AIDS

Le notizie ultimamente sono piuttosto positive per le persone affette da HIV / AIDS e per i loro amati. Anthony Fauci, direttore dell‘Istituto nazionale di allergie e malattie infettive e uno dei principali medici americani dell’HIV / AIDS, è stato nominato capo di un programma sponsorizzato dal governo impegnato a sradicare la malattia entro il 2030.

I titoli annunciano che l’infezione da HIV è stata eliminata in tre uomini sottoposti a trapianto di midollo osseo. I ricercatori sono ottimisti sulla replica di questi risultati attraverso la procedura meno rischiosa della terapia genica.

 

Non è sempre stato così

E fino a quando una cura universale sarà certa, una pillola al giorno può ora ridurre l’HIV a una malattia cronica piuttosto che una condanna a morte. La scienza ha fatto il suo lavoro e il governo è impegnato ad aiutare. Non è sempre stato così.

Vale la pena ricordare l’immenso lavoro che è stato necessario prima di poter compiere progressi. Nel primo decennio dell’epidemia, quando l’AIDS era invariabilmente letale, il panico e l’ignoranza erano diffusi anche tra i professionisti del settore medico. Quelli afflitti erano incontrati con giudizio morale invece di empatia. I politici non si sono affrettati – o addirittura erano apertamente contro – a finanziare la ricerca per combattere l’HIV / AIDS. Ci sono voluti anni di lotta da attivisti militanti dell’AIDS prima che i pregiudizi insensati su quelli con la malattia cessassero e si potesse progredire verso una cura.

AIDS

Quando l’AIDS apparve per la prima volta nei primi anni ’80, gli attivisti formarono organizzazioni come il Gay Men’s Health ProjectAIDS Project Los Angeles and Shanti per fare ciò che il governo, le famiglie e persino le chiese non avrebbero fatto: fornire cibo, riparo e aiuto per le persone con HIV / AIDS. La comunità ha aiutato se stessa. Ma per affrontare il bigottismo che incoraggiava l’abuso di chi era affetto da AIDS, oltre a trascinare il piede nella ricerca di cure, erano necessarie più tattiche militanti.

 

I dati negli Stati Uniti

Nel 1987, oltre 16.000 americani erano morti di complicazioni legate all’AIDS. A febbraio, il Centers for Disease Control di Atlanta ha ospitato una conferenza incentrata sui test obbligatori per l’HIV / AIDS. Ma non c’era un trattamento efficace per la malattia. Cosa si sarebbe fatto per coloro che sono risultati positivi?

Un gruppo di attivisti gay, il Lavender Hill Mob, è sceso ad Atlanta. Il gruppo era guidato da Marty Robinson, che aveva co-fondato il Fronte di liberazione gay militante subito dopo le rivolte di Stonewall. Gli attivisti hanno invaso la sala da ballo del Marriott Marquis dove si teneva un cocktail party pre-conferenza.

AIDS

Alcuni mafiosi indossavano uniformi di campo di concentramento improvvisate. Hanno distribuito volantini ai partecipanti sbalorditi con il messaggio “Cosa significa CDC? Centro per campi di detenzione!” Durante i tre giorni di riunioni della conferenza, i malviventi sono comparsi ovunque con volantini e canti rumorosi: “Prova i farmaci, non le persone!” “I farmaci nei corpi ora!” Durante una sessione plenaria, hanno bloccato il palco con un gigantesco banner “LAVENDER HILL MOB“. “Perché parli di test invece di salvare la vita delle persone?” Urlarono all’auditorio pieno zeppo.

 

I test obbligatori per combattere l’AIDS

Anche attivisti più calmi, come i rappresentanti del Fondo per la difesa legale e l’educazione di Lambda, erano presenti alla conferenza per protestare contro i test obbligatori – ma è stato il dramma dirompente del Lavender Hill Mob ad aver conquistato la parte della copertura del New York Times, su CNN Headline News e su “Crossfire“, un talk show televisivo ampiamente visto.

AIDS

I malviventi riuscirono a riportare la questione dell’irregolarità del CDC sulla crisi dell’AIDS nei salotti americani. Hanno anche aiutato a convincere i partecipanti alla conferenza: la proposta di prove obbligatorie è caduta in una clamorosa sconfitta.

