste discariche domestiche avevano livelli più bassi di vitamine e composti organici che sono importanti nella funzione del loro sistema immunitario.

cibo umano
L’avvoltoio egiziano, a rischio di estinzione, sembra favorire siti di nidificazione vicino alle discariche

La dottoressa Helena Tauler Ametller del gruppo di biologia conservativa dell’Università di Barcellona ha spiegato che le discariche erano una spada nutrizionale a doppio taglio per la specie.

Attraggono gli esemplari, [quindi probabilmente stanno] modificando la loro attività e possibilmente diminuendo la loro esposizione a minacce come l’avvelenamento.

“D’altra parte, le discariche potrebbero essere una fonte di minacce, come sostanze tossiche che potrebbero influenzare la sopravvivenza degli esemplari e, inoltre, stiamo rendendo questi uccelli più dipendenti da una risorsa che potrebbe essere rimossa in futuro [per rispettare la legge ambientale]. “

Il dott. Pauli ha aggiunto: “Stiamo iniziando a vedere questi effetti nascosti, ma stiamo ancora cercando di capire come questi ambienti – che ora presentano tutti questi sussidi alimentari umani – stanno riorganizzando queste comunità [di fauna selvatica]”.