alzheimer

La malattia di Alzheimer potrebbe un giorno essere diagnosticata con un test che valuta i vasi sanguigni negli occhi, secondo i ricercatori.

Gli scienziati che hanno studiato più di 200 persone hanno stabilito che i pazienti con la malattia neurodegenerativa avevano meno vasi sanguigni nella retina rispetto ai soggetti sani. Hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Ophthalmology Retina.

 

In cosa consiste lo studio?

I ricercatori hanno analizzato minuscoli vasi sanguigni nelle retine di 39 pazienti con malattia di Alzheimer; 37 con un lieve deterioramento cognitivo pre-demenza; e 133 persone cognitivamente sane che hanno agito come gruppo di controllo. Le diagnosi dei pazienti sono state confermate da un neurologo e in test cognitivi.

alzheimer

È stato riscontrato che i pazienti con malattia di Alzheimer hanno una diminuzione della densità dei vasi sanguigni retinici nel plesso capillare superficiale della retina, nonché una diminuzione dello spessore in uno degli strati retinici.

 

Nuovi metodi di diagnosi

Cercare quei cambiamenti potrebbe spianare la strada a nuovi modi per diagnosticare la malattia, che attualmente è diagnosticata su circa 600mila persone solo in Italia, con numeri in aumento. Attualmente, la malattia di Alzheimer viene diagnosticata tramite una combinazione di test di memoria e cognizione, così come scansioni del cervello e analisi del sangue che rilevano i segni associati alla condizione.

alzheimer

“È possibile che questi cambiamenti nella densità dei vasi sanguigni nella retina possano rispecchiare quello che succede nei minuscoli vasi sanguigni nel cervello, forse prima che siamo in grado di rilevare eventuali cambiamenti nella cognizione”, ha affermato Sharon Fekrat, autore senior dello studio e un oftalmologo dell’Università di Duke e un chirurgo della retina, ha detto in una nota.

 

Questo studio non è sufficiente

Attualmente non esiste una cura per la malattia di Alzheimer e gli scienziati non ne conoscono la causa. Identificare la condizione in un individuo il più presto possibile può aiutare i medici a invertire e trattare alcuni sintomi.

Tuttavia, Fekrat ha detto a Newsweek, “ci vorranno anni prima che questi test siano pronti, perché i risultati devono essere convalidati in popolazioni di pazienti più grandi. Inoltre, dobbiamo essere in grado di valutare i cambiamenti nel tempo o la progressione della malattia utilizzando questi test. “

alzheimer

E i ricercatori non possono fare affidamento solo sui risultati di questo studio per sviluppare tali test. Il Dr. Dilraj Grewal, autore principale dello studio e un oculista e chirurgo della retina presso il Duke University Medical Center, ha detto a Newsweek che lo studio era limitato in vari modi e il numero di partecipanti era relativamente piccolo.

Inoltre, la natura trasversale dello studio, in cui i partecipanti sono stati studiati in un’istantanea dei cambiamenti temporali, non ha potuto essere osservata per un periodo più lungo. Inoltre non è stato possibile dimostrare che i sintomi erano causati dal morbo di Alzheimer.