alieni

Le quattro possibili culle della vita al di fuori del nostro sistema solare sono state identificate dagli scienziati. Contengono le cosiddette stelle “K”, i cui pianeti possono avere le giuste atmosfere per ospitare gli alieni.

Le stelle K sono più tenui del nostro Sole, ma più luminose delle stelle più deboli, conosciute come “stelle M” o nane rosse.

Mi piace pensare che le stelle K siano ‘nel dolce mezzo’ tra stelle simili al Sole e stelle M”, ha detto la scienziata planetaria Dr Giada Arney, del Goddard Space Flight Center della NASA.

Questo, secondo gli astronomi, riduce drasticamente il numero di mondi che potrebbero essere abitabili.

 

Dei grossi ostacoli

La ricerca di alieni affronta sfide importanti – una delle quali sta nelle centinaia di miliardi di stelle nella nostra galassia. Gli scienziati non possono investigarli tutti.

Il dott. Arney e colleghi ritengono che le stelle K siano i candidati più promettenti per essere orbitati da pianeti che hanno gli ingredienti essenziali per gli organismi alieni: primitivi o avanzati.

alieni

In primo luogo, vivono molto a lungo – da 17 a 70 miliardi di anni, rispetto a 10 miliardi di anni per il Sole. Ciò consentirebbe un sacco di tempo per l’evoluzione della vita.

Hanno anche attività meno estreme nella loro giovinezza rispetto alle stelle M – che sono anche le più comuni nell’universo, che costituiscono tre quarti di esse.

 

TRAPPIST-1 sotto esame

Una stella M, denominata TRAPPIST-1, è nota per ospitare sette pianeti rocciosi di dimensioni terrestri. Ma il loro sviluppo turbolento presenta problemi.

I brillamenti stellari – esplosivi rilasci di energia magnetica – sono molto più frequenti ed energetici dalle giovani stelle M rispetto alle giovani stelle simili al Sole.

alieni

Le stelle M sono anche molto più luminose quando sono giovani, fino a un miliardo di anni dopo la loro formazione, con un’energia che potrebbe far evaporare gli oceani su tutti i pianeti che potrebbero un giorno essere nella zona abitabile.

Lo studio pubblicato su Astrophysical Journal Letters ha detto che “biofirme“, o segni di forme di vita di alieni, su un ipotetico pianeta in orbita attorno a una stella K includerebbero ossigeno e metano.

 

Come trovare il giusto pianeta?

I gas amano reagire gli uni con gli altri in un’atmosfera che implica che qualcosa li sta producendo rapidamente, molto probabilmente la vita.

Un modello computerizzato che simula la chimica e la temperatura di un’atmosfera planetaria ha dimostrato che questi sono probabilmente i più ricchi attorno a una stella K.

Il dottor Arney ha detto: “Quando si mette il pianeta attorno a una stella K, l’ossigeno non distrugge il metano altrettanto rapidamente, quindi più di esso può accumularsi nell’atmosfera.

alieni

“Questo perché la luce ultravioletta della stella K non genera gas altamente reattivi all’ossigeno che distruggono il metano così prontamente come una stella simile al Sole.”

Questo segnale più forte è stato anche previsto per i pianeti intorno alle stelle M. Ma i loro alti livelli di attività potrebbero renderli incapaci di ospitare mondi abitabili.

 

Gli esopianeti attorno alle stelle K sono più facili da vedere

Le stelle K possono offrire il vantaggio di una maggiore probabilità di rilevamento simultaneo di ossigeno-metano, senza gli svantaggi associati a un host di stelle M.

Inoltre, gli esopianeti attorno alle stelle K saranno più facili da vedere rispetto a quelli attorno alle stelle simili al Sole – semplicemente perché le stelle K sono più tenui.

Spiegò il dottor Arney: “Il Sole è 10 miliardi di volte più luminoso di un pianeta simile alla Terra che lo circonda.

alieni
Rappresentazione artistica di come sarebbe stare seduti su una spiaggia di TRAPPIST-1f

“Quindi c’è molta luce che devi sopprimere se vuoi vedere un pianeta in orbita: una stella K potrebbe essere ‘solo’ un miliardo di volte più luminosa di una Terra intorno ad essa.”

La sua ricerca suggerisce anche stelle K vicine che potrebbero essere gli obiettivi migliori per le osservazioni future.

Non abbiamo la possibilità di viaggiare su pianeti attorno ad altre stelle a causa delle loro enormi distanze da noi.

Quindi siamo limitati ad analizzare la loro luce per cercare un segnale della presenza degli alieni.