marte

Il rover Mars Curiosity della NASA ha iniziato ad esplorare la superficie di Marte da quando è atterrato sul pianeta nell’agosto 2012. Durante sua missione esplorativa, il rover ha riportato sulla Terra un tesoro di fotografie della superficie di Marte.

Le foto, da subito disponibili al pubblico, sono state sottoposte a scrupolosa analisi da parte dei cacciatori di UFO di tutto il mondo. Alcuni teorici della cospirazione apparsi nello show di History Channel “Ancient Aliens” hanno affermato di aver trovato prove di strutture aliene in queste immagini.

marte

 

Croci, statue e addirittura piramidi!

Tra gli oggetti più bizzarri che si trovano su Marte, ci sono una croce, una statua aliena e edifici simili a piramidi. Durante la trasmissione, l’esperto di immagini satellitari Joseph White ha dichiarato: “Le immagini del rover sono ravvicinate ed è possibile individuare teste di statue e blocchi di pietra, a volte con scritte o incisioni su di essi”.

Il signor White ha indicato poi una roccia, che a suo avviso era la testa di una statua aliena di qualche tipo. Regolando il contrasto e la nitidezza della foto del rover, l’esperto sostiene di essere in grado di rivelare la vera natura dell’oggetto.

marte

I dettagli che ho notato per primi sono stati gli occhi e il naso sulla parte anteriore della statua, con una forma della bocca molto chiara e quello che sembra un orecchio“, continua White. “Potrebbe essere un copricapo; è il genere di cose che ti aspetteresti di trovare in America centrale o meridionale“.

 

Forse la spiegazione è molto più semplice: pareidolia

Infatti un altro esperto di alieni, nonchè autore di “Technology of the Gods“, David Childress, ha sostenuto che le strutture piramidali su Marte rispecchiano ciò che si trova sulla Terra: “Alcune strutture su Marte possono essere accostate a strutture presenti sulla Terra. Su Marte ci sono strutture simili a piramidi: ci sono pietre erette e strutture simili a Stonehenge e c’è anche una struttura su Marte che ricorda una sfinge“.

marte

Ma il vero motivo per cui i cacciatori di UFO stanno notando volti e strutture su Marte può essere spiegato da un noto trucco mentale soprannominato “pareidolia“. La pareidolia è un effetto peculiare a causa del quale la mente individua forme e modelli (ad esempio volti) che in realtà non esistono nelle immagini che si stanno osservando.

 

Marte e la Luna: destini intrecciati

Nel 2018 la NASA ha delineato il suo nuovo interesse ad andare sulla Luna, seguito da una missione sul pianeta rosso: “L’esplorazione di Luna e Marte si intreccia. La Luna offre l’opportunità di testare nuovi strumenti e attrezzature che potrebbero essere utilizzati su Marte, che potrebbero aiutarci a costruire avamposti autosufficienti lontano dalla Terra“.

marte

La prima missione della NASA su Marte prevede l’invio di un lander robotizzato sul pianeta nel 2020. La missione Mars 2020, parte del Mars Exploration Program della NASA, valuterà la capacità del pianeta rosso di ospitare la vita.