ACT UP, un’organizzazione militante per l’AIDS, è stata fondata a New York sulla scia del successo della Lavender Hill Mob, e si è rapidamente diffusa in tutto il paese. Modellato sulla tattica di Lavender Hill Mob, l’approccio di ACT UP è stato audace e accattivante – ed efficace. Ha sfidato l’ignoranza e fatto pressione sul governo per mettere finanziamenti significativi nello sviluppo di farmaci per l’HIV / AIDS.

 

Per la chiesa, era un problema morale

Nel 1989, il cardinale John O’Connor di New York guidò un incontro di vescovi in ​​cui gli ecclesiastici accettarono di fare una dichiarazione pubblica ribadendo che l’uso del preservativo era contro l’insegnamento cattolico, a prescindere da ciò che la Commissione sanitaria di New York aveva detto sulla prevenzione dell’AIDS. O’Connor ha dichiarato: “La buona moralità è una buona medicina”.

AIDS

In risposta rapida, centinaia di membri ACT UP, vestiti nel loro meglio della domenica, andarono a un servizio alla Cattedrale di St. Patrick. Distribuirono “programmi di chiesa” ai fedeli che erano volantini che volevano spiegare perché avrebbero interrotto il servizio.

Molti di loro poi si sdraiarono sul pavimento di marmo del corridoio principale della cattedrale e inscenarono un die-in. Altri si sono incatenati a un banco o hanno urlato “O’Connor, ci stai uccidendo!” O, alla congregazione, “Stiamo combattendo anche per le vostre vite!” Fuori dalla cattedrale, si sono radunati circa 5.000 attivisti dell’AIDS, molti di loro che portano cartelli: “Minaccia di salute pubblica: il cardinale O’Connor”, “Preservativi salvano le vite“, “Toro papale“. La protesta ha fatto notizia in tutto il mondo, e i capitoli ACT UP sono stati avviati a Mosca; Città del Capo, Sudafrica; e città in tutta Europa.

 

Anche i repubblicani la pensavano così

Il senatore Jesse Helms (RN.C.) stava cercando di bloccare i sussidi per l’AIDS dagli anni ’80, dicendo ai colleghi senatori che il governo non aveva soldi da spendere per “una malattia diffusa attraverso l’immoralità“. Nel 1991, i membri di ACT UP hanno trovato un società pubblicitaria che produceva gonfiabili giganti. Ordinarono un preservativo giallo-beige da 35 piedi in materiale per paracadute. Su di esso, hanno stampato in grassetto “UN PRESERVATIVO PER FERMARE LE POLITICHE NON SICURE: HELMS È PIÙ MORTALE DI UN VIRUS” – e nelle prime ore di una mattinata l’hanno portato sulla casa a due piani di Helms ad Arlington, in Virginia.

AIDS

Ma la più importante delle proteste contro l’AIDS – “zaps“, le chiamavano i militanti di ACT UP – era quella presso il National Institutes of Health nel periodo in cui Helms stava cercando di bloccare un conto di sussidi per AIDS da 600 milioni di dollari. I membri di ACT UP provenienti da tutto il paese sono discesi nel campus NIH di Bethesda, Maryland, lanciando fumogeni e urlando che le politiche del NIH li stavano uccidendo. Fauci (il capo del presente guida alla fine dell’AIDS) ha invitato diversi leader di ACT UP all’interno e li ha ascoltati. Ciò che ha appreso ha portato al processo di approvazione accelerata che ha contribuito a far arrivare “le droghe nei corpi”, come richiesto dallo slogan ACT UP. “Rude, D’impatto, Efficace: ACT UP cambia le politiche sull’AIDShanno dichiarato i titoli dei giornali. Tale fu l’inizio del vero progresso verso la sconfitta dell’AIDS.

 

Una lunga lotta

Quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario delle rivolte di Stonewall, una protesta militante contro le molestie della polizia in un bar gay nel Greenwich Village di New York che è diventato, come lo chiamavano gli spiritosi, “il salto di fortuna sentito in tutto il mondo”.

AIDS

Sebbene ci fosse stato un piccolo movimento per i diritti degli omosessuali in America dal 1950, ha preso il dramma di Stonewall e l’organizzazione militante seguita per catturare titoli che richiamano l’attenzione sul maltrattamento degli omosessuali e per innescare l’inizio di reali progressi verso le riforme. Lavender Hill Mob e ACT UP avevano imparato bene da quella storia recente l’efficacia di un’azione audace in risposta a circostanze estreme.