gravidanza

Mentre molte persone sanno che il fumo è la principale causa di morte prevenibile negli Stati Uniti, è meno apprezzato che alcune di quelle morti siano neonati.

I ricercatori non comprendono appieno perché le sigarette aumentano il rischio di morte infantile, ma pensano che abbia qualcosa a che fare con l’effetto della nicotina sulle regioni del cervello che interferiscono con i modelli di sonno e di respirazione del bambino. Il fumo è anche noto per limitare il flusso di sangue che trasporta l’ossigeno vitale e nutrienti tra mamma e bambino.

 

Il fumo uccide molto più velocemente i bambini

Quando il fumo uccide, può accadere rapidamente. Circa 3.600 bambini negli Stati Uniti muoiono improvvisamente ogni anno per ragioni sconosciute. Il termine generico per queste morti inspiegabili è SUID, o improvvise morti infantili inattese, di cui la SIDS è il tipo più noto.

In un nuovo studio in Pediatria, i ricercatori hanno stimato che se le mamme in attesa smettessero di fumare, si potrebbero prevenire 800 di quelle morti.

gravidanza

Per quanto riguarda la carta, una collaborazione tra Microsoft e il Seattle Children’s Research Institute, i ricercatori hanno analizzato i dati statistici nazionali vitali dei Centers for Disease Control and Prevention sui 20 milioni di nascite negli Stati Uniti e oltre 19.000 casi di morte improvvisa infantile verificatisi tra il 2007 e il 2011 .

Il team di Microsoft ha costruito un modello computazionale per esaminare come i decessi si correlavano al comportamento del fumo materno, controllando una varietà di potenziali fattori confondenti o altre variabili che avrebbero potuto spiegare gli aumenti delle morti improvvise.

Volevamo fare in modo che le differenze che abbiamo visto nei dati non potessero essere evidenziate con differenze di razza o differenze in nessuna di queste altre variabili“, ha detto l’autrice principale dello studio, Tatiana Anderson, PhD al Seattle Children’s Research Institutee abbiamo ancora riscontrato questo aumento del rischio”.

 

Basta una sola sigaretta

Per essere più specifici, i ricercatori hanno scoperto che qualsiasi fumo durante la gravidanza – anche una singola sigaretta – era associato a un raddoppiamento del rischio che un neonato muoia improvvisamente nel sonno.

E, ha detto Anderson, “ogni sigaretta aggiuntiva ha aumentato il rischio di morte improvvisa. Quindi fumare un pacco al giorno triplica il rischio, e anche se smetti entro il primo trimestre, ciò comporta comunque un aumento del 50 percento del rischio di morte improvvisa del neonato.”

C’erano alcune limitazioni allo studio. Primo, i ricercatori possono solo descrivere le correlazioni tra le variabili che hanno guardato, ma non se uno ha causato l’altro. Inoltre, non disponevano di dati sul consumo di alcol da parte delle madri, che avrebbe potuto avere un impatto con il fumo.

gravidanza

Anche il rischio complessivo di SUID è piccolo – meno dell’1% – ed è difficile sapere quanti decessi siano effettivamente causati dal fumo. Queste morti includono SIDS (il che significa che è stata eseguita un’autopsia ma la causa della morte è sconosciuta); causa sconosciuta (non c’era l’autopsia e nessuna causa nota di morte); e la morte accidentale (un bambino è stato trovato in una posizione di sonno non sicura, è stata fatta un’autopsia, ma non è nota la causa della morte).

“È ancora una piccola percentuale di madri fumatrici che hanno bambini che muoiono di SIDS o SUID”, ha spiegato Anderson. “Sappiamo statisticamente che un certo numero di casi sono causati dal fumo, ma non esattamente quali, quindi sono ancora etichettati come SIDS o SUID.”

Ma c’è una cosa che sappiamo per certo: una percentuale sorprendentemente ampia di donne in America continua a fumare durante la gravidanza, aumentando il rischio di morte improvvisa del neonato.

 

Molte donne americane fumano durante la gravidanza

Secondo gli ultimi dati del CDC, nel 2016 il 7% delle donne che hanno partorito fumavano durante la gravidanza solo negli Stati Uniti. Per le donne di età compresa tra 20 e 24 anni, il tasso di fumo in gravidanza era dell’11%.

Alcuni stati hanno tassi incredibilmente alti di fumo materno. In West Virginia, un quarto delle mamme fuma mentre sono in dolce attesa. Quello fu seguito da Kentucky, Montana, Vermont e Missouri, dove fumò più del 15% delle mamme.

Per John Kahan, il chief data analytics officer di Microsoft, che è stato un attore chiave dello studio dietro le quinte, è troppo.

gravidanza
Dati statistici sulle donne fumatrici durante la gravidanza negli Stati Uniti

La storia di Aaron Matthew

Nell’ottobre 2003, Kahan e sua moglie hanno dato il benvenuto al loro quarto bambino – e al primo figlio – Aaron Matthew. “Siamo stati fortunati che abbiamo avuto alcune ore in cui nessuno sapeva che qualcosa non andava“, ricorda. “Abbiamo foto dei miei genitori e di altri bambini che tengono Aaron.”

Il bambino sembrava completamente sano, proprio come le tre figlie di Kahan. Ma il figlio di Kahan non ha mai lasciato l’ospedale.

Circa sei ore dopo la sua nascita, Aaron smise di respirare. Entro tre giorni, in seguito ai tentativi dei medici di rianimarlo, Aaron fu dichiarato morto.

Per andare oltre la morte di Aaron, Kahan ha dato in beneficenza nel corso degli anni, anche raccogliendo fondi per la ricerca SUID scalando il Monte Kilimanjaro nel 2016. “Volevo assicurarmi che nessun altro genitore vivesse questo“, ha detto a Vox.

Quello stesso anno, la sua tragedia personale assunse un significato nuovo e pubblico. Un collega scienziato dei dati di Microsoft, Juan M. Lavista Ferres, ha visto una foto di Aaron nell’ufficio di Kahan e ha chiesto informazioni sul bambino. Kahan si commosse, spiegando che Aaron era morto.

Mentre Kahan stava scalando il Kilimangiaro, Lavista Ferres ha deciso di scaricare i dati CDC disponibili pubblicamente su nascite e morti infantili negli Stati Uniti e utilizzare la vasta gamma di strumenti di machine learning di Microsoft per analizzare i dati relativi ai pattern.

 

Uno dei primi studi sulle morti infantili improvvise

Uno dei primi studi tratti da questo set di dati è il documento Pediatrics, di cui Lavista Ferres è un coautore. E offre uno dei look più granulosi fino ad oggi al fumo come un contributo alla morte improvvisa del bambino inspiegabile.

gravidanza

“Da quando Aaron è morto, circa 60.000 bambini negli Stati Uniti sono morti da soli, e i loro genitori e nonni non sanno perché”, ha detto Kahan. Tutto sommato, il tasso SUID è rimasto invariato dagli anni ’90, dopo che le campagne sulla salute pubblica che informavano i genitori dei rischi di far addormentare i loro bambini pancia in giù hanno portato a una riduzione del 40% del tasso di SIDS negli Stati Uniti.

Kahan e sua moglie non hanno mai fumato, quindi il giornale non farà luce sulla loro situazione. Ma Kahan spera che aumenti la consapevolezza del problema e aiuti gli altri a evitare la tragedia della sua famiglia: “La mia missione è di garantire che nessun altro genitore possa sperimentare l’improvvisa perdita di un bambino”.